Lunedi' 23 Aprile 2018

Coccidiosi nel cane: cause, sintomi e trattamento

  • Pubblicato il:  18/03/2018
Foto Coccidiosi nel cane: cause, sintomi e trattamento

La coccidiosi nel Cane è un'infezione del tratto intestinale causata da organismi unicellulari (protozoi) chiamati coccidi. La coccidiosi si riferisce tipicamente alle infezioni gastrointestinali con le specie di coccidi Isospora.

Collegamenti sponsorizzati

Esistono almeno quattro diversi generi di coccidi che possono infettare i cani: Isospora canis, Isospora ohioensis, Isospora neorivolta e Isospora burrowsi.

I coccidi sono piccoli parassiti che possono causare problemi soprattutto nei cuccioli o nei cani malati o con un sistema immunitario compromesso. Molti cani sono portatori sani del parassita e non mostrano alcun sintomo.

Come avviene il contagio?

Un cane infetto passa gli oocisti (coccidi immaturi) nelle feci. Queste oocisti sono molto resistenti a molte condizioni ambientali e possono sopravvivere per molto tempo sul terreno.

Nelle giuste condizioni di temperatura e umidità, queste oocisti "sporulano" e diventano infettive. Se un cane viene a contatto con le oocisti, queste inizieranno a rilasciare "sporozoiti" che invadono le cellule del rivestimento intestinale e creano un ciclo di infezione nelle cellule vicine. I cani possono anche essere infettati indirettamente mangiando un topo infetto da coccidi.

Quindi, i cani, come gli esseri umani, possono essere infettati da coccidi attraverso il contatto con le feci di altri cani o gatti, toccando un terreno contaminato o del cibo contaminato.

Il contatto con le feci non deve essere per forza diretto, dal momento che le spore sono microscopiche, quasi impossibili da uccidere e facili da trasportare ovunque.

I cuccioli vengono spesso infettati da coccidi dalle loro madri, attraverso il contatto diretto o indiretto con le feci infette. I cuccioli apparentemente sani non mostrano alcun sintomo fino a quando non si trovano in situazioni di stress.

Collegamenti sponsorizzati

Sintomi di coccidiosi nel Cane

La maggior parte dei cani infetti da coccidi non presenta alcun sintomi, come diarrea o altri segni clinici, e spesso vengono scoperte durante esami per diagnosticare altre condizioni.

Tuttavia, nei cuccioli e nei cani adulti debilitati, la coccidiosi può causare diarrea acquosa grave, disidratazione, dolore addominale e vomito.

Diagnosi di coccidiosi nel Cane

Come fare a capire se il cane ha i coccidi? La coccidiosi viene diagnosticata eseguendo un esame al microscopio di un campione di feci.

Poiché le oocisti sono molto più piccole delle uova dei vermi intestinali, un'attenta valutazione fecale deve essere eseguita usando una soluzione di solfato di zinco fecale. L'infezione dei coccidi può essere diagnosticata anche con un esame del sangue.

Trattamento della coccidiosi nei Cani

Come si cura un'infezione da coccidi nel Cane? Qualsiasi cucciolo con diarrea , o un cane più anziano con diarrea persistente o diarrea mista a muco o sangue, dovrebbe essere visitato al più presto dal veterinario.

Se il veterinario conferma la diagnosi di coccidiosi, il vostro cane sarà probabilmente trattato con antibiotici a base di sulfadimetossina (di solito per 5-20 giorni), sebbene siano disponibili anche altri farmaci. Probabilmente il tuo cucciolo avrà anche bisogno di cure per la disidratazione.

Qualunque problema di fondo ha indebolito il vostro cane fino al punto di manifestare i sintomi della coccidiosi dovrà essere diagnosticato e curato.

La maggior parte dei cani che mostrano i sintomi si riprenderà completamente dopo la somministrazione degli antibiotici appropriati. Ci vuole molto tempo perché il parassita venga completamente eliminato.

Sarà importante anche disinfettare le zone in cui vive il cane in modo che non venga re-infettato dopo il trattamento. Chiedete al veterinario raccomandare un disinfettante sicuro che sia efficace contro le spore dei coccidi e che non sia dannoso per i cani.

La coccidiosi del cane può essere trasmessa agli esseri umani?

I coccidi più comuni trovati nei cani non hanno alcun effetto sull'uomo. Tuttavia, alcuni generi possono essere potenzialmente infettivi per gli esseri umani.

Un parassita, chiamato Cryptosporidium, può essere trasportato da cani o gatti e può essere trasmesso alle persone. Rappresenta un rischio per la salute degli esseri umani immunosoppressi come i malati di AIDS, quelli che assumono farmaci immunosoppressori, malati di cancro o anziani.

Una buona igiene e il corretto smaltimento delle feci del cane sono importanti per minimizzare il rischio di trasmissione di tutti i parassiti canini agli esseri umani o ad altri animali.

Come proteggere il cane dai coccidi?

Con molta probabilità, il vostro cane potrebbe già essere infettato da una forma di coccidi, ma come detto la maggior non mostra sintomi. Ovviamente, esistono degli accorgimenti che possono evitare al cane di entrare a contatto con feci di cani e gatti, roditori e acqua potenzialmente contaminata.

  • Pulizia delle feci: le uova dei coccidi hanno bisogno di almeno diverse ore per diventare infettive, quindi se pulite rapidamente le feci del cane e gatto, ridurrete drasticamente la probabilità di un'infezione. Una volta che le spore si formano, saranno quasi impossibili da uccidere.

  • Proteggere i cuccioli: se il vostro cane è in stato di gravidanza, fatelo sottoporre a test per i coccidi prima di farlo partorire in modo da proteggere i suoi cuccioli. Se avete più cani, sarà una buona idea testare i nuovi arrivati ​​nel gruppo, specialmente se provengono da un rifugio o canile.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere