Martedi' 26 Gennaio 2021

Gli animali più velenosi del mondo

  • Pubblicato il:  17/12/2020
  • Valutazione:  

Scorpioni, ragni, meduse e persino pesci, gli umani convivono da sempre con molte specie animali davvero pericolose. Ci sono molte persone che sperimentano paure o fobie nei confronti di alcuni animali o insetti; ad esempio, l'aracnofobia o fobia per i ragni. A volte questa paura è causata dall'aspetto che alcuni di questi esemplari hanno, come i loro grandi denti o il loro strano aspetto.


Tuttavia, ci sono animali molto pericolosi e dai quali dovremmo fuggire il prima possibile, poiché il loro veleno può essere letale . Animali che apparentemente potrebbero essere innocui, ma che nascondono tossine capaci di produrre una morte agonizzante. Di seguito puoi trovare un elenco degli animali più velenosi al mondo.

Aracnidi


Anche solo 0,2 mg/kg di veleno del ragno di Sydney (Atrax robustus) è letale per l'uomo. Come suggerisce il nome, è originario dell'Australia e vive in habitat umidi, sotto tronchi o fogliame, ma anche nei giardini. La femmina è molto meno pericolosa del suo partner.


Per quanto riguarda lo scorpione più velenoso, allo scorpione dalla coda spessa (Androctonus australis) viene attribuito l'80% delle punture e il 90% delle morti per attacchi di scorpioni in Africa. Grande aracnide (che può raggiungere fino a 10 centimetri di lunghezza e 15 grammi di peso), la cosa più notevole è la sua coda, che, a differenza di altri scorpioni, non si assottiglia.

Scolopendra


L'aggressivo scolopendra cinese dalla testa rossa (Scolopendra subspinipes mutilans) ha un corpo corazzato, appiattito e allungato che può raggiungere fino a 300 zampe. È molto veloce e aggressivo e normalmente attacca ogni creatura vivente si trovi sul suo cammino. Ma la cosa più terribile di questo insetto è la sua capacità di inoculare la potente "tossina Ssm", che ferma il cuore di grilli, vermi, lumache, rospi, piccole lucertole e serpenti ma anche ratti, topi e pipistrelli, poiché ha la capacità di uccidere animali fino a 15 volte la sua taglia.

Medusa


Con un veleno in grado di uccidere 60 persone, la vespa di mare o medusa scatola (C. fleckeri) vive al largo delle coste australiane e uccide almeno una persona ogni anno. Ha tra i 40 e i 60 tentacoli pieni di veleno e i sintomi dopo il il contatto con questa medusa includono vomito, nausea, diarrea, brividi, sudorazione e dolore generale.

Lucertole


Il mostro di Gila (Heloderma suspectum), che vive negli Stati Uniti sud-occidentali e nel Messico nord-occidentale, è la lucertola più velenosa del mondo. Il suo veleno iniettato per via endovenosa nei topi ha la stessa tossicità del cobra di Sumatra. Infatti la dose media del suo veleno è in grado di uccidere il 50% degli animali da laboratorio. Tuttavia, non inietta volontariamente il veleno, ma piuttosto lo disperde nella ferita mordendo la vittima. Poche persone sono morte per il suo morso, poiché poco veleno passa attraverso la ferita.


Per quanto riguarda le grandi lucertole velenose, il drago di Komodo (Varanus komodoensis) è la più grande della sua specie. Nel 2009 è stato scoperto che ha due ghiandole nella mascella inferiore che secernono un veleno composto da varie proteine ​​tossiche. In media misura circa 2,59 metri e pesa tra gli 80 e i 90 chili.

Serpenti


Con un solo attacco, il taipan dell'interno o serpente fiero(Oxyuranus microlepidotus) è in grado di inoculare tanto veleno da uccidere 50 adulti in 45 minuti grazie alla sua azione neurotossica. Risiede nel Queensland, nel Nuovo Galles del Sud e nell'Australia Meridionale, è il serpente di terra più velenoso del mondo.


Un altro serpente in questa lista e il più mortale è il mamba nero si trova in Africa e di solito misura circa 3 metri, sebbene alcuni esemplari possano raggiungere i 4 metri. L'interno della sua bocca è nero, motivo per cui gli viene attribuito questo nome. È anche il serpente più veloce del pianeta e può raggiungere velocità di 20 km/h.


A livello acquatico, invece, la regina più tossica è il serpente Dubois (Aipysurus duboisii), che abitualmente abita le acque poco profonde delle barriere coralline della Papua Nuova Guinea, della Nuova Caledonia e delle zone costiere dell'Australia.

Uccelli


In Papua Nuova Guinea vive uno dei pochi uccelli velenosi conosciuti: il Pitohuí (Pitohui dichrous). Sebbene sia noto da prima, è stato nel 1990 che gli scienziati hanno scoperto che sia la pelle che le piume contengono la neurotossina chiamata omobatracotossina, che provoca dolore semplicemente toccandola. Questo uccello acquisisce il veleno dalla sua dieta, principalmente dallo stesso coleottero che rende tossiche anche le rane colombiane.

Esistono diverse sottospecie, ma il colore è correlato alla pericolosità: più colore, più veleno. Le tribù locali lo conoscono come un "uccello da spazzatura" perché non possono mangiarlo.

Pesci


La Synanceia horrida, una specie di pesce pietra che vive nelle acque tropicali dell'India e del Pacifico, è il pesce che possiede le ghiandole velenifere più grandi: solo 25 microgrammi di veleno possono uccidere un adulto di 70 chili.

Ma ci sono anche pesci tossici se ingeriti, come il pesce palla (Torpedo nobiliano), che vive nei mari Rosso, Indiano e Pacifico. Le ovaie, le uova, il sangue, il fegato, l'intestino e la pelle contengono tetrodotossina, una potente neurotossina che blocca i muscoli del diaframma , portando a insufficienza respiratoria. Tuttavia, se ingeriti, i suoi effetti richiedono un po' di tempo per manifestarsi.

Molluschi


Con una neurotossicità letale in pochi minuti, il polpo dagli anelli blu (Hapalochlaena maculosa e H. lunulata) sono i molluschi più velenosi. Questi animali, che vivono al largo delle coste dell'Australia e in alcune aree del sud-est asiatico, hanno ciascuno la stessa quantità di veleno da paralizzare dieci persone.

Rane

Le rane sono animali che all'apparenza non sembrano in grado di uccidere un essere umano. Alcune di queste rane hanno anche colori vivaci, quindi sono davvero esotiche. La rana punta di freccia nonostante questa immagine gradevole, contengono anche tossine. Questi tipi di rane abitano l'America meridionale e centrale e il veleno che le loro ghiandole secernono è chiamato batrachotossina, una tossina che blocca i segnali nervosi ai muscoli, causando paralisi e morte.

Vermi


l verme della morte è un bruco chiamato lonomia obliqua, che si trova in Brasile, sebbene possa essere trovato in altre zone dell'Amazzonia. Sono stati segnalati casi anche in Argentina. Quando una persona entra in contatto con il bruco, inizia a manifestare sintomi simili a quelli di un'intossicazione alimentare, seguito da un forte mal di testa. A 8 ore è possibile notare la presenza di contusioni e in pochi giorni la persona muore a causa di emorragie interne.

Qual'è l'animale più velenoso al mondo?


L'animale più velenoso del mondo è la rana dardo d'oro. Ha un colore particolare e attraente, ma il minimo contatto con questa rana può causare la morte. In effetti, l'anfibio non ha nemmeno bisogno di essere presente, poiché la tossina è ancora attiva all'esterno. Sono stati segnalati casi di cani morti dopo essere entrati in contatto con una superficie su cui si era poggiata la rana. Può produrre fino a 28 grammi di veleno attraverso la pelle, in grado di uccidere 1.500 persone.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Come valuti questo articolo?

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli