Venerdi' 20 Ottobre 2017

Poco ossigeno nell'aquario può essere pericoloso

  • Pubblicato il:  24/03/2016
Foto Poco ossigeno nell'aquario può essere pericoloso

La presenza di poco ossigeno nell'acqua di un acquario può avere conseguenze mortali per i pesci.
Quando una pompa, o la fontana o il filtro non riesce a introdurre ossigeno, i pesci salgono rapidamente in superficie, perchè vanno in debito di ossigeno, e se non si interviene tempestivamente possono morire.

Collegamenti sponsorizzati

L'ipossia è il nome medico del problema in cui vi è troppo poco ossigeno disciolto in un acquario o nello stagno.

La quantità di ossigeno disciolto in un dato volume di acqua dipende da quattro fattori:
- Temperatura
- Pressione atmosferica
- Salinità
- Numero di piante acquatiche nel sistema

Se la temperatura è in aumento, per esempio, livelli di ossigeno disciolto diminuiscono.
Anche all'aumentare della salinità, o se la pressione atmosferica diminuisce, si può verificare la riduzione di ossigeno in acqua.
Le piante acquatiche e le alghe verdi influenzano molto i livelli di ossigeno in un ambiente acquatico.

Durante il giorno, si verifica la fotosintesi e le piante acquatiche producono ossigeno.
Di notte, queste stesse piante assorbono ossigeno, e se numerose, possono esaurirlo completamente.

Questo è un problema raro negli acquari domestici, ma è comune nei grandi stagni poco profondi durante i mesi caldi.

Collegamenti sponsorizzati

Come evitare l'ipossia

Per evitare l'ipossia, assicurarsi che i pesci non siano tanti da affollate l'acquario e di avere un sistema funzionante di filtrazione ed areazione.

Se dovesse mancare l'elettricità:
- Non alimentate il pesce: mangiare aumenta la domanda di ossigeno.
- Mescolate l'acqua dell'acquario ogni ora o due con una frusta o di altro utensile per contribuire ad aumentare i livelli di ossigeno.
- Usate un aeratore a batteria, disponibile in molti negozi di attrezzatura da pesca, è un ottimo strumento di backup.
- Tenete anche sacchetti di plastica in più e secchi puliti, nel caso in cui è necessario spostare il pesce durante un guasto.

È possibile monitorare i livelli di ossigeno utilizzando un kit dell'acqua. Il test standard richiede circa 10 / 15 minuti, ma i risultati sono affidabili.
Esistono anche misuratori elettronici di ossigeno, ma tendono ad essere costosi.

Effettuando un test dell'acqua, il veterinario può escludere problemi di malattie simili all'ipossia tra cui la tossicità da cloro, malattia di Gill e ipotermia.

Se viene diagnosticata l'ipossia da parte del veterinario, la prognosi è generalmente buona, soprattutto se la causa del problema può essere risolta rapidamente.
Il veterinario può anche fornire ossigeno al pesce facendo gorgogliare ossigeno dalla macchina per anestesia, o sigillare il pesce in un sacchetto di plastica con un terzo di acqua e due terzi di ossigeno.

Questo tipo di trattamento di emergenza può tenere in vita il pesce per più di 24 ore.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere