Domenica 28 Maggio 2017

La chemioterapia per il Cane

  • Pubblicato il:  10/06/2016

La diagnosi di cancro nel cane è molto dolorosa per un proprietario, e anche la prospettiva di un trattamento con la chemioterapia può essere altrettanto difficile.

Collegamenti sponsorizzati

Sapere come funzionano i farmaci anti-cancro chemioterapici e cosa ci si deve aspettare dal trattamento può aiutare i proprietari di un animale a decidere se la chemio è la scelta migliore per il proprio amico a quattro zampe.

Quando è consigliata la chemioterapia nel Cane

La chemioterapia può essere utilizzata per trattamento di alcuni tumori nel cane o in combinazione con altri tipi di trattamento, come la chirurgia e la radioterapia.

La chemioterapia in genere si raccomanda nei cani che hanno sviluppato un tipo di cancro ad elevato rischio di diffusione in altre zone del corpo (metastasi), per i tumori che si sviluppano in diverse parti del corpo o per i tumori che non possono essere rimossi chirurgicamente.

In alcuni casi, la chemioterapia viene utilizzata per ridurre le masse di grandi dimensioni prima dell'intervento.
Per i tumori che sono ad alto rischio di metastasi, la chemioterapia viene usata dopo l'intervento chirurgico per aiutare a prevenire o per ritardare la ricrescita locale o la diffusione del cancro in altre parti del corpo.

Come funziona la chemioterapia nel Cane

I farmaci chemioterapici attaccano le cellule durante il processo di crescita.
Ogni farmaco funziona con meccanismi diversi, alcuni danneggiando il materiale genetico delle cellule malate (DNA), altre impedendo alla cellula di dividersi e di diffondersi.

Tuttavia, i farmaci chemioterapici non riescono a distinguere le cellule tumorali da quelle sane.
Tutte le cellule in rapida divisione sono potenzialmente attaccate dalla chemioterapia, e questo causa la maggior parte degli effetti collaterali osservati con la chemioterapia.

Fortunatamente i tessuti normali continuano a crescere e a riparare, quindi il danno causato dalla chemioterapia è solo temporaneo.

Effetti collaterali della chemio nel Cane

Rispetto alle persone, i cani hanno minori effetti collaterali.
La ragione principale è che in genere si usano dosi più basse di farmaco, quindi sarà minore anche l'effetto tossico. I cani, quindi, non soffrono dei comuni sintomi che si notano invece nelle persone, come la nausea e il vomito.

I tessuti del cane più sensibili alla chemioterapia sono il rivestimento intestinale, il midollo osseo (che produce i globuli rossi e bianchi) e i follicoli piliferi.

La maggior parte dei casi di tossicità intestinale negli animali sono lievi e di solito si risolvono da soli o con la somministrazione di farmaci.
Alcuni casi possono richiedere il ricovero in una struttura veterinaria per seguire un trattamento più specifico, ma sono casi molto rari.

I problemi al midollo osseo possono causare il calo del numero dei globuli bianchi, portando ad una maggiore predisposizione alle infezioni.
I casi gravi richiedono il ricovero con trattamento intensivo, ma nella maggior parte dei casi i globuli bianchi vengono controllati su base settimanale o prima che ogni chemioterapia venga somministrata in modo da anticipare eventuali effetti collaterali.

La perdita di peli (alopecia) non è un effetto collaterale comune nei cani. Solo i peli in crescita sono influenzati dalla chemioterapia, e solo alcune razze ne sono colpite (barboncini e alcuni terrier).

I baffi, soprattutto nei gatti, spesso cadono ma ricresceranno una volta che i cicli di chemioterapia vengono interrotti.

Ci sono diversi tipi di agenti chemioterapici e ognuno può causare effetti collaterali differenti.
Raramente si vedono gravi effetti collaterali, come già accennato, soprattutto se il trattamento viene gestito correttamente, e la maggior parte di questi animali riesce a recuperare dalla chemioterapia senza complicazioni.

Tenete sempre presente che ogni animale può sviluppare una reazione inaspettata a qualsiasi farmaco, quindi anche alla chemio.

Clicca per ingrandire le foto

Quanto costa la chemio per il Cane

Il trattamento del cancro nel cane con la chemioterapia può essere costoso.
In genere vengono utilizzati gli stessi farmaci per trattare le persone affette da cancro, e molti di questi farmaci hanno prezzi elevati.

Il costo esatto della chemioterapia varia a secondo delle dimensioni del cane, il numero di trattamenti e i tipi di farmaci somministrati.
In genere si fa riferimento ad un veterinario specializzato in oncologia, anche per discutere se esistono altre opzioni disponibili per la cura del tumore.

Come viene somministrata la chemioterapia?

La modalità di somministrazione di un farmaco chemioterapico varia da animale ad animale, dal tipo di tumore, dall'estensione della malattia e dalla salute generale del cane.

Ci sono farmaci che vengono somministrati a casa per via orale (compresse), altri con iniezioni per via endovenosa che richiedono il ricovero day-hospital e altri per via endovenosa lenta che in genere richiedono il ricovero dell'animale per uno o due giorni.

I trattamenti sono in genere ripetuti una volta a settimana o una volta al mese. Possono essere necessari esami del sangue per monitorare gli effetti della chemioterapia prima di ogni trattamento.

Anche la durata della chemioterapia varia. Alcuni cani hanno bisogno della chemio per lunghi periodi (diversi mesi), mentre altri possono richiedere solo 2-3 trattamenti.

Cosa ci si deve aspettare dalla chemio per il Cane?

In alcuni casi la chemio non è in grado di curare i cani affetti da cancro.
L'obiettivo di ogni veterinario è quindi quello di migliorare la qualità della vita di un animale, e a tal fine, la chemioterapia può essere utilizzata per ridurre al minimo il disagio causato da un tumore o per rallentare o arrestare la progressione della malattia.

La decisione se iniziare un trattamento chemioterapico può essere complessa. Le informazioni mediche, i problemi pratici e soprattutto finanziari giocano un ruolo importante in questa decisione.

Cercate di farvi consigliare con il vostro veterinario di fiducia ed esponetegli le vostre preoccupazioni prima di prendere qualsiasi decisione.

Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere