Lunedi' 24 Settembre 2018

Sindrome di Shaker nel Cane: cause, sintomi e trattamento

  • Pubblicato il:  17/08/2018
Foto Sindrome di Shaker nel Cane: cause, sintomi e trattamento

Avete mai osservato un cane che trema senza motivo? Una delle malattie di cui possono soffrire i cani è la sindrome di Shaker , conosciuta come sindrome del cane che trema o cerebellite idiopatica.

Per sapere quali sono le cause, i sintomi e, soprattutto, come si cura, continuate a leggere questo articolo.

Collegamenti sponsorizzati

Cos'è la sindrome di Shaker?

È una malattia che consiste in un'infiammazione del cervelletto, la parte del sistema nervoso del cane responsabile della coordinazione dei movimenti e delle contrazioni volontarie dei muscoli.

Anche se non si è stato confermato si pensa che se l'animale soffre di un disturbo del sistema nervoso centrale e/o è a pelo bianco, può avere una maggiore probabilità di sviluppare la malattia.

Infatti, non ci sono chiare cause per cui si verifica questo tipo di malattia. Alcuni studi suggeriscono anche che potrebbe essere il sistema immunitario del cane stesso ad attaccare, mentre altre tesi suggeriscono che la sindrome di shaker sia dovuta ad un'infezione virale che causa l'infiammazione del cervelletto.

Come potete vedere, le posizioni di molti medici su questa malattia sono diverse. Quello che è stato possibile verificare è che i cani di piccola taglia a pelo bianco come ad esempio il Westy o la razza Bichón hanno una maggiore predisposizione verso questo tipo di sindrome, sebbene ciò non significhi che le razze più grandi non possano essere escluse.

L'età più frequente in cui la sindrome di Skaker appare di solito nei cani è compresa tra il primo anno di vita fino a sei anni. Normalmente, i primi sintomi compaiono intorno al primo o secondo anno di vita, anche se ci sono casi di cani in cui la sindrome si sviluppa fin da cuccioli.

Collegamenti sponsorizzati

Quali sono i sintomi e la diagnosi?

I sintomi in molte occasioni possono passare inosservati perché di solito vengono confusi con stati di ansia o per il freddo. Generalmente, peggiorano durante i primi tre giorni e poi diventano più lievi. I segni più comuni di questa malattia sono;

  • Tremori diffusi in tutto il corpo
  • Convulsioni
  • Problemi nel camminare
  • Movimento involontario degli occhi
  • Inclinazione della testa
  • Mancanza di coordinamento
  • Tremori in alcune parti specifiche del corpo

I cani affetti da questo tipo di sindrome possono mostrare tremori che vanno da lievi a gravi, e inibiscono qualsiasi tipo di movimento quotidiano come camminare. Le forti emozioni e lo stress possono accentuare i sintomi ancor più dell'evoluzione della malattia. Anche se è una malattia che può angosciare i proprietari, bisogna sapere che questi sintomi non causano alcun dolore al cane.

Visto che il sintomo della patologia è uno solo, per fare la diagnosi al veterinario basterà eseguire alcune analisi delle urine e del sangue, oltre a prelevare un campione di liquido cerebrospinale.

Inoltre, chiederà al proprietario quando sono iniziati i primi tremori e come si sono sviluppati.

Trattamento della sindrome di Shaker nei Cani

Il tipo di trattamento dipenderà dalla gravità dei sintomi della malattia. Nella maggior parte dei casi, la diagnosi di shaker nei cani viene raggiunta escludendo altri tipi di patologie che potrebbero causare tremori nel cane come un calo della glicemia o squilibri di potassio, sodio o calcio.

Sarebbe consigliabile, prima di far visitare il cane dal veterinario, registrare qualche tremore del cane poiché sarebbe di grande valore durante la visita.

Una volta escluse altre malattie, il trattamento di solito si concentra sulla riduzione dell'infiammazione del cervelletto con l' uso di antinfiammatori come corticosteroidi o benzodiazepine.

A seconda della gravità dei sintomi, la maggior parte dei cani recupera di solito entro una settimana, anche se ce ne sono alcuni che non rispondono subito al trattamento e avranno bisogno di altri farmaci.

Una volta che il cane inizia a rispondere alla terapia, la dose del farmaco verrà gradualmente ridotta e in alcuni casi viene sospeso. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che circa il 25% dei cani affetti dalla sindrome dello shaker deve continuare il trattamento per tutta la vita.

Come prevenire i sintomi

Sebbene la malattia non possa essere prevenuta in quanto le cause sono spesso sconosciute, è possibile aiutare a ridurre i sintomi. Se il vostro cane soffre della sindrome di Shaker, bisogna prendere in considerazione:

  • Evitare situazioni di stress o emozioni
  • Evitare eccessivi sforzi fisici.
  • Evitare le scale
  • Mettere le ciotole con cibo e acqua in posti accessibili

Anche una buona dieta (senza cereali) e cure adeguate (giochi, miele, una buona igiene) sono molto importanti affinchè l'animale possa godere di buona salute e una migliore qualità della vita, ma purtroppo non abbastanza per ridurre il rischio di sviluppare la sindrome di Shaker.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere