Lunedi' 23 Gennaio 2017

Megaesofago e rigurgito nel cane: cause, sintomi e cure

  • Pubblicato il:  18/02/2016
Foto Megaesofago e rigurgito nel cane: cause, sintomi e cure

Cos'è il megaesofago

Il Megaesofago è una malattia del cane in cui l'esofago, un tubo muscolare che va dalla bocca allo stomaco, è allargato e mal funzionante.
Collegamenti sponsorizzati

Quando viene ingerito del cibo o un liquido, questo passa attraverso l'esofago, che è si espande e si contrae ritmicamente per spostare i cibi e i liquidi nello stomaco. Quando l'esofago funziona correttamente gli alimenti ingeriti arrivano allo stomaco in pochi secondi.

Se ci sono problemi di mal funzionamento dei nervi e dei muscoli si potrebbero causare problemi di motilità. L'esofago si allunga e le contrazioni muscolari non sono efficienti. Come risultato, il cibo non sempre raggiunge lo stomaco e spesso farà sì che il cane rigurgiti.

Il rigurgito può avvenire entro pochi minuti dalla deglutizione e il cibo potrebbe riapparire in forma tubolare o di salsiccia. Il rigurgito costante predispone gli animali alla polmonite da aspirazione, che si verifica quando un cane inala cibo durante un episodio di rigurgito, e può potenzialmente pericolosa per la sua vita.

Cause di megaesofago nel cane

Il Megaesofago varia in termini di gravità e può essere di natura congenita, il che significa presente dalla nascita, o acquisito.
Il megaesofago di natura congenita è più comune rispetto alla forma acquisita, e alcune razze di cani ne sono maggiormente predisposti tra cui il Fox Terrier, Pastore Tedesco, Alano, Setter irlandese, Labrador Retriever, Miniature Schnauzer, il Terranova, e il Shar-Pei.

La forma acquisita di questa patologia di solito si verifica nei cani più anziani ed è quasi sempre secondaria ad altre condizioni tra cui le malattie autoimmuni neuromuscolari, il morbo di Addison , e l'ipotiroidismo. Può anche essere causato da un problema nell'esofago come un corpo estraneo, infiammazione, o un tumore, come anche per l'esposizione a tossine, compresi gli organofosfati.
Nel megaesofago acquisito è fondamentale identificarne la causa e trattarla anche se in alcuni casi può essere idiopatica, il che significa che non si conosce il motivo.

Sintomi e diagnosi

I sintomi del megaesofago includono rigurgito di cibo e liquidi. Ricordate che il rigurgito è diverso da vomito. Il vomito è un processo attivo in cui il cane elimina il contenuto dello stomaco forzatamente.
Rigurgito è molto diverso. Si tratta di un atto passivo e inaspettato che avviene in una frazione di secondo.

Altri sintomi del megaesofago sono la difficoltà di deglutizione, la salivazione eccessiva, tosse, il cambiamento del tono vocale, scolo nasale, alito cattivo, febbre, perdita di peso, fame eccessiva e respiratoria affannosa.

I cuccioli di cane con megaesofago congenito di solito iniziano a rigurgitare non appena cominciano a mangiare cibi solidi.

Un cane con sospetto megaesofago dovrebbe essere visitato da un veterinario per un esame approfondito. Il megaesofago può essere fatale, soprattutto se si sviluppa una polmonite da aspirazione.

Il veterinario avrà bisogno della storia clinica completa del cane e dovrà prestare particolare attenzione ai sintomi del cane. Esami al sangue e radiografie del torace e all'addome sono necessari per verificare la diagnosi di un megaesofago.

La diagnosi definitiva viene fatta solitamente sia con una fluoroscopia sia con una tecnica più avanzata chiamata esofagoscopia. Questa è una procedura che consente di visualizzare l'interno dell'esofago e può anche essere usata per rimuovere un corpo estraneo o per valutare eventuali ostruzioni o tumori.

Trattamento

Se il megaesofago viene acquisito ed è secondario ad una malattia di base, il problema deve essere identificato e risolto prima possibile.
In caso di megaesofago congenito o idiopatico acquisito, il trattamento si concentra sulla gestione dei sintomi con una terapia di supporto. Ci sono alcuni farmaci che vengono utilizzati in cani affetti da megaesofago, ma non sono sempre efficaci e hanno significativi effetti collaterali.

Animali con megaesofago tendono a stare meglio con piccoli pasti frequenti e fuori dalle ciotole (per esempio in mano), con la testa alzata.

Molti proprietari di cani con megaesofago incoraggiano i loro cani a tenere una posizione seduta per 10 minuti dopo aver mangiato o bevuto, per consentire al cibo e all'acqua di raggiungere lo stomaco.

Alcuni usano un "Bailey Chair", che funziona come un seggiolone per cani mantenendolo in posizione verticale durante i pasti.

Molti veterinari raccomandano anche di aggiungere addensanti nell'acqua per ridurre episodi di aspirazione ricorrenti. Trovare la migliore soluzione cibo-posizione è importante.

La gestione di un cane con megaesofago è ovviamente dispendiosa in termini di tempo, ma con la cura adeguata, molti animali possono vivere una vita relativamente normale.

Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Articoli da non perdere

Accedi
Accedi con il tuo Social Network

Oppure usa i tuoi dati di accesso

Error message here!

Hide Password non vadlida!

Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la Password? Inserisci la mail di accesso e ti invieremo una nuova password.

Mail non valida !

Torna al Login

Chiudi