Domenica 17 Dicembre 2017

Bisogni nutrizionali del cane: Carboidrati

  • Pubblicato il:  29/11/2017
Foto Bisogni nutrizionali del cane: Carboidrati

I carboidrati sono nutrienti che fanno parte dell'alimentazione del cane. A cosa servono? Sono indispensabili per il cane? In quali alimenti si trovano?

Collegamenti sponsorizzati

Cosa sono i carboidrati?

Nel linguaggio comune tendiamo a considerare i carboidrati come degli zuccheri. In realtà ci sono delle differenze.

L'ampia famiglia dei carboidrati comprende i carboidrati semplici (chiamati anche "zuccheri veloci") e i cosiddetti carboidrati complessi (chiamati "zuccheri lenti") che a loro volta includono amido e fibra.

Il loro punto comune è costituito da unità strutturali formate da molecole di diversi atomi di carbonio. Le più comuni sono il glucosio, fruttosio, galattosio e mannosio.

CARBOIDRATI SEMPLICI
I carboidrati semplici sono piccole molecole (monosaccaridi) da uno o due zuccheri collegati insieme (sono anche chiamati disaccaridi).

I disaccaridi più conosciuti sono:
  • Saccarosio: è il composto presente nello zucchero comune raffinato da tavola, nello zucchero di barbabietola o da canna. È composto da due sostanze: galattosio e glucosio.
  • Lattosio: è lo "zucchero" del latte. È composto da 2 molecole collegate tra loro: galattosio e glucosio.

Per essere digeriti, i disaccaridi (due monosaccaridi) richiedono l'azione di un enzima.

Dal momento che il numero di molecole da scindere è piccolo, la loro digestione è relativamente veloce. Per questo motivo sono chiamati "zuccheri veloci" perché riescono a "passare rapidamente attraverso il sangue".

Oggi vengono chiamati anche "carboidrati ad alto indice glicemico", perché sappiamo che la velocità di assorbimento degli "zuccheri" non dipende solo la natura del carboidrato in questione.

CARBOIDRATI COMPLESSI
Come suggerisce il nome, i carboidrati complessi sono molecole composte da più di 2 atomi. A seconda del numero di atomi, vengono classificati in due famiglie: oligosaccaridi (da 3 a 9 atomi) e polisaccaridi (molecole molto grandi di oltre 9 atomi).


  • Oligosaccaridi: gli oligosaccaridi sono molecole composte da 3 a 9 atomi. Tra questi ci sono le fibre solubili come i frutto-oligosaccaridi forniti principalmente dagli alimenti vegetali.

    Queste fibre non vengono digerite dal cane e quindi non fanno parte dei carboidrati assimilabili e non apportano "calorie" nella dieta. Le fibre sono comunque utili, quando sono fornite in quantità ragionevole, per migliorare l'attività digestiva dell'animale e la consistenza delle feci .

  • Polisaccaridi: i polisaccaridi sono grandi molecole composte da più di 9 atomi. La cellulosa (fibra insolubile) e l'amido vengono classificati tra questi composti.

    Per essere digerito, l'amido deve essere "tagliato" in unità di glucosio. Negli esseri umani, questo "taglio" viene fatto in due momenti durante la digestione. Un primo "pre-taglio" viene fatto quando si mastica il cibo con un enzima che si trova nella saliva: l'amilasi salivare.

    Un secondo "taglio" viene fatto a livello dell'intestino dove si trova un altro enzima, l'amilasi pancreatica, che va a "finire il lavoro" dell'amilasi salivare.

    Nei cani, l'amilasi salivare non esiste e tutto il "taglio" dell'amido è a carico dall'amilasi pancreatica nell'intestino. Per questo motivo, quando le quantità di amido presenti nella dieta del cane sono eccessive, gli enzimi pancreatici del cane non riescono a "spezzare" tutte le molecole di amido.

    L'amido non viene del tutto assimilato e rimane nell'intestino favorendo la fermentazione dei batteri. Proprio questa fermentazione è all'origine dei disturbi digestivi nel cane che si manifestano con gonfiore, flatulenza e / o diarrea.

    Un altro punto importante: il taglio enzimatico può avvenire solo se i legami che uniscono le molecole di glucosio tra di loro sono compatibili con l'enzima. Questi legami sono più facili da rompere quando l'amido è stato cotto.

Collegamenti sponsorizzati

Quali sono i carboidrati utili per i cani?

IL RUOLO DEL GLUCOSIO NELLA DIETA DEI CANI
Nel corpo del cane si trova uno zucchero, il glucosio. Questo ha la funzione principale di fornire energia alle cellule del corpo e in particolare alle cellule cerebrali. Nei cani sani, i livelli di glucosio nel sangue sono regolati da due ormoni: l'insulina e il glucagone.

Nel cane, questo glucosio può essere assimilabile dalle proteine mediante un processo fisiologico chiamato neoglucogenesi.

Quindi, il cane può anche fare a meno dei carboidrati nella sua dieta.

IL RUOLO DEI CARBOIDRATI ASSIMILABILI NELLA DIETA DEI CANI
I carboidrati assimilabili sono carboidrati che il cane è in grado di digerire e per i quali riesce a produrre enzimi necessari durante la digestione. I carboidrati disponibili per il cane sono semplici carboidrati e polisaccaridi come l'amido.

Nei cani, però, i carboidrati semplici (ad eccezione del lattosio nei cuccioli non allattati) dovrebbero essere evitati perché causano cambiamenti repentini dei livelli di glucosio nel sangue.

Non tutti i cani sono uguali in questa capacità di digerire i carboidrati disponibili e questa capacità potrebbe variare nel corso della vita del cane.

Prima delle 4 settimane, il cucciolo produce l'enzima che gli permette di digerire il lattosio presente nel latte materno ma non quello che gli permette di digerire l'amido.

Nell'età adulta accade il contrario: il cane non ha più la lattasi, l'enzima che gli consente di digerire gli "zuccheri" del latte ma ha l'amilasi pancreatica, l'enzima che gli permette di digerire l'amido.

Anche in questo caso, non tutti i cani adulti digeriscono l'amido allo stesso modo. Queste facoltà variano da un cane all'altro e a secondo delle razze canine. Sappiamo ad esempio che i cani primitivi, più vicini al lupo come gli Husky siberiani , i Cani lupo .. hanno più difficoltà a digerire l'amido.

Lo stesso per le razze di cani che appartengono alle cosiddette razze brachicefale come il Carlino, il Bulldog francese, il Bulldog inglese, ecc.

IL RUOLO DELLA FIBRA ALIMENTARE
Le fibre vanno considerate come non-carboidrati. Digeribili dal cane, non forniscono, a differenza degli altri carboidrati, calorie, ma hanno il vantaggio, se offerti in quantità moderate nella dieta, di migliorare il comfort digestivo del cane .

La fibra alimentare è di due tipi:

  • Fibra solubile: (fruttooligosaccaridi, pectina ...) che sono fermentabili dai batteri che colonizzano l'intestino del cane. Se date in quantità ragionevoli, queste fibre migliorano l'irrigazione del colon e creano un ambiente acido che limita lo sviluppo di alcuni batteri "cattivi". L'eccesso di fibra solubile può tuttavia causare nei cani diarrea o problemi di feci molli.

  • Fibra insolubile: (cellulosa, emicellulosa ...) che sono poco fermentabili dai batteri. Attraversano solo il suo tratto digestivo e vengono esplulse direttamente nelle feci del cane.

    In quantità ragionevoli, hanno il vantaggio di favorire il transito intestinale e di stimolare la rigenerazione della mucosa digestiva. Se assunti in eccesso, possono aumentare il volume delle feci (e quindi aumentare la frequenza della necessità di defecare nei cani) o essere responsabili dell'infiammazione del colon.

Dove sono i carboidrati?

Nella dieta del cane, i carboidrati sono principalmente assimilati dalle piante come verdure, frutta e cereali.

L'amido viene assimilato dai cereali (mais, frumento, riso ...), legumi (lenticchie, piselli, soia, ceci...), tuberi come patate o patate dolci e alcuni frutti (banane etc...).

Gli zuccheri semplici dovrebbero essere limitati - se non del tutto rimossi - dalla dieta del cane. Si trovano negli snack, zollette di zucchero, nelle barbabietole, nei frutti e nel latte... ma anche in tanti altri prodotti.

Solo il cucciolo, durante il periodo in cui è allattato, ha bisogno di zuccheri semplici sotto forma di lattosio, ma solo quelli che si trovano nel latte materno o nella formula commerciale.

Crocchette per cani e carboidrati

Le crocchette per cani non contengono zuccheri semplici ma carboidrati complessi, principalmente sotto forma di amido introdotto da cereali, legumi o patate.

I produttori di cibo per cani non sanno come farne a meno! L'amido è tecnologicamente indispensabile per produrre crocchette. Come abbiamo detto, non è un problema per il cane, ma solo se presente in quantità ragionevole.

Il problema sorge per le crocchette di cattiva qualità che apportano troppo amido (e talvolta troppa fibra) nella dieta del cane. Un alimento troppo ricco di carboidrati complessi può causare problemi digestivi nell'animale, così come la mancanza di proteine ​​di buona qualità nutrizionale.

Infatti, dove ci sono troppi carboidrati di solito non c'è abbastanza proteina fornita da carne o pesce.

Carboidrati bel cibo umido per cani

A differenza delle crocchette commerciali, per produrre alimenti per cani umidi l'amido non serve. In teoria, i produttori non hanno bisogno di aggiungere cereali o altre fonti di carboidrati a meno che non vogliano ridurre i costi di produzione aggiungendo materie prime più economiche.

Buono o cattivo, bisogna imparare a saper riconoscere il miglior cibo per il vostro "amico peloso".

Il Cane ha bisogno di carboidrati?

Come abbiamo detto, il cane può fare a meno dei carboidrati nella sua dieta. Per i carboidrati assimilabili complessi come l'amido, non esiste un valore minimo per il cane. Per quanto riguarda i valori massimi, essi variano in base alla capacità del cane di digerire l'amido e possono essere variabili.

Un alimento commerciale è considerato a basso contenuto di carboidrati ("low carb") quando contiene al massimo il 30% di carboidrati.

Per quanto riguarda il cibo domestico, non bisogna mai superare le quantità di riso (o altre fonti di amido) rispetto alla carne. D'altra parte, la dieta "BARF" si allontana da questa fonte di amido per avvicinarsi il più possibile alla dieta del lupo, "l'antenata" del cane.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere