Sabato 18 Novembre 2017

Cancro nel Gatto: il Linfoma

  • Pubblicato il:  05/03/2016
Foto Cancro nel Gatto: il Linfoma

Il linfoma felino è un tumore maligno del sistema linfatico del gatto. Purtroppo, è il più frequente tipo di tumore diagnosticato tra tutti i tipi di cancro del gatto.

Collegamenti sponsorizzati

In generale, il sistema linfatico felino può essere visto come una rete complessa di componenti che aiuta a prevenire la diffusione di agenti nocivi. Tra questi componenti ci sono il timo, la milza, il midollo osseo.

Il sistema linfatico ha un ruolo fondamentale nel trasporto di un fluido vitale (linfa) in tutto il corpo del gatto. La circolazione di questo fluido è ottenuta attraverso una rete di minuscoli, condotti interlacciati (vasi linfatici) che si collegano tramite piccoli linfonodi, strutture a forma di fagiolo situati all'interno del corpo del gatto, specialmente nel collo, inguine, e dietro le ginocchia.

Il Linfoma può interessare l'intero sistema linfatico, coinvolgendo linfonodi e cellule linfoidi in tutto il corpo del gatto. Un altro tipo, chiamato linfoma mediastinico, si sviluppa in genere nella cavità toracica. E una terza categoria di linfoma colpisce il tratto gastrointestinale.

Molti tumori del sistema linfatico felino, sono strettamente legati all'infezione del virus della leuc

Collegamenti sponsorizzati

emia felina (FeLV) e, in misura minore, al virus dell'immunodeficienza felina (FIV).
Questi virus sono meno frequenti oggi, grazie soprattutto all'isolamento dei gatti infetti e all'uso di vaccini che proteggono contro la FeLV.
Attualmente, il linfoma felino è più presente nel tratto gastrointestinale .

Gatti di qualsiasi età possono sviluppare il linfoma, anche se la maggior parte degli animali colpiti i più anziani, da 10 a 12 anni di età. I gatti non vaccinati, e i gatti che vivono all'esterno sono più a rischio rispetto ai gatti domestici che vivono a casa, in quanto hanno un rischio maggiore all'esposizione della FeLV.

Recenti hanno confermato anche che i gatti esposti giornalmente al fumo di tabacco sono a rischio elevato di sviluppare il linfoma gastrointestinale.

A seconda del tipo di linfoma, i primi sintomi vanno da problemi come la perdita di peso, scarso appetito, e letargia.
Se si sospetta un linfoma, l'animale malato sarà sottoposto ad un esame fisico completo mirato a confermare o escludere una diagnosi presuntiva della malattia.
Ciò comprende un esame completo del sangue, esami delle urine, radiografie del torace, palpazione del corpo del gatto, analisi al microscopio di campioni di tessuto linfonodale, e l'ecografia dell'addome per vedere se il suo fegato o la milza sono aumentati di volume.

Il trattamento per un gatto a cui è stato diagnosticato un linfoma si basa principalmente sulla chemioterapia; in alcuni casi, il gatto può subire un intervento chirurgico per l'asportazione di una massa nell'addome, mentre la radioterapia viene utilizzata in casi selezionati.

Con la chemioterapia molti gatti hanno un tempo di sopravvivenza dell'ordine di sei mesi, anche se ci sono delle eccezioni. Alcuni gatti possono sopravvivere un anno o più.

Anche se il linfoma non può essere impedito, le probabilità che un gatto sviluppi la malattia possono essere ridotte attraverso la vaccinazione contro la FeLV, impedendo il contatto con FIV o FeLV di gatti infetti, e facendo in modo che non viva in un ambiente contaminato dal fumo di tabacco.

Dal momento che la diagnosi precoce della malattia può migliorare le aspettative di sopravvivenza, è importante che tutti i gatti dal settimo anno in su, siano controllati periodicamente dal veterinario con esami fisici e la palpazione approfondita del corpo del gatto.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere