Sabato 21 Luglio 2018

Ipertiroidismo nel gatto: cause, sintomi e cure

  • Pubblicato il:  05/06/2016
Foto Ipertiroidismo nel gatto: cause, sintomi e cure

L'ipertiroidismo felino, indicato anche come tireotossicosi nel gatto, è uno dei disturbi endocrini più comuni nei gatti.
Se il vostro gatto adulto inizia improvvisamente a perdere peso, nonostante abbia un appetito vorace, può avere un problema ormonale, in particolare l'ormone prodotto dalla ghiandola tiroidea.

Collegamenti sponsorizzati

In questi casi è importante far visitare il vostro animale da un veterinario, per escludere l'ipertiroidismo felino.

L'ipertiroidismo felino è diventato un disturbo ampiamente riconosciuto in gatti. E' causato da una sovrapproduzione di ormone tiroideo dalle ghiandole tiroidee, che di solito è legata a un ingrandimento benigno (crescita o tumore) di uno o entrambi i lobi della tiroide.

Il cancro della tiroide si trova in meno del 2% dei gatti.
Questo allargamento della ghiandola tiroidea è indicato come adenoma tiroideo o gozzo adenomatoso.

Non è ancora noto ciò che provoca l'aumento di volume della tiroide. La ghiandola tiroidea è costituita da due lobi piani a forma di farfalla e situate ai lati della trachea. Questi lobi sono appiattiti e non possono essere facilmente palpati.

L'ipertiroidismo può avere effetti su più organi, dal momento che l'aumento dei livelli dell'ormone tiroideo accelera il tasso metabolico del gatto. L'ipertiroidismo è diagnosticato nei gatti da 4 anni in su, anche se questa malattia è di solito diagnosticata nei gatti anziani (95% sono hanno almeno 8 anni di età).

Non vi è alcuna causa conosciuta per l'ipertiroidismo anche se il cibo in scatola e l'esposizione all'ectoparassiticida potrebbero aumentarne il rischio.

Sintomi dell'ipertiroidismo nel Gatto

I segni classici sono:
- Perdita di peso a dispetto di un aumento dell'appetito
- Irrequietezza e / o iperattività
- Aumento dei livelli di attività o irritabilità

Altri segni includono:
- Aumento della sete
- Vomito e diarrea
- Ricerca di zone fresche
- Un mantello povero e opaco

Bisogna però precisare che circa il 10% dei gatti può sviluppare un "ipertiroidismo apatico" con sintomi atipici. I segni clinici possono includere stato di torpore, aumento di peso e diminuzione dell'appetito.

Collegamenti sponsorizzati

Diagnosi di ipertiroidismo nel Gatto

La diagnosi può essere fatta con un semplice esame del sangue che misura il livello di ormone tiroideo (T4).
Il veterinario può anche eseguire altri esami diagnostici per escludere altre malattie, tra cui:

- Storia clincia completa e un esame fisico
- Emocromo completo, e profilo chimico del siero
- Radiografie del torace
- Controllo della pressione sanguigna
- Ecocardiogramma
- Elettrocardiogramma (se si sospetta che il gatto abbia un battito cardiaco anomalo o irregolare)
- Test di soppressione T3 in casi difficili da diagnosticare

Trattamento dell'ipertiroidismo nel Gatto

Il trattamento è mirato a controllare l'eccessiva secrezione di ormoni tiroidei e può coinvolgere una varietà di approcci a seconda di diversi fattori.
Questi includono la salute generale del gatto e la disponibilità di prendere in considerazione una terapia con iodio radioattivo.

Ci sono tre metodi principali di trattamento:
- Terapia con iodio radioattivo
- Rimozione chirurgica dei lobi tiroidei anormali
- Terapia medica con Tapazole® (metimazolo) e beta-bloccanti (ad esempio atenololo) per ridurre alcuni dei sintomi di ipertiroidismo
- Regolamentare l'assunzione di iodio dall'alimentazione

Gestione con farmaci
L'ipertiroidismo può essere facilmente trattato con una dose giornaliera di farmaci anti-tiroidei. Compresse o fiale non curano la malattia, ma bloccano solo la produzione eccessiva dell'ormone tiroideo e devono essere somministrati per tutta la vita, di solito due o tre volte al giorno, a intervalli regolari (ad es. prima dose al mattino, primo pomeriggio e ultima prima di andare a dormire). Molti gatti possono comunque vivere una vita lunga e felice con i farmaci per tenere sotto controllo l'ipertiroidismo, ma sono necessarie frequenti visite dal veterinario e test di monitoraggio ormonale.

Chirurgia
Una soluzione comune per i gatti che soffrono di ipertiroidismo è quella di rimuovere chirurgicamente i tessuti tiroidei interessati, nota come tiroidectomia. Spesso rappresenta la soluzione definitiva nella maggior parte dei gatti che soffrono di questa malattia.

Il veterinario, inizialmente stabilizzerà le condizioni del tuo gatto con farmaci anti-tiroidei prima di eseguire un intervento chirurgico, per poi rimuoverne una o entrambe I gatti hanno due ghiandole tiroidee) se sono troppo gonfie. Se viene eseguita una tiroidectomia totale bisogna monitorare il gatto per il rischio di complicanze post-chirurgiche.

Se il veterinario decide di lasciare una ghiandola intatta, in seguito potrebbe iniziare a produrre nuovamente ormone tiroideo in eccesso. Non esiste alcuna regola sul fatto che entrambe le ghiandole debbano essere rimosse insieme o in interventi separati. Solo il veterinario di saprà consigliare l'opzione migliore per il vostro gatto. Dopo l'intervento il gatto dovrà sottoporsi ad esami del sangue regolari in modo da valutare le variazioni dei livelli ormonali.

Ipotiroidismo o tiroide iperattiva a volte possono svilupparsi a seguito di un intervento chirurgico per ridurre una tiroide iperattiva. Anche se dopo l'intervento chirurgico gli effetti collaterali sono rari, il gatto potrebbe mostrare sintomi come perdita di appetito, vomito e debolezza.

Terapia con iodio radioattivo
La terapia con iodio radioattivo viene somministrata con una semplice iniezione sottopelle e quindi assorbita dal tessuto tiroideo anomalo. Distrugge i tessuti colpiti senza danneggiare le ghiandole o i tessuti circostanti. È un trattamento sicuro ed efficace e in molti casi è curativa. Purtroppo, si tratta di un trattamento che viene eseguito solo in alcuni centri specializzati ed è costoso, e richiede che il gatto venga ricoverato in clinica per 3-6 settimane.

Dieta
Il controllo dei livelli di iodio nel corpo(che la ghiandola tiroide ha bisogno per produrre gli ormoni) possono essere controllati anche con una dieta speciale , ma è essenziale che il gatto mangi solo quella dieta e nient'altro.

Perché è così importante trattare l'ipertiroidismo del gatto?

I gatti che soffrono di ipertiroidismo, non solo hanno una minore qualità della vita ma, se non trattati, possono sviluppare insufficienza cardiaca, cecità o addirittura morire. Vi consigliamo, quindi, di portare il gatto direttamente dal vostro veterinario se si notate segni di ipertiroidismo.

Complicazioni dell'ipertiroidismo

L'ipertiroidismo non controllato ha importanti conseguenze sul cuore del gatto, provocando un aumento della frequenza cardiaca, e può anche modificare la parete muscolare del cuore, causando insufficienza cardiaca.

L'ipertensione (pressione alta) è un altra potenziale complicazione dell'ipertiroidismo, anche se meno comune, e può causare danni a diversi organi tra cui occhi, reni, cuore e cervello.
Se l'ipertensione è diagnosticata insieme all'ipertiroidismo, saranno necessari farmaci per controllare la pressione sanguigna.

Malattie renali (insufficienza renale cronica) in genere non si verifica come un effetto diretto dell'ipertiroidismo, ma le due malattie spesso si verificano insieme, perché entrambi sono comuni nei gatti anziani.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere