Giovedi' 14 Dicembre 2017

Chemioterapia per il Gatto

  • Pubblicato il:  10/10/2017
Foto Chemioterapia per il Gatto

Esiste la chemioterapia per i gatti? Si, la chemioterapia, come per gli esseri umani, è un mix di farmaci utilizzati per il trattamento del cancro nei gatti.

Collegamenti sponsorizzati

Prima di iniziare a parlare di chemioterapia per il gatto, vediamo in cosa consiste il cancro. Conosciuto anche come neoplasia, il cancro è la crescita incontrollata di cellule malate all'interno del corpo.

Qualsiasi tipo di cellula può diventare potenzialmente cancerosa. Esistono varie cause che possono stimolare la crescita di un cancro nei felini, tra cui le infezioni virali e l'esposizione ad agenti e sostanze cancerogene, come le tossine, alcune sostanze chimiche, il fumo di sigaretta etc... ma anche la genetica, l'età e l'alimentazione.

Che cos'è la chemioterapia per gatti?

Come abbiamo già accennato, la chemioterapia sono dei farmaci per uccidere le cellule malate dal corpo. Purtroppo, i farmaci chemioterapici non sanno differenziare le cellule benigne da quelle malate, ed è proprio questo il motivo per cui cadono i capelli nelle persone sottoposte a chemioterapia.

La chemioterapia è in genere usata in combinazione con l'intervento chirurgico e / o la radioterapia. Può essere somministrata in diversi modi:

  • Prima dell'intervento chirurgico per ridurre la massa del tumore

  • Dopo l'intervento chirurgico per uccidere le cellule cancerose che non sono state rimosse.

  • In alcuni tipi di tumori, tra cui i tumori del sangue o i tumori che non possono essere rimossi chirurgicamente, la chemioterapia può essere l'unico trattamento.

  • Per curare il cancro che si è diffuso in altre parti (metastatizzato).

Esistono diversi tipi di farmaci chemioterapici che possono essere usati in base al tipo di cancro che ha sviluppato il gatto.

La chemioterapia non sempre è in grado di curare il tumore del gatto, ma può rallentarne la progressione e migliorare la sua qualità di vita.

Collegamenti sponsorizzati

Come viene somministrata la chemioterapia ai gatti?

La chemioterapia viene somministrata tramite iniezione o pillole. Non tutti i veterinari possono somministrare farmaci chemioterapici, quindi vi consigliamo di rivolgervi ad un centro veterinario specialista per questo tipo di trattamenti.

La maggior parte delle chemioterapie viene somministrata per via endovenosa. I farmaci chemioterapici orali possono essere dati al gatto dal proprietario dell'animale in casa.

Prima che il gatto riceva una dose di chemioterapia, sarà sottoposto ad alcune analisi del sangue per controllare i globuli bianchi, il numero dei globuli rossi e i i livelli delle piastrine. Se i livelli sono troppo bassi, la chemioterapia sarà rimandata.

Effetti collaterali della chemioterapia nei gatti

La chemioterapia nei gatti non ha gli stessi effetti collaterali come negli esseri umani.

Per esempio, i gatti non perderanno i peli. Come abbiamo già detto, i farmaci della chemioterapia mirano a uccidere le cellule che si rinnovano rapidamente, e non solo quelle cancerose.

Le cellule più vulnerabili alla chemio sono quelle del tratto gastrointestinale e del midollo osseo del gatto.

Tuttavia, possono verificarsi effetti indesiderati, tra cui:

  • Disturbi gastrointestinali come il vomito e diarrea sono abbastanza comuni. Entrambi si risolvono solitamente entro un giorno o due.
  • Il sistema immunitario sarà più debole a causa della diminuzione del numero di globuli bianchi, quindi il vostro gatto sarà più vulnerabile alle infezioni.
  • Letargia per 1-2 giorni dopo che il gatto ha ricevuto la chemioterapia.
  • Se il gatto vomita o ha diarrea continua può disidratarsi.
  • Perdita di appetito.
  • Anche il gatto potrebbe perdere un pò di peli, ma in genere non è così grave come nelle persone sottoposte a chemioterapia

La chemioterapia per gatti è costosa?

Sì, ma i prezzi variano da clinica a clinica, dal tipo di farmaci somministrati e, naturalmente, dal numero di cicli di cui ha bisogno il gatto.

E' necessaria la chemioterapia per il gatto?

E' una domanda difficile a cui rispondere, e dipende da voi e dal vostro veterinario perchè ci sono diversi fattori in gioco.

Principalmente dipende dal tipo di cancro, se può essere facilmente trattato (alcuni tipi di cancro sono più aggressivi di altri), dalla salute generale del gatto e dall'età.

È importante trovare un veterinario di cui fidarsi e che è disposto a guidarvi e a consigliarvi in questo difficile percorso. I medici non possono prendere decisioni per voi, ma possono darvi la loro opinione in base alla loro esperienza.

In alcuni casi, soprattutto quando il cancro del gatto è in fase avanzata, il trattamento chemioterapico potrebbe non essere la migliore scelta.

Anche il costo della chemio influisce sulla scelta. La chemioterapia non è una terapia economica e non tutti possono permetterselo. C'è gente che ha pagato anche 2000 euro per curare il proprio gatto.

Cure per un gatto sottoposto a chemioterapia

Il gatto potrebbe non sentirsi bene per un giorno o due, quindi saranno necessarie delle attenzioni maggiori.

Il gatto potrebbe non avere molta fame, ma voi cercate incoraggiarlo a mangiare con cibi appetitosi come il pollo cotto, particolarmente indicato perché
leggero.

I farmaci vengono eliminati attraverso l'urina, quindi è necessario pulire con cura la lettiera del gatto. Usate sempre guanti di gomma ed evitate per i primi 5 giorni il contatto tra il gatto e le donne in gravidanza e i bambini.

Il vostro veterinario può anche prescrivere antidolorifici e / o antibiotici durante il ciclo di chemio del gatto. Seguite sempre scrupolosamente le sue indicazioni.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere