Martedi' 28 Giugno 2022

Il blocco gastrointestinale (o stasi/costipazione gastrointestinale) nel Coniglio

  • Pubblicato il:  07/10/2020

Foto Il blocco gastrointestinale (o stasi/costipazione gastrointestinale) nel Coniglio

A volte è solo un rallentamento della motilità intestinale, il coniglio rimane apatico e non mangia, spesso si risolve spontaneamente, quando cioè il coniglio riprende a mangiare, a scaricare e ritorna vispo e si muove come il solito, ma se non dovesse passare entro 2-3 ore allora bisogna correre dal veterinario.


Perchè si verifica

Il coniglio deve sempre mangiare per avere lo stomaco pieno e tenere il sistema gastrointestinale in continuo movimento, il digiuno è mortale, ricordiamoci che il coniglio non è in grado di vomitare.

Esistono 2 tipi di blocco gastrointestinale , è importante andare dal veterinario per riconoscere di quale si tratta per una giusta terapia.

Quando un coniglio ha un blocco gastrointestinale il cibo contenuto nello stomaco rimane fermo per troppo tempo diventando sempre più asciutto e secco, fino a formare una massa dura riconoscibile anche anche al tatto.

Con il passare delle ore si arriverà ad un'ulteriore disidratazione dei contenuti del sistema gastrointestinale fino al blocco completo (stomaco duro).

In altri casi il cibo bloccato nello stomaco comincia a fermentare, producendo gas che riempie stomaco e intestino (addome gonfio), causando forte dolore, anoressia, il coniglio smette di mangiare e di scaricare feci, scatenando il moltiplicarsi di batteri nocivi.

Esistono vari fattori che causano questo problema.

Se invece il problema è un ostruzione intestinale causata dall'ingestione di materiale (plastica, cartone, tessuto) il problema è molto grave, in certi casi si deve ricorrere alla chirurgia.

In alcuni casi si formano masse di pelo ingerito (tricobezoari) che possono ostruire l'intestino.

Altri motivi che possono favorire l'insorgere del blocco gastrointestinale possono essere: brusco cambio dell' alimentazione, freddo (sbalzi di temperatura), stress (cambio casa, operazioni chirurgiche) oppure se il coniglio ha mangiato voracemente.

Primo intervento

Poiché questo tipo di problemi capita con una certa frequenza e di solito nei momenti meno opportuni (di notte, prima di un festivo, in vacanza, ecc.), chi ha un coniglio dovrebbe tenere nella cassetta del pronto soccorso del suo animale tutto l’occorrente per questo tipo di emergenza: il Critical Care disidratato, soluzione di Ringer Lattato per ricostituirlo e siringa grande senza ago o siringa apposita per l’alimentazione dei piccoli animali per somministrarlo.

Ovviamente il fatto di avere i farmaci a casa non significa che dovrete somministrarli a casaccio al primo digiuno del coniglio senza aver prima consultato il suo veterinario.

Ma è chiaro che in caso intestinale il primo trattamento in ambulatorio necessita di essere proseguito a domicilio per diversi giorni.

Anche il movimento può aiutare il coniglio nel riprendere il funzionamento intestinale

Consultare SUBITO il veterinario per visita
Il digiuno per i conigli è mortale, non aspettare assolutamente più di 12 ore per andare dal veterinario di fiducia.

Prevenzione

Fornire sempre molte fibre (fieno, erba e verdura a volontà).
Durante la muta del pelo tenere il mantello spazzolato per evitare che ingerisca troppi peli, somministrare più fieno ed erba a fibra lunga che aiuta l'espulsione del pelo.

Non tenere il coniglio in gabbia, ha bisogno di molto movimento, poche ore al giorno di libertà non sono sufficienti!

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli