Sabato 7 Dicembre 2019

Il Cane ha la cataratta: come riconoscerla e curarla

Foto Il Cane ha la cataratta: come riconoscerla e curarla

La cataratta è uno dei problemi agli occhi più comuni nel cane. Negli occhi dei cani, proprio come negli esseri umani, possiamo leggere le loro emozioni che vanno dalla gioia, alla curiosità, alla tristezza o alla rabbia, perché, come dice un vecchio proverbio, sono lo specchio dell'anima. Ovviamente, per poter vedere qualcosa e intuire lo stato emotivo dei nostri amici a quattro zampe , i loro occhi devono essere sani.

Non tutti sanno che i cani sviluppano malattie simili a quelle degli esseri umani. Dopotutto, non siamo molto diversi gli uni dagli altri e apparteniamo entrambi ai mammiferi.

Molti proprietari non sopportano minimamente l'idea di dover convivere con un cane cieco e trattano un animale con problemi alla vista come una persona disabile completamente incapace di un'esistenza indipendente.

E sebbene nell'ambiente naturale, la capacità di vedere è di fondamentale importanza per la sopravvivenza in un mondo pieno di predatori, in un contesto domestico, non è così tanto importante.

Anche se può sembrare strano, l'olfatto e l'udito sono gli organi sensoriali più importanti del cane per la sua sopravvivenza, perché ascolta e odora prima di vedere una cosa.

Certo, la vista è un senso estremamente importante, quindi vale la pena conoscere tutti i sintomi di base che possano indicare un suo deterioramento.

Ogni proprietario dovrebbe conoscere i problemi che colpiscono gli occhi del suo animale domestico. Una delle patologie che si verificano più frequentemente è la cataratta, che causa ambliopia o perdita completa della vista, riducendo significativamente la qualità della vita degli animali che ne soffrono.

È anche una malattia abbastanza comune anche nelle persone e i modi per correggerla sono molto simili.

Struttura dell'occhio del Cane

Gli occhi dei nostri animali non differiscono di molto dai nostri. Un osservatore perspicace e attento noterà sicuramente la pupilla più grande e rotonda e la stretta striscia di iris rispetto agli occhi umani.

Questa conformazione permette al cane di vedere meglio in condizioni di scarsa luminosità ma allo stesso tempo peggiora la nitidezza degli oggetti.

I cani possono vedere oggetti distanti, mentre quelli più vicini li percepiscono in una forma più confusa. L'occhio è approssimativamente ovale e, come tutti sappiamo, si trova nell'orbita.

È una struttura piuttosto complicata e, per la sua posizione, è più esposta a lesioni e a problemi meccanici. Dato che in questo articolo ci stiamo occupando di cataratta, approfondiamo la parte della lente, perché direttamente associata alla patologia.

La lente è convessa, flessibili e trasparente su entrambi gli occhi, e si trova nella parte anteriore dell'occhio tra il vitreo e l'iride. Istologicamente, è costituita da una capsula, un epitelio di lente e fibre. Il suo compito è la capacità di adattamento, ovvero consentire la visione nitida degli oggetti a diverse distanze modificando la curvatura anteriore.

Cos'è la cataratta del cane?

La cataratta del cane è una patologia che porta all'opacizzazione del cristallino o della capsula e quindi rappresenta una delle principali cause di cecità.

I punti opacizzati della lente impediscono ai raggi di luce di entrare nella retina, con conseguente offuscamento della vista.

Secondo un'altra definizione, la cataratta può essere definita come qualsiasi, anche piccolo, ostacolo che distorce i raggi luminosi manifestato come torbidità o opacità.
CATARATTA CONGENITA NEL CANE
Non tutte le opacità dell'occhio possono essere chiamate cataratta. Ogni opacità può essere suddivisa in locale, parziale o totale a seconda dell'area coperta dal processo patologico.

Esiste una forma primaria e congenita di cataratta che viene diagnosticata in molte razze canine, tra cui:
Cocker americano -> 0,6 mesi - 6 anni
Alaskan Malamute -> fino a 9 anni
Beagle -> 4 mesi
Bichon Frise -> 1,5 anni - 6 anni
Boston Terrier -> congenito - 4 mesi
Pastore Tedesco -> congenito - 2 anni
Golden Retriever -> 1,5 anni a 9 anni
Setter Irlandese -> 4,5 mesi - 2 anni
Labrador -> congenito, da 1,5 anni
Barboncino nano -> giovanile
Schnauzer nano -> fino a 3 anni
Siberian Husky -> 4-18 mesi a 5 anni
Staffordshire Bull Terrier -> 4 mesi a 18 mesi di età
Welsh Corgi -> congenito - 2 anni
West Highland White Terrier -> congenito - fino a 6 anni

* Tabella basata sui dati esposti in una conferenza all'Università della Florida

È interessante notare che la cataratta ereditaria può comparire in qualsiasi momento a partire dalla nascita, sebbene di solito colpisce cani giovani o di mezza età (fino a 3-5 anni). La forma ereditaria della malattia viene trasmessa come carattere dominante o recessivo.
CATARATTA SECONDARIA NEL CANE
Un altro tipo di cataratta che si verifica frequentemente è quella secondaria, e viene associata a molte malattie infiammatorie dell'occhio e disturbi metabolici sistemici.

Infatti, possiamo distinguere la cataratta causata da cause metaboliche, per esempio il diabete e l'ipocalcemia, carenze post-traumatiche, tossiche o nutrizionali (ad esempio mancanza di aminoacidi nei cani giovani durante lo sviluppo).

Può anche manifestarsi in seguito a malattie di altre strutture oculari, tra cui la degenerazione della retina.

Una malattia importante, abbastanza comune nei cani, e che può causare cambiamenti nella cornea è il glaucoma, durante il quale, a causa dell'eccessivo aumento della pressione nel bulbo oculare, si verifica un edema corneale secondario.

Negli animali anziani, possiamo vedere la cataratta senile come conseguenza di normali processi fisiologici associati all'invecchiamento del corpo e delle strutture del bulbo oculare.

Sintomi della cataratta nel cane

La cataratta è una malattia oftalmica che colpisce uno o entrambi gli occhi e, come abbiamo detto prima, riguarda i cambiamenti patologici del cristallino che diventano opachi.

Se viene trascurata può portare alla cecità, che ovviamente si ripercuote nel comportamento del cane che manifesterà tristezza, apatia o problemi a muoversi. È difficile fare un movimento naturale, specialmente in un posto sconosciuto, quando si è ciechi...

I cani preferiscono sdraiarsi o diventare "cauti e lenti" perché non riescono a vedere bene potenziali ostacoli e minacce. L'animale mostrerà incertezza quando cammina, inciampando spesso contro ostacoli.

Osservando il bulbo oculare del cane, è possibile notare l'opacità dell'occhio con una colorazione grigio-bluastra.

Quando la cataratta è una conseguenza del diabete, i sintomi di questa malattia (poliuria, polidipsia, polifagia, ecc.) sono sempre presenti

A sua volta, una cataratta matura può portare alla rottura della capsula e allo sviluppo di uveite o glaucoma, che saranno accompagnati da sintomi di dolore agli occhi come:
  • Strofinamento dell'occhio con le zampe
  • Lacrimazione eccessiva
  • Sintomi degli occhi rossi

A volte i sintomi si sviluppano lentamente, quindi non avremo subito un quadro clinico completo. Da qui, la necessità di estrema vigilanza prestando attenzione ai piccoli dettagli nel comportamento del cane.

Diagnosi: come riconoscere la cataratta in un cane?

Molti pensano sia facile diagnosticare la cataratta di un cane. Ma siamo sicuri che l'opacità dell'occhio sia dovuto a questa malattia? O è associato alla cornea?

Per esempio, è facile confondere l'edema corneale con la cataratta che colpisce il cristallino. Tra le malattie congenite della cornea non infiammatorie che possono causare opacità ci sono:
  • Persistente membrana pupillare
  • Distrofia endoteliale acquisita
  • Cheratopatia lipidica

I cambiamenti nella cornea che possono causare opacità sono spesso una conseguenza di lesioni e ulcere, e sono malattie estremamente comuni. Non sempre il proprietario nota subito i cambiamenti negli occhi del suo cane, soprattutto se questo è una razza a pelo lungo e con la frangia.

Il cambiamento del colore dell'occhio può derivare da processi patologici che si sviluppano nella camera anteriore dell'occhio e sono il risultato di altre malattie sistemiche: infettivo, metabolico, cancro, immunitario. Il colore degli occhi sarà simile al bianco quando il pus si accumula nella camera anteriore dell'occhio.

È anche molto importante capire anche se abbiamo a che fare con un'altra malattia del cristallino molto simile come la nucleosclerosi. L'indurimento senile del nucleo del cristallino o la nucleosclerosi è caratterizzato da un cambiamento nella densità del cristallino e non porta alla cecità.

Prima di decidere il trattamento corretto, è necessario raccogliere quante più informazioni possibili. In primo luogo bisognerà valutare quanto sia avanzato lo stato della malattia o lo stadio della cataratta, perché solo così possiamo davvero fare le giuste valutazioni su un possibile intervento chirurgico.

  • In genere è sempre necessario eseguire un esame del sangue per determinare se il nostro cane ha il diabete ed è idoneo per un intervento chirurgico.

  • Il veterinario potrebbe consigliare anche una elettroretinografia (ERG) che mostra possibili cambiamenti nella retina. L'ERG rileva i potenziali elettrici generati dall'eccitazione della retina da parte dei raggi luminosi.

  • Un'ecografia del bulbo oculare (per escludere il distacco della retina) e la misurazione della pressione intraoculare (IOP, per escludere il glaucoma).

In poche parole, senza un approfondito esame oftalmologico, non bisogna fare alcuna diagnosi definitiva, e tanto meno trattare una cataratta.

Trattamento della cataratta nei cani

Purtroppo, ad oggi, non sono stati ancora sviluppati farmaci efficaci per curare la cataratta in nessuna delle sue fasi. Pertanto, nonostante i numerosi esperimenti (iniezioni di selenio, sulfadiazina, zinco o trattamenti omeopatici), non abbiamo un trattamento contro questa malattia e l'unico metodo affidabile ed efficace, purtroppo, rimane il trattamento chirurgico.

Non lasciatevi convincere a usare metodi non invasivi, perchè allo stato attuale non danno alcun risultato.

I primi tentativi di trattare la cataratta con metodi invasivi sono stati fatti più di 100 anni fa e dall'inizio degli anni '80 è stato introdotto la tecnica della facoemulsificazione.

Sebbene questo metodo porta i risultati migliori e risulta il più efficace, purtroppo è anche uno dei più difficili da realizzare.

In poche parole, la fotocoemulsificazione si basa sulla rottura della lente mediante ultrasuoni e quindi sull'aspirazione dei piccoli frammenti di essa.

Il suo grande vantaggio è il tempo rapido dell'intervento chirurgico e la riduzione delle complicanze sotto forma di uveite.

La facoemulsificazione è tecnicamente difficile, richiede l'anestesia generale del cane e un trattamento a lungo termine nel periodo postoperatorio. Il trattamento può durare anche sei mesi e non garantisce il successo.

Prima di decidere se fare l'intervento bisogna eseguire un esame del sangue, test delle urine o un esame cardiologico per vedere il cane può essere sottoposto ad anestesia.

Qualsiasi patologia oculare concomitante bisogna essere curata prima (se possibile) e l'intervento non può essere eseguito quando il cane soffre di: sindrome dell'occhio secco, ulcere corneali, glaucoma o degenerazione retinica.

Prima della chirurgia bisogna preparare l'animale, somministrandogli un paio di giorni prima farmaci steroidei e antibiotici (in genere gocce) e atropina.

La somministrazione di altri farmaci dipende dai sintomi esistenti (ad es. farmaci che abbassano la pressione intraoculare o attivatori del plasminogeno tissutale). Il cane dopo l'intervento chirurgico deve tornare dal veterinario a visite di controllo a intervalli regolari (in genere ogni 2 mesi).

L'uveite anteriore è la complicazione chirurgica dopo l'intervento di cataratta nel cane, ma sfortunatamente non è l'unica. Esistono anche altre minacce come l'edema corneale, l'aumento transitorio della pressione intraoculare, il glaucoma postoperatorio secondario, l'opacità della capsula posteriore, il distacco della retina.

Fortunatamente, questi inconveniente non si verificano a tutti i casi. I dati statistici sull'efficacia dei trattamenti di focoemulsificazione nel cane sono confortanti. Circa l' 80-90% di efficacia della procedura nel caso della cataratta monoculare e il 95-98% nel caso della cataratta binoculare.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->