Sabato 3 Dicembre 2022

La sindrome del cane Brachicefalo.

  • Pubblicato il:  07/10/2020

Foto La sindrome del cane Brachicefalo.

La sindrome del Cane Brachicefalo può essere definita come un'ostruzione delle prime vie respiratorie risultante dalla conformazione anatomica dei cani brachicefali.

In generale si definiscono brachicefale le razze in cui la mascella è più corta del solito.


Razze brachicefale sono per esempio il Bulldog inglese, il Boxer, il Carlino, il Pechinese, il Cavalier King Charles Spaniel, il Bouledogue francese, lo Shih-tzu, il Boston terrier, il Dogue du Bordeaux, il Bullmastiff e il LhaI.

Quali problemi possono riscontrare

I cani brachicefali e in minor misura i gatti hanno spesso dei difetti anatomici, che portano a difficoltà respiratorie anche gravi. I difetti più comuni sono:
- la stenosi delle narici
- il palato molle troppo lungo
- displasia e/o collasso del laringe
- eversione dei sacculi laringei
- ipoplasia della trachea (diametro ridotto del lume tracheale)

Questi difetti provocano una riduzione del flusso d’aria che entra durante la fase inspiratoria, che si manifesta con una respirazione rumorosa con stridore e specialmente sotto sforzo e alte temperature ambientali, cianosi (lingua blu) e collasso.

Con il passare del tempo, si assiste ad un graduale peggioramento dei sintomi causati dell’infiammazione ed edema della mucosa, e anche con sforzi minori (anche il solo fare le feste) si può avere il collasso (svenimento).

Guarda il Video

Che bel sonnellino questo Bulldog inglese...e come russa !!
Che bel sonnellino questo Bulldog inglese...e come russa !!

Cosa fare se ho il cane brachicefalo?

Chi ha un cane a muso corto, è sempre bene che sottoponga a visita accurata il proprio animale per escludere la presenza di tali difetti, in particolar modo se si notano poca vitalità, facile affaticabilità o un respiro rumoroso; in caso di cianosi (lingua blu) o collasso bisogna recarsi quanto prima dal veterinario per effettuare terapie d’urgenza.

Più il cane è brachicefalo, maggiori saranno i problemi. Ecco perché cani di razze estremamente selezionate e molto spinte possono avere più problemi.

La visita preventiva consiste nella valutazione esterna delle narici e da esami radiografici del torace, inoltre in casi particolari una valutazione diretta, attraverso l’utilizzo di un laringoscopio o meglio di un endoscopio, del laringe e della trachea.

Non tutti i difetti si presentano sempre insieme, stabilito quale o quali siano i difetti presenti si esegue in genere una terapia chirurgica.

E’ importante intervenire il prima possibile al comparire dei primi segni di disagio respiratorio.

Come si cura la sindrome brachicefala del Cane

Esclusivamente chirurgica.
L’operazione consisterebbe nell’accorciare il palato, oppure (a seconda dei casi) nell’allargamento delle narici.

Una volta che l’animale si sarà ripreso tornerà a giocare con voi, come prima e meglio di prima.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli