Venerdi' 24 Novembre 2017

Come aiutare il Gatto a partorire

  • Pubblicato il:  04/07/2016
Foto Come aiutare il Gatto a partorire

Una circostanza che prima o poi potrebbe succedere, se il vostro gatto non è sterilizzato, è di dover affrontarne la sua gravidanza. Anche se l'istinto guiderà sempre mamma gatto, a volte avrà bisogno del vostro aiuto in questo momento critico.

Le fasi che si devono monitorare attentamente sono tre:
- Durante il parto
- Dopo la nascita
- Dopo il parto

Collegamenti sponsorizzati


In questo articolo tratteremo delle varie fasi del parto, e vi aiuteremo a prendere le migliori misure per il vostro gatto.

Come sapere se il Gatto è in gravidanza

Se avete il sospetto che la vostra gatta è incinta dovremmo portarla dal veterinario per esserne certi.

I segni comuni che dovrebbero metterci in guardia sono:
- Pancia gonfia
- Capezzoli allungati e aumentati di volume
- Il gatto lecca spesso la vulva

Se il veterinario conferma la gravidanza, si dovrebbe preparare alcune cose per il rande evento.
Nei mesi successivi il veterinario controllerà la gravidanza e, alla fine, dovrebbe determinare il numero esatto di cuccioli presenti nel grembo della madre.

E' molto importante prendersi cura di un gatto in gravidanza.

Collegamenti sponsorizzati

Cosa ci serve

Le cose di cui avrete di bisogno sono:
- Mettere il numero del veterinario in evidenza

- Un mezzo di trasporto sempre pronto per recarsi dal veterinario in caso che qualcosa vada storto

- Trovare un posto tranquillo in casa per costruire il nido.

- Cercare una scatola a bordi alti, e metterci all'interno vecchi asciugamani o panni di cotone.

- Dotarsi di guanti in lattice, asciugamani puliti e di un disinfettante come il betadine o simile

- Un paio di forbici

- Una scorta di latte in polvere per gattini.

- Garze sterili.

Alimentazione in gravidanza

La gravidanza di un gatto di solito dura tra i 65 e i 67 giorni.
Durante il primo mese e mezzo la dieta rimane invariata.

Successivamente la dieta deve contenere più calorie con meno cibo, perchè adesso la madre ha bisogno di alimentare anche i cuccioli in grembo.

Il grande giorno

Il giorno in cui il gatto darà alla luce i suoi piccoli sarà molto agitato e rifiuterà il cibo.
Con grande cura posizionatela nel nido che avete costruito per lei e i suoi piccoli.

Se notate del liquido verdastro o sanguinolento segreto dalla vulva , chiamate immediatamente il veterinario e seguite le sue istruzioni.
Significa che ci sono problemi seri, e probabilmente il medico vi dirà di recarvi nella sua struttura sanitaria.

Se si non si osservano sintomi negativi, lasciate che la natura faccia il suo corso.
Il gatto sa istintivamente cosa è meglio fare in queste circostanze. Non agite, ma guardare da vicino al vostro gatto.

Il Parto

Durante l'antepartum si nota che il gatto lecca la vulva accuratamente per pulirla.
Poi inizieranno le prime contrazioni.

Dopo un pò di tempo al gatto si romperanno le acque e vedrete fuoriuscire il liquido amniotico.
Presto il primo cucciolo verrà dato alla luce, e, se tutto va bene, ogni 30 / 60 minuti la madre ne partorirà un altro.
Se il tempo supera i 60 minuti chiamate il veterinario.

E' molto importante controllare che il gatto espella la placenta dopo la nascita e che la mangi. Questo perchè gli ormoni e le sostanze contenute in essa aiutano a produrre il latte necessario per i cuccioli.

Il gatto con i denti in genere taglierà i cordoni ombelicali, ma in caso contrario, chiamare il veterinario per farvi aiutare.

I cuccioli, come abbiamo detto, nascono ad intervalli di 30 a 60 minuti. È molto importante che nessun cucciolo o placenta rimanga all'interno, perchè potrebbero morire entrambi.

Lattazione

Una volta curati dalla madre i gattini si attaccano ai capezzoli in modo naturale.
Questa prima alimentazione è essenziale, dal momento che assimilano il colostro, indispensabile per immunizzare in modo naturale il cucciolo.

Dopo il parto

Controllate che le prime ore dopo il parto siano tranquille.
E' preferibile evitare visite dei vicini, amici e conoscenti, e lasciate per tre o quattro giorni madre e figli in uno stato di quiete.
Una persona sarà più che sufficiente

Fate in modo che non manchi mai acqua fresca e un'alimentazione ricca di calorie per la madre, nonchè la costante pulizie del nido.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere