Martedi' 28 Marzo 2017

Quanta acqua deve bere il Gatto?

  • Pubblicato il:  01/01/2017

I gatti sono animali che non bevono tanta acqua durante il giorno, quindi bisogna prestare attenzione affinchè non si disidratino.
Questo articolo spiega il motivo per cui i gatti bevono poca acqua, le conseguenze per la salute di un gatto disidratato.

Collegamenti sponsorizzati

Perchè il Gatto beve poco?

Coloro che vivono con i gatti possono sorprendersi nel vedere spesso la testa del gatto sotto il rubinetto del lavandino o di una fontana, in attesa delle gocce che cadono, invece di andare a bere nella loro ciotola con l'acqua.

Conoscere i gusti del proprio gatto aiuta a spronare il gatto a bere di più e ad evitare problemi di salute, sia urinari che renali.

Gli antenati dei gatti domestici di oggi sono i gatti selvatici africani che, a causa della scarsità delle risorse d'acqua nelle zone in cui vivevano, adattavano la loro assunzione di liquidi.

Uno scarso apporto di acqua nei gatti favorisce la comparsa di una condizione comune che coinvolge la cristallizzazione dell'urina.

Questa condizione provoca dolore e infezioni nel tratto urinario del gatto

gatto che beve acqua
Un gatto che ha la tendenza a bere poca acqua ha un elevato rischio di sviluppare disidratazione e altre malattie.

Il gatto in generale dovrebbe bere acqua fresca e pulito che va da 50 a 100 millilitri per chilo di peso corporeo al giorno.

Se il gatto supera tale limite potrebbe aver sviluppato problemi alle funzionalità renali.

Tuttavia queste cifre variano a seconda delle circostanze e dalle temperature esterne che possono provocare una maggiore sete nell'animale.

Clicca per ingrandire le foto

Come aiutare il Gatto a bere di più

Le alte temperature estive e una dieta secca sono due dei motivi che possono sviluppare rapidamente la disidratazione del gatto.

Alcune semplici linee guida possono evitare che il gatto beva meno acqua e a mantenere il suo sistema urinario in buono stato.

  • L'acqua deve essere sempre fresca e pulita.
    Il gatto è un animale schizzinoso, e cercherà di evitare di bere se la ciotola dell'acqua è sporca o se l'acqua è calda e maleodorante.

    Cambiano ogni giorno la sua acqua e mettetela in una ciotola pulita.

  • Il materiale della ciotola è importante
    Anche il materiale con cui è fatto il contenitore dell'acqua è importante affinchè il gatto beva abbastanza per rimanere ben idratato.

    La plastica in genere dà all'acqua un sapore che al gatto potrebbe risultare sgradevole.

    Potete utilizzare contenitori in acciaio inox o alluminio anche per mantenere l'acqua più fresca e inodore.

  • L'acqua corrente e il gatto
    Il gatto è attratto dai rubinetti e dalle fontane, ed il mercato ha cercato una soluzione per soddisfare questa sua esigenza.

    Nei negozi per animali potete trovare piccole fontane che funzionano con l'elettricità e il loro prezzo varia tra 20 e 80 euro, a seconda delle caratteristiche del modello, che può essere di plastica o ceramica.

  • gatto beve dal rubinetto
  • Alimentazione umida
    Molti esperti di gatti, raccomandano che il gatto dovrebbe mangiare almeno una volta a settimana del cibo umido in vece delle crocchette, proprio per contribuire a mantenere un livello ottimale di idratazione.

  • Mettere più ciotole d'acqua in diversi zone della casa
    Date al gatto più punti dove poter bere.
    Posizionare diverse ciotole con acqua pulita e fresca in casa è una tattica per aiutare il gatto a bere acqua a sufficienza.

    Questa tecnica è molto utile in caso abbiate un gatto anziano che ha una mobilità limitata o quando avete più animali che vivono nella stessa casa.

Evitate che il Gatto si disidrati

Un gatto che beve poca acqua in genere presenta secchezza delle mucose (naso), appare letargico e privo di forze.

Gatti a pelo lungo, gatti anziani e quelli con malattie renali o diabetici dovrebbero rimanere ben idratati e protetti dalle alte temperature, soprattutto in estate.

Gli effetti sulla salute di un gatto che non beve abbastanza acqua possono potrebbero causare seri problemi e perfino la morte.

I primo organi a degenerare a causa di un ridotto apporto di acqua sono i reni, sopratutto nel caso di gatti con malattie preesistenti.

La mancanza di acqua nel gatto oltre a colpire la sua funzione renale, aggrava i sintomi in quei gatti che soffrono di problemi respiratori o che soffrono di stitichezza.

I gatti anziani possono disidratarsi più facilmente rispetto a quelli giovani, perché non riescono a gestire correttamente i meccanismi idrici del loro corpo.

Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Articoli da non perdere

Accedi
Accedi con il tuo Social Network

Oppure usa i tuoi dati di accesso

Error message here!

Hide Password non vadlida!

Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la Password? Inserisci la mail di accesso e ti invieremo una nuova password.

Mail non valida !

Torna al Login

Chiudi