Venerdi' 15 Dicembre 2017

Rimuovere il tartaro dai denti del Cane

  • Pubblicato il:  12/07/2016

Avete mai notato un cane dall'alito cattivo, o visto macchie e sporcizia tra i suoi denti? Se è così, è probabile che il vostro cane ha accumulato del tartaro nei denti.

Collegamenti sponsorizzati

Cos'è tartaro e quali cane sono più inclini?

La bocca del cane, così come accade per le persone, ogni giorno è piena di batteri che formano la placca.
In aggiunta a questo possono rimanere vari pezzi di cibo che si decompongono provocando un alito cattivo.

Il tartaro si accumula prevalentemente nello spazio tra la gengiva e il dente e può portare a infezioni secondarie e alte malattie.

Quando il nostro cane presenta tartaro nei denti, non è più possibile rimuoverli con la dieta e lo spazzolamento, quindi è preferibile agire preventivamente per evitarne la formazione.

L'unico modo veramente efficace è la pulizia dei denti e delle gengive, come facciamo noi dal dentista, ma eseguita da un veterinario professionista.

Tutti i cani possono sviluppare tartaro, ma ce ne sono alcuni più predisposti:
- nelle razze di taglia piccola lo smalto dei denti è di qualità inferiore e, in aggiunta ai denti più piccoli che ostacola la normale pulizia, la formazione del tartaro
avviene più velocemente.

- nei cani brachicefali, a causa della forma del cranio e della mascella, i denti sono molto vicini e questo favorisce la formazione del tartaro ed è anche difficile da rimuovere.

- anche i cani di età superiore ai 5 anni possono iniziare ad mostrare segni della formazione di tartaro.

Quali sono le conseguenze del tartaro nei Cani?

Ci sono molte conseguenze della presenza del tartaro nei denti sulla salute del cane. Di seguito riportiamo quelle più importante:


- Il primo problema riscontrato è l'alito cattivo o alitosi: questo cattivo odore nella bocca del cane, che a volte può essere rilevato a distanza, è un sintomo della formazione del tartaro e di altre possibili malattie. Pertanto, bisogna consultarsi con il veterinario e aiutare il nostro amico peloso ad eliminare l'alito cattivo e a prevenire tartaro.

- La gengivite è un altro problema derivante dalla formazione della placca nella bocca dei nostri cani: gengive sono rosse, gonfie e che gradualmente si ritirano e lasciano la radice del dente scoperta.
Questo provoca il deterioramento dei denti, indebolendo il legame del dente alla mascella e può facilitarne la perdita

- La malattia parodontale: se il tartaro non viene rimosso è possibile sviluppare una malattia paradontale.
Gengiviti e alitosi progrediscono fino ad attaccare altre strutture della bocca (radici dentali, palato, mandibola, mascella, ecc).
Infine, la gengive può infettarsi e provocare la caduta dei denti.

Queste infezioni di solito progrediscono in ascessi che potrebbero a volte colpire anche gli occhi e il naso dell'animale.
L'unico modo per risolvere questa malattia è tramite una pulizia professionale eseguita dal veterinario e con l'aggiunta di una terapia antibiotica.

Questa serie di problemi dentali nel cane possono portare a gravi infezioni, e in rari casi anche la morte.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

E' possibile prevenire il tartaro?

Come nel nostro caso anche per nei cani possiamo prevenire il tartaro e le sue conseguenze.
Come? Ebbene, proprio come facciamo con la nostra bocca, seguendo uno schema di igiene orale.

Siamo in grado di prevenire il tartaro nel cane con:

Guarda il Video

Come lavare i denti al Cane
Come lavare i denti al Cane

- Una spazzolatura quotidiana dei denti del cane. Molto importante abituarli fin da cuccioli per facilitare il processo e scegliere un tipo di spazzolino da denti e dentifricio adatti per loro.

- Alcuni giocattoli, ossa, biscotti e alimenti speciali che possono essere masticati e tenuti contribuiscono a tenere la bocca pulita più a lungo.
Sono in genere composti da elementi abrasivi che aiutano a rimuovere la placca dalla superficie del dente.

- Una buona salute fisica può sempre aiutare a prevenire l'infezione, grazie anche alla corretta alimentazione e all'esercizio fisico.

Nel caso in cui non si riesce ad evitare la formazione del tartaro nel cane, possiamo ancora prevenire la malattia parodontale.
Se notiamo un accumulo di tartaro impossibile da rimuovere tramite la normale spazzolatura, portiamo il cane dal veterinario per far eseguire un'accurata pulizia professionale.

La pulizia veterinaria deve essere sempre eseguita in anestesia generale con un anestesista, un assistente veterinario e un veterinario che svolgono il processo in sicurezza. Il tartaro verrà rimosso con strumenti speciali e senza danneggiare lo smalto dei denti.

In caso di malattia paradontale avanzata spesso durante la pulizia potrebbero rompersi alcuni denti, non per l'azione di pulizia dei denti, ma perché di solito sono già quasi staccati dalla mascella superiore o inferiore.

Alcuni consigli per prevenire e rimuovere il tartaro dalla bocca del vostro cane

Infine, vogliamo darvi alcuni consigli per aiutare l'igiene orale del vostro cane per prevenire e rimuovere il tartaro:

- Correggere le cattive abitudini alimentari del cane che possono favorire la formazione di tartaro.
La causa principale della formazione di incrostazioni è il cibo morbido. Questi alimenti si attaccano facilmente sui denti e gengive, pertanto, la migliore cosa è passare ad un cibo o mangime secco che possa levigare la superficie del dente e lasciare meno rifiuti.

- Aiuta il cane ad abituarsi alla spazzolatura quotidiana dei denti fin da cucciolo. Sarebbe ottimo farlo giornalmente, ma è dimostrato che con un minimo di tre volte alla settimana, la maggior parte dei cani riescono a prevenire il tartaro.

- Acquistare giocattoli e premi speciali, oltre a divertire il vostro animale contribuiscono a mantenere la salute della sua bocca.
Ad esempio, nel caso di corde, i cani morderanno allo stesso modo in cui noi umani facciamo con un filo interdentale.

- La pulizia professionale è spesso necessaria nonostante una corretta igiene orale.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere