Giovedi' 23 Novembre 2017

Sindrome di Cushing nel Cane

  • Pubblicato il:  02/10/2016
Foto Sindrome di Cushing nel Cane

Se il cane ha più di 6 anni e ad un certo punto inizia a bere più acqua del solito portando ad un aumento della produzione di urina, ha più fame del normale, presenta zone del corpo dove mancano peli, bisogna che sia visitato da un veterinario perchè potrebbe essere affetto dalla sindrome di Cushing.

Collegamenti sponsorizzati

Il termine "sindrome di Cushing" viene usato per descrivere un insieme di sintomi e di alterazioni biologiche che sono causa di un aumento cronico dei glucocorticoidi nel corpo del cane.

E' un'alterazione ormonale comune nei cani adulti, con più di 10 anni, anche se ci sono stati numerosi casi in cani giovani.
Si tratta di un processo cronico che può portare ad altre complicazioni, come il diabete mellito.

Cause

Le cause della malattia sono diverse:

  • Problemi alla ghiandola pituitaria

  • Problemi alle ghiandole surrenali

  • Può essere secondaria all'uso medico di glucocorticoidi per il trattamento di alcune malattie nei cani.

In condizioni normali di salute, ghiandola pituitaria del cane secerne ACTH, che a sua volta stimola la produzione di cortisolo da parte della ghiandola surrenale (in realtà sono due ghiandole situate in zone molto vicine a ciascuno dei reni).

In circostanze patologiche, cioè quando è presente la malattia di Cushing, questa produzione di ormoni è alterata.

Sintomi

La sindrome di Cushing nel cane è caratterizzata da un grande polimorfismo clinico poiché glucocorticoidi agiscono sul metabolismo dei vari organi.

I sintomi compaiono gradualmente (nel corso di mesi e anche anni) di solito precedono i sintomi della pelle:
  • Il primo sintomi che si presenta di solito è un aumento dell'assunzione di acqua (polidipsia) e un aumento della minzione (poliuria).

  • Il cane avrà più appetito e quindi mangerà di più (polifagia).

  • Potrebbe iniziare un'atrofia muscolare, lassità legamentosa (origine della rottura spontanea del legamento crociato anteriore del ginocchio), letargia, distensione addominale (addome penzolante).

  • La palpazione addominale spesso rivela l'esistenza di un ingrossamento del fegato (epatomegalia).

  • Più raramente si riscontra dispnea restrittiva, intolleranza all'esercizio, e disordini riproduttivi (mancanza di zelo, atrofia testicolare, e talvolta virilizzazione delle femmine).

Collegamenti sponsorizzati

Diagnosi

È necessario eseguire un esame della conta dei neutrofili (neutrofilia), numero di linfociti (linfopenia) e il numero di eosinofili (eosinopenia).

La diagnosi, oltre ai sintomi fisici, si basa su una serie di test molto specifici.

In biochimica generale, è comune trovare un aumento della fosfatasi alcalina (ALKP) fino al 90% dei casi.

Altre anomalie biochimiche comprendono:
  • ALT elevata (alanina aminotransferasi)

  • moderato aumento del glucosio (da resistenza periferica all'insulina, quindi la predisposizione al diabete mellito nei cani colpiti da Cushing)

  • aumento del colesterolo e trigliceridi

  • diminuzione dell'urea (aumentando la produzione di urina)

  • hypothyroxinemia (valori degli ormoni tiroidei al di sotto del range di normalità) nel 70% dei casi.

L'esame alle urine indicano un diminuita densità urinaria (meno di 1010) nell' 85% dei casi, e spesso sono presenti glucosio, infezione del tratto urinario e la presenza di cristalli di ossalato di calcio.

La radiografia e un'ecografia addominale può visualizzare nel 30% dei casi una calcificazione dei TS (tumore della corteccia della ghiandola surrenale) e un aumento delle dimensioni del fegato.

In alcuni casi, la radiografia del torace, può identificare le calcificazioni ectopiche tracheobronchiali e possibili di tumori surrenalici.

La tomografia computerizzata (TAC) e la risonanza magnetica possono essere estremamente utile per la visualizzazione dell'ipofisi e del surrene.

Prognosi e trattamento

La prognosi dipende dalla causa che ha dato luogo alla sindrome:

1. IPERADRENOCORTICISMO DA FONTE PITUITARIA
Gli studi riferiscono di una sopravvivenza media di 2 anni dopo la diagnosi.
Le recidive sono frequenti durante il trattamento (57%), ed è importante notare che il 60% dei cani trattati muoiono per un problema diverso della sindrome di Cushing.

Per la sindrome di origine ipofisaria di Cushing ci sono diverse opzioni di trattamento:

  • Chirurgia : la rimozione della ghiandola pituitaria del cane (ipofisectomia) è considerato il trattamento primario per il trattamento di microadenomi pituitari o iperplasie.
    Dato l'aggressività di questo tipo di chirurgia, e l'analisi dei risultati pubblicati, è preferibile non proporre questo tipo di trattamento e di optare per una terapia farmacologica o la radioterapia pituitaria

  • La radioterapia mostra rischi di complicanze neurologiche ed è molto difficile da eseguire a causa della mancanza di centri di infrastruttura.

  • Il Ketoconazolo è un farmaco costoso per trattare la sindrome di Cushing (15 mg / kg / 12 ore), e il rischio di tossicità non è trascurabile
    Inoltre l'insieme dei risultati ottenuti nei cani sono spesso deludenti, sebbene il suo uso come palliativo delle metastasi tumorali e per la stabilizzazione preoperatoria può essere interessante.

  • L-deprenyl: è un farmaco usato nel trattamento del Parkinson nell'uomo ed è efficace solo nel 20% dei casi.


2. TUMORE ALLE GHIANDOLE SURRENALI
Se la causa è un tumore surrenale, la prognosi dipende dalla natura del tumore e dalla sua posizione.

Il 75% dei cani operati sopravvive chirurgicamente in assenza di metastasi, e dopo la rimozione chirurgiaca, la prognosi è la stessa per adenomi o carcinomi (4 anni sopravvivenza circa).

Quando la chirurgia non è possibile i cani possono essere trattati con mitotano, lisodren o trilostano.

  • Il mitotano o lisodren agisce selettivamente distruggendo alcune aree della corteccia della ghiandola surrenale.
    Si tratta di un farmaco derivato dal DDT ed è un adrenocorticolítico potente.

  • Il trilostano è un ormone steroide sintetico.
    Il miglioramento nei cani è molto rapido nel 70% dei casi, ma bisogna dire che la dose utile è molto variabile, compresa tra 6 e 50 mg / kg al giorno.

    Nella maggior parte dei cani, gli effetti collaterali sono lievi e autolimitanti come la diarrea, vomito, letargia, e alterazioni degli elettroliti.
    Il problema dell'utilizzo di trilostano è dovuto al suo prezzo alto.

3. PROBLEMA IATROGENO
Se la fonte del problema è iatrogena è buona, anche se la guarigione può essere lenta (diversi mesi).

La sindrome di Cushing di natura iatrogena non richiede alcun trattamento, tranne l'interruzione della somministrazione di corticosteroidi, ma fatta abbassando lentamente la dose.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere