Domenica 26 Febbraio 2017

Pericoli del Cloro per i Pesci

  • Pubblicato il:  24/03/2016
Foto Pericoli del Cloro per i Pesci

La maggior parte degli acquedotti sterilizzano l'acqua con cloro o cloramina, una combinazione di cloro e ammoniaca, per il consumo umano.
Mentre il cloro,in piccole quantità, è innocuo per gli esseri umani, può essere mortale per i pesci.

La quantità di cloro nell'acqua di rubinetto può variare, ma di solito è tra lo 0,5 e 2,0 parti per milione (ppm).

Collegamenti sponsorizzati

Il cloro in acqua reagisce con i tessuti viventi e la materia organica causando la morte cellulare (necrosi acuta) nei pesci.

Dal momento che le branchie dei pesci sono sensibili ed sono esposte direttamente all'ambiente acquatico, la morte delle cellule nelle branchie, apparato di respirazione del pesce, può portare a difficoltà respiratorie e asfissia da avvelenamento da cloro.

Questo fenomeno viene di solito causato da hobbisti di acquari inesperti, mettendo acqua di rubinetto comune nel loro acquario.

Anche alcuni utensili non sterilizzati (reti, spugne, filtri) possono uccidere i pesci.

Il cloro può uccidere i pesci in pochi minuti

Se un pesce è stato avvelenato dal cloro appare molto disorientato e stressato.
Alti livelli di cloro possono causare morte in poche ore o addirittura minuti.

In generale, i pesci più piccoli sono più sensibili rispetto ai pesci più grandi. Pesci interessati possono apparire pallidi e coperti di muco, mentre alcuni presentano arrossamenti (iperemia) su varie parti del corpo.

In genere i pesci possono risalire in superficie per cercare più ossigeno e il nuoto diventa irregolare.

La cloramina, tuttavia, è più stabile in acqua rispetto al cloro, ed è diventata molto più popolare del cloro nelle forniture idriche, perché, a differenza del cloro, non produce trialometani tossici per gli esseri umani.

Altre condizioni tossiche dei pesci possono essere simili all'avvelenamento da cloro (ammoniaca, rame, avvelenamento da organofosfati).
L'ipossia causata da sovraffollamento o da una scarsa areazione può essere confusa con la tossicità al cloro.

Una volta escluse le altre cause, è il momento di trattare il problema del cloro.
Alcuni produttori vendono kit di test per monitorare i livelli di cloro.

Nella maggior parte dei casi la storia e i segni clinici sono in grado di diagnosticare la tossicità da cloro nei pesci.

Trattamento

I pesci gravemente colpiti di solito muoiono.
Se invece i pesci sono stati rapidamente rimossi dall'acqua contaminata possono sopravvivere se non mostrano segni di sofferenza respiratoria entro tre-sei ore dopo l'esposizione.

Per cercare di risolvere il problema, l'acqua contaminata deve essere trattata, o il pesce deve essere posto in una altro acquario o altro recipiente contenente acqua pulita, priva di cloro.

Ci sono alcuni composti commerciali, rapidi e sicuri, per rimuovere il cloro dall'acqua. Questi prodotti contengono tiosolfato di sodio, che inattiva il cloro attraverso una reazione chimica in cui si forma il cloruro di sodio.
Il tiosolfato di sodio è poco costoso, efficace e sicuro (solo 10 grammi di sodio tiosolfato rimuoveranno il cloro da 1.000 litri di acqua con concentrazioni di cloro del 2.0 ppm).

Dopo che il cloro è stato rimosso, l'acqua deve essere ben aerata con ossigeno al 100%.

Dal momento che l'avvelenamento del cloro è quasi sempre un problema acuto, il follow-up è composto principalmente da terapia di supporto per i pesci malati e dalla prevenzione, evitando di mettere acqua clorata nell'acquario.

Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Articoli da non perdere

Accedi
Accedi con il tuo Social Network

Oppure usa i tuoi dati di accesso

Error message here!

Hide Password non vadlida!

Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la Password? Inserisci la mail di accesso e ti invieremo una nuova password.

Mail non valida !

Torna al Login

Chiudi