Venerdi' 15 Novembre 2019

Prendersi cura di un cane maltrattato

Sebbene si stia sviluppando sempre più una maggiore consapevolezza su quanto sia importante trattare gli animali con rispetto, purtroppo ci sono ancora casi di abuso davvero drammatici che, oltre a causare loro danni fisici, provoca loro anche danni emotivi.


Le ferite del corpo guariscono più o meno rapidamente, ma quelle dell'anima sono più difficili da guarire e, spesso, per un cane abusato sarà difficile continuare a relazionarsi con le persone a meno che non abbia l'immensa fortuna di capitare in buone mani. Se è il vostro, continuate a leggere l'articolo per imparare come trattare un cane maltrattato.

Il cane è un animale sociale, molto intelligente, ed cerca sempre di evitare conflitti. Se sottoposto ad abusi, indipendentemente dal tipo (bastonate, urla, abbandono, ...) può diventare aggressivo e violento. Maltrattare un cane è vietato dalla legge e, in molti paesi, è addirittura punibile con il carcere.

Cosa posso fare per aiutare un cane maltrattato?

La prima cosa da fare, ma anche la più importante, è provare a conoscerne la storia. Nei centri di adozione di solito sanno più o meno cosa è successo. Conoscere il tipo di abuso che ha subito vi aiuterà a capire meglio il suo comportamento.

Ad esempio, se il cane è stato colpito, potrebbe avere molta paura quando vedrà una scopa o un bastone nelle mani di qualcuno, anche se questo vuole solo accarezzarlo.

Trattatelo con amore, ma con fermezza. Tutti i cani devono potersi fidare di qualcuno e questo qualcuno (voi) deve essere paziente e calmo. Dovrete diventare la sua guida, il suo partner, la sua famiglia. Non umanizzatelo, non trattatelo come se fosse un bambino perché se lo accarezzate quando sta passando un brutto momento (se notate che trema, con le orecchie indietro o in una posizione di sottomissione) imparerà che per avere la vostra attenzione dovrà comportarsi così.

Parlate con lui con voce calma. Siate gentili con lui. Magari potrebbe non capire esattamente quello volete dirgli, ma quando ascolterà la vostra voce dolce e sincera, a poco a poco capirà che non volete fargli del male, che non soffrirà di nuovo, e che ha iniziato una nuova vita. Di tanto in tanto offritegli qualche snack, in modo da accrescere questo senso di sicurezza.

cane maltrattato

Cosa non fare

Un cane maltrattato è anche un cane che è stato ferito. Per tornare alla vita normale (o iniziare a farlo se non ha mai avuto questa opportunità) bisognerà educarlo come se stessimo educando un cucciolo. Sì, in effetti dovrà iniziare da zero. Questo significa che ci sono alcune cose da evitare, tra cui:

  • Movimenti improvvisi e violenti: quando si passa la scopa o si pulisce con l'aspirapolvere, il cane potrebbe sentirsi insicuro e/o impaurito, quindi è consigliabile lasciarlo in una stanza con i suoi giocattoli e con la porta aperta. In questo modo, puoi "rifugiarsi" lì ogni volta che si sente nervoso. Inoltre, se volete accarezzarlo o prenderlo in braccio, bisogna farlo delicatamente.

  • Non costringetelo a fare qualcosa: a meno che la sua vita non sia in pericolo (per esempio, se ha iniziato a mordicchiare i cavi elettrici), evitate di di costringerlo a fare qualcosa che non vuole. Dovete educarlo, sì, ma non sopraffarlo, soprattutto nelle prime settimane che trascorre con voi.

  • Evitate di strattonarlo al guinzaglio: un cane maltrattato di solito non sa camminare bene al guinzaglio. Se non avete pazienza e non gli viene insegnato con rispetto come farlo, è normale che abbia paura di uscire.

  • Fatevi aiutare da un addestratore: per farvi aiutare, soprattutto all'inizio, potreste aver bisogno dei consigli di un addestratore. Non assumete il primo addestratore che incontrate: il vostro cane potrebbe subirne le conseguenze. Informatevi bene sui metodi che utilizza. Un buon professionista lavora positivamente e rispettando l'animale in vostra presenza.

  • Probabilmente occorreranno diverse settimane e persino mesi affinchè il cane si fidi di voi, ma alla vedrete che tutto il vostro lavoro darà i suoi risultati.

    Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

    Non ci sono ancora Commenti

    Lascia Tu il primo Commento

    Ultimi Articoli

    -->