Venerdi' 15 Novembre 2019

Atrofia retinica progressiva nei cani: sintomi e tipi

L'atrofia retinica progressiva è una malattia dell'occhio che colpisce la retina di entrambi gli occhi del cane. La retina è quella parte dell'occhio che cattura le immagini e le invia al cervello. In presenza di lesioni il cane può avere problemi alla vista.


Purtroppo, si tratta di una patologia incurabile ed il cane, prima o poi, perderà la vista. Volete conoscere tutti i dettagli su questa patologia? Continuate a leggere questo articolo.

Cos'è l'atrofia retinica progressiva?

L'atrofia progressiva della retina è una malattia in cui si verifica la degenerazione delle cellule della retina di entrambi gli occhi . Questo problema provoca cecità, poiché le immagini catturate dall'occhio non sono in grado di raggiungere il cervello.

Esistono diversi tipi di atrofia retinica, ad esempio con progressione lenta ed esordio precoce, progressione rapida ed esordio precoce, esordio tardivo, insorgenza improvvisa.

Quali cani possono soffrire di atrofia retinica progressiva?

Questa condizione è presente in numerose razze. Il primo caso documentato è stato descritto su un Setter Gordon nel 1911. È considerata una malattia ereditaria che viene trasmessa attraverso un gene autosomico recessivo .

Ciò significa che, affinché la patologia venga trasmessa dai genitori ai figli, entrambi i genitori devono presentare copie del gene danneggiato. Esistono anche portatori asintomatici.

Come sapere se un cane ha un'atrofia retinica progressiva?

Il primo sintomo indicativo della malattia è la perdita di vista notturna. Lo potete notare perché il cane cammina in modo insicuro quando è buio.

Inoltre, se vi trovate in ​​una stanza buia, potrete notare che ha paura a scendere o salire su divani o letti o potrebbe inciampare sui mobili. La malattia continua a progredire, e ci saranno sempre più difficoltà legate alla perdita della vista. Si potrebbero verificare anche alterazioni nel comportamento.

problemi vista cane
Ad ogni modo, sono sintomi che possono passare inosservati soprattutto all'inizio, ma quando la cecità è già molto avanzata diventerò chiaro che il cane ha un serio problema. Si possono notare le pupille dilatate (poiché non reagiscono alla luce) e alcune volte potrebbe svilupparsi la cataratta (leggi: Cataratta nel cane: sintomi e cure).

  • Atrofia progressiva progressiva lenta con esordio precoce: in questo caso, i cani affetti perdono la visione notturna durante il loro primo anno di vita. Tuttavia, avranno una visione normale durante il giorno per diversi anni. Questa malattia colpisce maggiormente razze come Akita, Schnauzer nano, Bassotto o Setter Gordon.

  • Atrofia progressiva rapida ad esordio precoce: A differenza del tipo precedente, in questo tipo di atrofia, il danno alla vista si verifica durante il primo anno di vita e progredisce rapidamente. Nel giro di pochi mesi, la cecità è già completa. Le razze interessate includono il Collie, il Setter irlandese o il Corgi gallese.

  • Atrofia retinica progressiva a esordio tardivo: questa patologia si verifica nei cani di età superiore ai due anni, che finiscono per diventare ciechi prima di compiere quattro anni. Le razze interessate da questo tipo di atrofia includono il Levriero afgano, il Border collie, il Cocker spaniel o il Labrador retriever.

  • Atrofia improvvisa e progressiva della retina: è il tipo più comune dell'atrofia nei cani di età compresa tra i sei e i quattordici anni. La progressione dell'atrofia è così rapida che, nel giro di poche ore o, al massimo, giorni, la vista è completamente compromessa. In questo caso, l'origine di questa malattia non è nota.

  • Atrofia retinica centrale progressiva: è il tipo meno frequente e appare nei cani più anziani. Sono interessate le cellule centrali della retina, da cui il nome. È più comune in razze come il Golden Retriever, il Border Collie. L'area danneggiata in questa atrofia è quella che fornisce una migliore visione al cane.

    Proprio per questo il cane avrà problemi a vedere oggetti fermi e sotto una luce intensa. Al contrario, il cane riesce a distinguere gli oggetti in movimento perché sono quelli che vengono percepiti con la regione più periferica della retina. Naturalmente, man mano che la malattia progredisce, la vista generale peggiorerà anche se è difficile arrivare ad una cecità totale.

Come si cura l'atrofia retinica progressiva?

Purtroppo, non esiste ad oggi un trattamento per questa patologia. E' comunque importante che, al minimo sospetto di atrofia, il cane venga visitato da un oculista veterinario il quale analizzerà la retina per confermare la malattia. Di solito sarà necessario eseguire alcuni esami specifici come l'ecografia oculare o l'elettroretinografia.

È possibile che il veterinario prescriva un trattamento per rallentare la progressione della malattia . A volte è necessario operare la cataratta, sebbene l'intervento non influenzi la cecità.

I cani tendono ad adattarsi alla perdita della vista ed starà a noi fare uno sforzo per facilitare la convivenza. Come misura preventiva non bisogna far accoppiare cani che hanno la malattia o hanno un alto rischio.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->