Venerdi' 15 Novembre 2019

L'olio di CBD riduce le convulsioni nei cani

"Promettente" ed "eccitante" sono le parole di Stephanie McGrath, neurologa veterinaria presso il James Voss Veterinary Teaching Hospital della Colorado State University, durante la presentazione dei risultati di uno studio pilota sul cannabidiolo (CBD) nel trattamento dell'epilessia nei cani.


Lo studio è stato condotto nel 2016 e nel 2017 e i risultati sono stati pubblicati sul Journal of American Veterinary Medical Association. Il CBD utilizzato nello studio è derivato da una pianta di canapa contenente fino ad un massimo dello 0,3% della componente psicoattiva della cannabis, nota come THC.

Anche se ancora non si conosce esattamente l'esatta prevalenza, si stima che l'epilessia nella popolazione canina è presente tra lo 0,6% e lo 0,75% . Questa malattia può essere descritta come un disturbo cerebrale che provoca una serie di reazioni fisiche incontrollabili nel cane, che possono essere convulsioni, rigidità muscolare, rilassamento dello sfintere, abbondante salivazione, vomito, disorientamento o mancanza di risposta allo stimolo.

Tipi di convulsioni nel Cane

Esistono diversi tipi di convulsioni, tra cui:

  • Le convulsioni lievi (assenza di crisi) sono il tipo meno preoccupante e possono essere anche impercettibili, come un movimento oculare anomalo.

  • Un attacco epilettico (convulsioni tonico-cloniche) colpisce entrambi i lati del cervello e del corpo. Si tratta di un'emergenza medica in cui il cane potrebbe anche smettere di respirare e può morire. Proprio per questo è molto importante che venga portato immediatamente in una clinica veterinaria.

  • Le convulsioni seriali sono eventi che si verificano più volte al giorno e molte di queste che richiedono cure mediche urgenti. Se il vostro animale ha subito più di un attacco in un giorno, vi consigliamo di fissare un appuntamento con il veterinario. Questo tipo di convulsioni può causare crisi epilettiche continue, o progressive, sempre più gravi.

In generale, più giovane è il cane, più grave sarà il disturbo convulsivo. Ma quali sono le cause che possono stimolare una convulsione?

  • Trauma cranico che provoca infiammazione al cervello

  • Infezioni batteriche, virali, fungine e parassitarie

  • Malattia epatica (un fegato che non funziona non può elaborare le tossine in modo efficiente; le tossine nel flusso sanguigno possono attraversare la barriera emato-encefalica)

  • Disturbi metabolici come ipotiroidismo

  • Alcuni farmaci per uso umano e veterinario, inclusi prodotti chimici neurotossici e topici per combattere pulci e zecche

  • Tumori cerebrali (specialmente nei cani anziani)

  • Alcune malattie mediate dal sistema immunitario

  • Malformazione congenita del tronco encefalico o del midollo spinale

  • Avvelenamento da piombo, mercurio e piante, nonché l'esposizione a fertilizzanti, pesticidi, insetticidi ed erbicidi

  • Colpo di calore

  • Vaccini veterinari, alcuni dei quali contengono ancora thimerosal, composti organomercuriali o alluminio come adiuvanti
cbd olio cane

Il trattamento con CBD ha ridotto significativamente la frequenza delle crisi

Lo studio è stato condotto su 16 animali domestici, scelti in modo casuale da un gruppo di trattamento o placebo. Nove hanno ricevuto un olio infuso con CBD per 12 settimane; mentre i restanti sette (il gruppo di controllo) sono stati trattati con un placebo e tutti hanno dovuto assumere farmaci anticonvulsivanti, tra cui fenobarbital e bromuro di potassio.

I ricercatori hanno scoperto che l'89% dei cani che hanno ricevuto CBD ha avuto una riduzione significativa nella frequenza delle crisi (variazione del 33%). Hanno anche notato un'importante relazione tra il grado di riduzione delle convulsioni e la quantità di concentrazione di CBD nel sangue dei cani.

Secondo questo risultato, i ricercatori hanno modificato la dose di CBD per i cani che partecipano a un nuovo studio clinico avviato a gennaio 2018, in cui sono stati arruolati 60 cani epilettici.

Ovviamente, è importante consultare il veterinario prima di iniziare un protocollo che includa il CBD.

In commercio si possono trovare prodotti a base di CBD ma è importante avere l'ok del veterinario sulla scelta del prodotto più appropriato e sicuro per i problemi specifici del vostro cane.

Risultati dello studio

Qual è la situazione attuale dei cani? Su 6 cani, tre, che hanno superato i 2 mesi di trattamento, hanno avuto un'evoluzione molto positiva, e non hanno avuto alcun episodio da quando hanno iniziato la cura.

Due di loro hanno ridotto del 25% la dose di antiepilettici che stavano assumendo.

È importante notare che non tutte le epilessie potrebbero migliorare con il CBD. Ogni caso è totalmente diverso e bisogna parlarne con un buon veterinario prima di somministrare qualsiasi tipo di sostanza al vostro cane.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->