Sabato 18 Agosto 2018

Gatto Persiano: caratteristiche e cure

  • Pubblicato il:  24/02/2016
Clicca per ingrandire le foto

Caratteristiche fisiche

Il gatto persiano è un gatto di medie dimensioni, con un corpo ben equilibrato e un'espressione dolce del viso. Ha una testa grande e rotonda, orecchie piccole e una coda relativamente breve.
Collegamenti sponsorizzati

La razza è stata originariamente creata con un muso piccolo, ma nel tempo questa caratteristica è diventata esagerata, in particolare in Nord America.

I gatti persiani sono suscettibili ad alcuni problemi di salute proprio a causa di questa caratteristica, che colpiscono soprattutto l'apparato respiratorio superiore. Inoltre, la razza persiana con piccoli musi accumula polvere e detriti all'interno delle narici, rendendo difficile la respirazione.

Il persiano è anche famoso per il suo lungo mantello setoso e splendente. Il colore più comune è l'argento ma ci sono più di 80 colori disponibili, compreso il nero, il blu, il color crema, e il grigio fumo.

Personalità e temperamento

Questo gatto può rimanere fermo e immobile per lungo tempo, e, proprio per questa loro caratteristica, spesso sono stati chiamati "mobili con la pelliccia". Tuttavia, si tratta di una reputazione poco meritata, in quanto i gatti persiani sono estremamente intelligenti e amano giocare, ma non hanno la stessa curiosità che altri gatti possiedono.
Se siete alla ricerca di un gatto dolce e docile, allora il gatto persiane è il gatto che fa per voi. E' estremamente affettuoso e ama essere accarezzato, ma è il tipo di gatto che non mostrerà molto affetto.

Cura e igiene di un Gatto persiano

La razza persiana appartiene a quei gatti che hanno un bisogno notevole di cure. Il persiano ha bisogno di essere spazzolato quotidianamente per almeno 5-10 minuti in modo da mantenere il suo mantello liscio e senza nodi.

Inoltre, la spazzolatura stimola la circolazione del sangue nella pelle, aumenta la secrezione delle ghiandole sebacee e il gatto avrà peli più sani e luminosi.

Alcuni proprietari di solito tagliano i peli troppo lunghi del gatto, in particolare intorno all'ano, in modo da mantenerlo pulito da feci.

Se riusciste ad abituare il vostro gatto persiano ad fare un bagno almeno una volta al mese, con lo shampoo giusto, avrete un compagno sempre in perfette condizioni, pur considerando il fatto che non tutti i gatti accettano di buon grado questa operazione.

gatto persiano

Storia del Gatto persiano

Il gatto persiano è stato a lungo ai primi posti nelle classifiche per popolarità. Ha partecipato a mostre già dal 1871, quando si è tenuta la prima mostra felina al Crystal Palace di Londra. A questo gala, organizzata da Harrison Weier, erano presenti molti rappresentanti di questa razza, collocandosi sempre tra i favoriti.

Il persiano è stato registrato con la Cat Fanciers Association (CFA) nel 1871. I suoi antenati a pelo lungo sono stati visti in Europa già a partire dal 1500, e probabilmente sono stati portati al continente dai romani dalla lontana Persia (oggi Iran) e dalla Turchia. E' opinione diffusa che il gene recessivo del pelo lungo è apparso nei gatti che vivono nella zona montagnosa in Persia.

Alcuni di questi gatti persiani sono stati importati in Italia nel 1600 da Pietro della Valle (1586-1652), un viaggiatore italiano. Nel suo manoscritto, Viaggi di Pietro della Valle, il persiano è stato descritto come un gatto grigio con lunghi capelli setosi.
Altri gatti persiani sono stati portati dalla Turchia in Francia da Nicholas-Claude Fabri de Peiresc, un astronomo, e successivamente in Gran Bretagna da altri viaggiatori.
Nei primi anni del 1900 la razza persiana era molto comune, e i Persiani Blu erano particolarmente ricercati, e anche la regina Vittoria ne possedeva due.

Sempre nel 1900, il Consiglio direttivo britannico del Cat Fancy ha deciso che il Persiano (così come l'Angora e Longhairs russo) dovevano essere conosciuto semplicemente come gatti a pelo lungo, classificazione che continua ancora oggi.
La razza dei gatti persiani non è stata importato in Nord America fino al 1800, dove sono stati subito classificati. C'è stato anche un tentativo, fallito, degli Stati Uniti di collocare il Persiano Silver in una categoria a parte chiamata Sterling.

Indipendentemente dal colore del gatto persiano, c'è una cosa certa: si tratta di un gatto di lusso dall'aspetto e con una grande personalità.

Collegamenti sponsorizzati

Salute del Gatto Persiano

Come gli esseri umani, anche un gatto può sviluppare una malattia, genetica o acquisita. Qualsiasi allevatore che dice che la sua razza non ha problemi genetici mente o non conosce le caratteristiche della razza.

I gatti persiani, ad esempio, potrebbero soffrire di alcuni problemi di salute ereditari che devono essere monitorati fin da quando sono cuccioli. Alcuni di questi problemi sono: il rene policistico, l'atrofia retinica progressiva, la cardiomiopatia ipertrofica.

Come già accennato, sono comuni anche alcuni problemi respiratori. Mantenerli in un ambiente ben climatizzato, lontani da fonti di calore eccessivi, possono aiutarli a rimanere protetti e sani.

I gatti persiani sono inclini a ingrassare, soprattutto per la loro natura calma e coccolona. Questo è il motivo per cui è importante controllare l'alimentazione, specialmente dopo averli sterilizzati.

3 razze di Gatto persiano

Il gatto persiano è uno dei gattini più amati e ricercati come animali da compagnia, non solo per la sua affascinante e morbida pelliccia, ma anche per il suo carattere gentile e tenero. Se volessimo sceglierne uno in particolare, potremmo perderci visto che esistono sono circa 200 varietà diverse, nate da più incroci. Ma vediamo quali sono i più popolari.

gatto persiano chinchilla
Il gatto persiano Chinchillà. Conosciuto per la prima volta nel 1888 a Londra, era un gatto che non poteva passare inosservato, grazie alle sue caratteristiche distintive e sorprendenti tra cui il mantello bianco con riflessi argentei e morbido, gli occhi verdi, e una linea color mattone scuro sul naso.

È il più piccolo dei gatti Persiani, ma anche molto attivo, cacciatore e giocherellone. Amano la vita all'aria aperta e quando il tempo è bello aspettano di uscire e avventurarsi in giro per casa. Sono affettuosi ma solo quando lo vogliono loro e non amano molto gli abbracci e e le coccole. La loro tenera espressione ci lascerà senza fiato.

gatto persiano himalayano
Il Gatto persiano himalayano. Il suo nome è dovuto alla somiglianza del mantello con il coniglio dell'Himalaya. È ormai noto che questo gatto è nato grazie all'incrocio tra razze persiane e siamesi, grazie alla sperimentazione di due scienziati dell'Università di Harvard negli anni '30, che volevano capire il meccanismo della trasmissione del colore nel mantello dei felini.

Il gatto himalayano è caratteristico perchè ha molti lunghi peli di color crema (come il persiano) tranne nelle estremità, orecchie e muso marrone (come il siamese). Ha gli occhi arrotondati azzurri e il viso leggermente appiattito.

È un gatto molto attivo, intelligente e curioso, ideale per vivere con altri animali o con bambini piccoli. Per il suo carattere calmo e socievole è molto fedele al suo proprietario e ama stare in compagnia e ricevere tante coccole.

gatto persiano americano
Il Gatto persiano americano. Questo gatto non rientra tra le classificazioni dei Persiana. La scelta di ciò è dovuta alla presenza di una razza molto simile nata negli anni '60, il Gatto esotico, che ha avuto origine dal gatto persiano, ma con la differenza di avere peli più corti e una faccia piatta.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere