Lunedi' 18 Giugno 2018

Gatto trema: le cause

  • Pubblicato il:  25/02/2017
Clicca per ingrandire le foto

Un gatto può agitarsi e iniziare a tremare per diverse cause. In questo articolo spiegheremo i motivi più comuni per cui il gatto trema, tra cui il freddo, l'ipoglicemia, la febbre etc..

Collegamenti sponsorizzati

Il mio gatto trema: quali sono le cause?

Come spesso accade, un singolo sintomo può corrispondere a cause diverse, alcune benigne mentre altri più gravi. Ecco i motivi principali per cui un gatto potrebbe mostrare tremori:

  • IL FREDDO
    I gatti possono soffrire il freddo tanto quanto noi, così, durante le giornate più fredde potrebbe tornare dal suo giro esterno infreddolito e con i brividi.

  • SOGNI
    Il gatto, soprattutto quando è a casa al sicuro, passa fasi di sonno profonde.
    Anche i gatti hanno quindi momenti di sogno REM, e in questa manifestano tremori e scossoni, accompagnati a volte da piccoli miagolii.

  • TENSIONE E PAURA
    Quando un gatto è sotto pressione, a volte elimina lo stress accumulato tremando, soprattutto nei momenti rilassanti.
    Anche un'intensa paura può causare uno stato di agitazione incontrollabile, ed il gatto è così teso che tutti i muscoli iniziano a vibrare.

  • AVVELENAMENTO O INTOSSICAZIONE
    Veleni, diserbanti o alimenti tossici possono causare danni a livello neurologico e causare tremori incontrollabili.
    Alcuni possono, purtroppo, portare alla morte del gatto.

  • DOLORE
    I gatti sono animali che tendono a nascondere il dolore, ma quando il dolore è troppo forte, iniziano a manifestare cambiamenti nel loro comportamento.
    Un gatto prostrato, piegato su se stesso e tremante sta certamente soffrendo.

  • MALATTIE
    Alcune malattie causano dolore nel gatto, come la malattia articolare.
    Malattie congenite, disfunzioni neurologiche, insufficienza renale o l'ipotiroidismo possono causare tremori, anche se accompagnati da altri sintomi.
    Inoltre, i gatti, come noi, possono soffrire di ipoglicemia (bassi livelli di zucchero nel sangue) e tra i tanti sintomi può causare tremori.

  • FEBBRE
    Infine, il gatto può iniziare a tremare a causa della febbre alta, soprattutto oltre 39-39,5 °C. Il gatto appare letargico e tremante in ogni parte del corpo. A secondo della causa, il corpo del tuo gatto può diventare caldo e produrre dei brividi. Hai un termometro? Misura la temperatura del tuo gatto.

  • IPOTERMIA
    Oltre alla febbre, anche l'ipotermia può far tremare il gatto. L'ipotermia è molto comune nei gatti più giovani e i quelli più anziani, che non sono in grado di regolare la loro temperatura corporea.

  • STRESS
    A volte i gatti reagiscono tremando a situazioni stressanti come un rumore improvviso per strada o la presenza del gatto del vicino, etc... E' importante creare un ambiente rilassante per il gatto e dargli la possibilità di nascondersi quando ha paura. Col tempo, si sentirà al sicuro e meno stressato.
Anche la malattia epatica congenita (che colpisce il fegato), maggiormente presente nei gatti persiani, provoca tremori, in particolare dopo i pasti.

Collegamenti sponsorizzati

Cosa fare se il gatto trema?

Una delle cose da fare se vediamo che il gatto inizia a tremare è quella di prendere la temperatura rettale con un termometro elettronico fine e flessibile.

Il risultato vi darà una buona indicazione sulla sua condizione di salute ed è anche una delle prime domande che vi potrebbe chiedere il veterinario se lo chiamate.

Bisogna sempre capire se questi tremori sono innocui o nascondono un problema di salute.
Per confermare una diagnosi, il veterinario avrà bisogno di sapere alcune cose:

  • Annotate se il vostro gatto trema in orari specifici e / o il tremore è ricorrente (al momento pisolino, dopo i pasti, ecc)

  • Cercate di ricordare se queste scosse sono presenti da quando il gatto è giovane o se si sono presentate improvvisamente;

  • Che tempo fa fuori? Il vostro piccolo gatto è tornato bagnato?

  • Sembra che sia caduto? Ha la febbre? Appare letargico e senza forze? Vi sembra abbia dolore? Sembra confuso?

gatto infreddolito

Tutte queste domande possono aiutare a fare un bilancio e a stabilire se è necessaria una consultazione veterinaria.

Il veterinario eseguirà un esame completo prima di definire la diagnosi e iniziare un trattamento adeguato.
In ogni caso, non trascurate questa situazione e monitorare da vicino il vostro amico peloso.

Imparare ad osservare il proprio animale aiuta ad individuare più facilmente i segnali che ci manda.
Quando si vive tutti i giorni con uno o più animali, questa capacità di osservazione matura a poco a poco.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere