Domenica 17 Dicembre 2017

Cisplatino (Platinol-AQ) - Farmaci per i cani

  • Pubblicato il:  02/08/2017
Foto Cisplatino (Platinol-AQ) - Farmaci per i cani

Il cisplatino, noto anche come Platinol-AQ® o CDDP, è un farmaco usato per trattare il cancro nei cani. Questo farmaco contiene platino e colpisce il DNA delle cellule malate, anche se il meccanismo di azione non è ancora ben conosciuto.

A causa di potenziali effetti collaterali anche gravi, il cisplatino non deve essere usato nei gatti.

Collegamenti sponsorizzati

Come per la maggior parte dei farmaci antitumorali, il cisplatino viene utilizzato in un mix con altri farmaci per migliorarne gli effetti contro il tumore.

Può causare potenziali danni ai reni, quindi i cani che ricevono cisplatino devono essere ben idratati per via endovenosa prima, durante e dopo la somministrazione del farmaco.

Il cisplatino viene somministrato solo in ambiente ospedaliero, e, vista la sua tossicità, sia il veterinario che gli assistenti, devono indossare guanti protettivi durante la manipolazione del farmaco.

Il cisplatino è un farmaco da prescrizione e deve essere usato solo sotto la supervisione di un veterinario esperto.

Collegamenti sponsorizzati

Usi del cisplatino per i cani

Il cisplatino è usato per trattare vari tipi di cancro nei cani, quali carcinomi nasale e cancro alla tiroide.

Effetti collaterali del cisplatino

Il cisplatino può causare diversi effetti collaterali. Non deve essere somministrato ad animali con ipersensibilità nota o allergia al farmaco, e deve essere evitato nei cani con infezioni attive, alterazioni dell'udito, malattie renali o epatiche.

Il cisplatino non deve essere dato ai gatti.

Può interagire con altri farmaci tra cui l'amphotericina B e alcuni antibiotici.

Dopo la somministrazione di cisplatino potrebbero verificarsi casi di danni renali, disfunzioni del midollo osseo, perdita di appetito, convulsioni, diarrea e perdita dell'udito .

Molti cani vomitano subito dopo la somministrazione del farmaco.

Dosi di cisplatino per cani

Il cisplatino è disponibile solo in fiale, in concentrazioni da 1mg/ml.

Il farmaco non deve mai essere somministrato sempre prima aver consultato il proprio veterinario e deve essere usato solo in un ambiente ospedaliero.

Il cisplatino viene dosato a 60 a 70 mg/m2 per 20 minuti ogni 3 settimane, per via endovenosa.

La durata della somministrazione dipende dalla condizione da trattare, dalla risposta al farmaco e dallo sviluppo di eventuali effetti collaterali.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere