Sabato 21 Luglio 2018

Come sapere se il Gatto ha la toxoplasmosi?

  • Pubblicato il:  25/06/2018
Clicca per ingrandire le foto

Collegamenti sponsorizzati
La toxoplasmosi è forse la malattia più conosciuta e pericolosa che i gatti possono trasmettere indirettamente agli esseri umani. Colpisce principalmente gli animali a sangue caldo , in particolare i gatti domestici e altri felini. Per fortuna, oggigiorno sempre meno veterinari consigliano alle mamme in attesa di non "allontanare o sbarazzarsi del proprio animale". Perché? Il gatto è un membro della famiglia, e come tale deve essere amato.

Chiunque ha adottato un gatto nella propria vita dovrebbe sempre ricordare che lui, come tutti gli animali, può soffrire di malattie molto gravi che potrebbero influenzare sia lui che le persone che gli stanno vicino.

Se vi state chiedendo come sapere se il vostro gatto ha la toxoplasmosi continuate a leggere questo articolo.

Cos'è la toxoplasmosi?

La toxoplasmosi è una malattia infettiva causata dal Toxoplasma gondii, che si trova nei cibi crudi e nei roditori. Un gatto che va spesso fuori, o che vive in semi-libertà, è probabile che fin da piccolo abbia imparato a mangiare prede, finendo per essere un ospite del virus.

Se il gatto non esce di casa, è praticamente impossibile che una persona rimanga infetta, a meno che non mangia cibi crudi o entra in contatto con le feci di altri gatti.

La toxoplasmosi è una malattia complessa poiché è asintomatica soprattutto negli esseri umani, quindi possiamo sapere se l'animale è positivo solo ad un test che si esegue dal veterinario.

toxoplasmosi gatto gravidanza
La malattia è, soprattutto, pericolosa per le donne in gravidanza e per i feti poiché può causare problemi nel periodo di gestazione e alterare lo sviluppo e la crescita del feto e del bambino dopo il parto.

Bisogna essere consapevoli che qualsiasi gatto può contrarre la toxoplasmosi ma che il periodo di vita all'interno dell'organismo dell'animale non è molto lungo. Il pericolo principale sta nel fatto che i gatti possono trasmettere la malattia ad altri esseri viventi perché con le loro feci infette rilasciano il parassita nell'ambiente.

Collegamenti sponsorizzati

Come si trasmette la toxoplasmosi?

Il mezzo più comune di trasmissione è attraverso l'assunzione di carne cruda e, nel caso dei gatti, dall'ingestione di topi o da qualche altro ospite intermedio infettato dalle cisti della malattia.

La malattia può influenzare e può svilupparsi in due cicli diversi.

toxoplasmosi bambino

Cosa succede se il gatto non viene curato?

Al gatto può causare problemi come anoressia, letargia, febbre, vomito, problemi respiratori, disturbi locomotori, problemi al sistema nervoso, agli occhi, disturbi cardiaci e persino morte improvvisa.

Tutto ciò senza contare che può infettare molti altri esseri viventi inclusi le persone.

Ciclo intestinale e extraintestinale della toxoplasmosi

Ciclo intestinale: riguarda solo i felini. Quando un gatto ingerisce i tessuti di animali contaminati, i parassiti raggiungono l'intestino, si riproducono e formano uova chiamate oocisti, che non sono ancora infette e vengono eliminate con le feci. Dopo 1 -5 giorni queste uova maturano e diventano oocisti infettivi che si diffondono per via aerea, acqua o insetti (ciclo extraintestinale).

Ciclo extraintestinale: colpisce altri animali anche se sono inclusi pure i gatti. Se le oocisti mature vengono ingerite da altri esseri viventi, il parassita passa dal sistema intestinale al sangue e attacca qualsiasi tessuto cellulare dell'ospite. Una volta raggiunto un organo, viene riprodotta e sviluppata una struttura chiamata cisti tissutale, che provoca una reazione immunologica con la formazione di anticorpi, lasciando i parassiti al suo interno in uno stato dormiente, e per tutta la vita dell'ospite.

È pericolosa per le persone?

È pericolosa soprattutto per le donne incinte e i loro feti. L'infezione del feto, specialmente durante il primo e il secondo periodo di gestazione, può avere gravi conseguenze.

Se il trattamento farmacologico non viene iniziato subito, la mortalità infantile può raggiungere livelli del 10% e i sintomi nei sopravvissuti possono essere: cecità, convulsioni e ritardo mentale.

pericoli toxoplasmosi

Ma... è necessario l'allontanamento del proprio gatto?

No, non è necessario allontanare il gatto dalla propria casa. Certo, tutti i gatti possono essere portatori della malattia, ma con una serie di precauzioni, la convivenza tra gatto e persona sarà uguale a quella con un gatto sano.

Cosa dovrà fare una donna incinta con un gatto infetto?. La prima cosa da fare è un test anticorpale della toxoplasmosi, se il risultato è positivo, il rischio di infezione è minimo, ma se è negativo, dovrà seguire una serie di precauzioni.

Quali precauzioni?. La sabbiera e la lettiera del gatto devono essere puliti da un'altra persona e la donna incinta dovrebbe evitare qualsiasi contatto con essa. Se ciò non è possibile, bisogna che indossi dei guanti monouso, lavarsi accuratamente le mani e gli avambracci dopo l'operazione.

Se ha un contatto con l'animale, la donna incinta dovrebbe lavarsi le mani immediatamente.

Come evitare la toxoplasmosi nei gatti di casa?

Se il vostro gatto va fuori in giardino, evitate di fargli mangiare prodotti di carne infettata da batteri, roditori selvatici o altri ospiti intermedi, come gli anfibi o i coleotteri.

Qual fare a sapere se un gatto ha la toxoplasmosi?

La diagnosi inizia con un esame del sangue. Questo test non stabilisce con certezza l'esistenza della malattia ma consente di valutare gli organi e i tessuti che potrebbero essere stati attaccati da questo protozoo.

Una volta accertati che l'animale è infetto, verranno eseguite radiografie del torace e altri test specifici per la ricerca di antigeni o, se il veterinario lo ritiene utile, l'analisi del liquido cerebrospinale.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere