Venerdi' 4 Dicembre 2020

Toxoplasmosi nel Gatto: sintomi e cure

  • Pubblicato il:  01/05/2015

La toxoplasmosi nel gatto è un'infezione causata da un parassita intracellulare noto come Toxoplasma gondii. Infetta più gli animali a sangue caldo (tra cui il gatto), tra cui l'uomo, il bestiame e gli uccelli (questi quali fungono da ospiti intermedi). I gatti, sia selvatici che domestici, sono gli unici ospiti definitivi, il che significa che il parassita è in grado di riprodursi in loro.

La maggior parte delle persone hanno sentito parlare di toxoplasmosi a causa dei rischi di una infezione durante la gravidanza.
Se si dovesse verificare l'infezione in una donna incinta, questa malattia potrebbe essere causa di aborto o difetti congeniti per il feto.

Come si infettano i gatti di toxoplasmosi?

Ci sono tre diverse fasi infettive della toxoplasmosi:

  • Oocisti: si formano nel tratto digestivo dei gatti - ospiti definitivi della malattia - e vengono espulse con le feci.

  • Tachizoiti: elementi che moltiplicano rapidamente l'infezione nei diversi tessuti corporei. Questo ciclo continua finché il processo non viene interrotto da un agente esterno o il sistema immunitario ne rallenta il processo.

  • Bradizoiti: è la forma acuta della malattia che, in uno stato persistente di infezione, può trovarsi nei tessuti, muscoli e organi viscerali. Nella maggior parte dei casi, quando la malattia raggiunge questa fase, rimane nell'ospite per il resto della sua vita.

I gatti si infettano quando attaccano prede che contengono cisti bradizoiti. Possono essere infettati dall'ingestione di oocisti presenti nelle feci.

L'animale può contrarre la malattia anche se entra a contatto con le feci di un altro gatto infetto. Non appena avviene il contagio, il parassita si moltiplica nell'intestino, fino a quando le uova immature (oocisti) vengono espulse con le feci. Un gatto infetto rilascia queste uova fino a 2 settimane dopo essere stato infettato. Queste 2 settimane sono l'unico periodo in cui un gatto può tramettere la toxoplasmosi ad un essere umano!

E' anche possibile che una mamma gatta possa trasmettere l'infezione ai suoi cuccioli non ancora nati (trasmissione congenita).

gatto e toxoplasmosi

I sintomi della toxoplasmosi nel Gatto

I sintomi della toxoplasmosi nel gatto possono essere abbastanza vari e dipendono sia dal livello di infezione che dalla forma di trasmissione. La maggior parte degli animali infetti non mostra alcun sintomo.

I gattini appena nati, i gatti giovani e i gatti immunodepressi (ad esempio, quelli infettati dal virus dell'immunodeficienza felina o della leucemia felina) hanno più probabilità di mostrare sintomi, che possono comprendere: letargo, perdita di appetito, febbre.

I sintomi più gravi dipendono da quale zona del corpo è infetta, ma possono includere infiammazione dell'occhio (retina, iride o la cornea), polmonite, disturbi del sistema nervoso centrale, pancreatite, epatite (infiammazione del fegato), ittero, vomito e diarrea, aumento del volume dei linfonodi.

Come viene diagnosticata la toxoplasmosi nei gatti?

La diagnosi di solito comporta un esame del sangue di routine per rilevare gli anticorpi nel sangue. Il veterinario potrebbe anche esaminare un campione di feci, per verificare se il gatto sta spargendo oocisti.

Si pensa che il 50% dei gatti risulta positivo alla toxoplasmosi, ma solo il 2% dei gatti elimina attivamente il toxoplasma. È poco probabile che un gatto adulto sano rappresenti una fonte di infezione da toxoplasmosi per l'essere umano.

La diagnosi di toxoplasmosi nel gatto può richiedere l'analisi di campioni di tessuto, esami del sangue, esami delle feci, emogrammi e radiografie. Infatti, un semplice esame clinico non può confermare una diagnosi di toxoplasmosi. Anche i test sierologici, che rilevano la presenza di anticorpi contro la malattia nel sangue, fanno parte dei test più importanti per cercare di identificare la malattia negli animali.

Quali sono le cure per i gatti affetti da toxoplasmosi?

Nei gatti sani, generalmente non è necessario alcun trattamento. Per i gatti a rischio vengono prescritti antibiotici, tra cui la clindamicina, pirimetamina e sulfadiazina.

Problema della toxoplasmosi nelle donne incinte

La toxoplasmosi è difficile da rilevare, e solo il 10% delle donne infette mostra sintomi evidenti come ghiandole gonfie, febbre, mal di testa, dolori muscolari o torcicollo. Di conseguenza, molte donne che hanno avuto la malattia non sanno nemmeno di averla contratta.

Ecco perché, se avete intenzione di fare un figlio, è utile fare dei test per sapere se avete già gli anticorpi, soprattutto se ci sono gatti in casa. In questo caso, se non avete avuto la toxoplasmosi, vi verranno spiegate alcune norme sull'igiene e il sul cibo che dovrete seguire scrupolosamente.

Ovviamente, il test vi dirà solo se siete stati esposti alla toxoplasmosi, ma non vi dirà se l'infezione è recente o meno. In genere, appena scoperta la gravidanza, il medico dovrebbe prescrivere subito un test sugli anticorpi, e se negativo, dovrà essere ripetuto mensilmente per monitorare eventuali infezioni durante il periodo di gestazione.

Se vostro medico sospetta un'infezione acquisita in questo periodo, per precauzione, sarà potrebbe prescrivere antibiotici (di solito spiramicina) per ridurre le possibilità di trasmettere l'infezione al feto.

Potrebbe anche essere prescritta una amniocentesi per determinare se il bambino è stato infettato da toxoplasmosi.

Se l'amniocentesi dovesse confermare l'infezione del feto, sarà necessario necessario monitorare, attraverso ripetute ecografie, possibili anomalie nel vostro bambino.

toxoplasmosi test in gravidanza

Come si trasmette la toxoplasmosi dal gatto all'uomo?

L'unico modo la toxoplasmosi è trasmissibile dal gatto all'uomo è attraverso l'ingestione degli oocisti attraverso le feci (sia direttamente, o attraverso terreni contaminati, cibo, ecc).

Non si può trasmettere la toxoplasmosi da un morso, graffio, urina di gatto o accarezzando il gatto.

Non pensate mai di abbandonare il vostro gatto se avete scoperto che ha la toxoplasmosi! È scientificamente provato che toccare carne cruda o lavorare in giardino senza guanti è più rischioso che avere un felino.

Come evitare il contagio all'uomo?

I gatti non sono l'unica fonte di infezione per gli esseri umani, infatti la maggiore fonte di infezione è il consumo di carne cruda o verdure impropriamente lavate. L'acqua non potabile (da un ruscello o fiume, per esempio) e il giardinaggio sono altre potenziali fonti di infezione.

  • Evitare di pulire la lettiera, se ciò non è possibile indossare guanti e una mascherina. E' anche consigliabile cambiare e lavare i vestiti dopo la pulizia della lettiera.

  • Assicurarsi che la carne sia ben cotta bene. Ciò significa che non deve essere rosa al centro. Il congelamento della carne per almeno 24 ore (a -10°) uccide il parassita della Toxoplasmosi gondii.

  • Lavarsi le mani dopo aver toccato animali.

  • Indossare guanti durante il giardinaggio.

  • Lavate scrupolosamente frutta e verdura prima di mangiarla.

  • Lavarsi le mani dopo aver toccato carne cruda, frutta e verdura.

  • Lavarsi le mani prima di mangiare.

  • Non lasciate che il vostro gatto vada a caccia.

  • Non bere latte crudo.

  • Pulire accuratamente taglieri e utensili. Utilizzare contenitori separati per frutta / verdura e carne.

  • Tenere la lettiera lontano dalla cucina e altre aree in cui soggiornate più spesso.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   7  Persone hanno inserito un Commento

Teresa Longhitano25/02/2018 | Rispondi

Ciao a tutti, oggi ho scoperto che il nostro gattino ha la toxoplasmosi. Il nostro gatto vive in casa e non mangia mai carne cruda, quindi eravamo sicuri che il test sarebbe risultato negativo! In realtà il veterinario ci ha detto che probabilmente è stato infestato dalle spore. Ha gli anticorpi nel sangue e forse è stata contratta in passato, ma non possiamo saperlo con certezza.

Io e mio marito stiamo provando ad avere un bimbo, ed il veterinario ci ha detto che, anche se raro, c'è sempre una possibilità che possa contrarre la toxo dal mio micino. Siamo molto confusi e spero di non rischiare la mia possibile gravidanza.

Carmen Fisilla25/02/2018 | Rispondi

Penso che andrà tutto bene. Se il tuo gatto è un gatto al chiuso e non mangia carne cruda, è improbabile che abbia una toxoplasmosi attiva. Probabilmente l'ha avuta tanto tempo fa. Se sei preoccupata, rifai mensilmente gli esami al sangue, ma dubito che tu abbia qualcosa di cui preoccuparti.

Marta Paci22/02/2018 | Rispondi

Ciao a tutti e complimenti per l'articolo a Mondopets. Spero che posiate chiarire alcuni dubbi sul rischio contrarre la toxoplasmosi durante la gravidanza.

Per prima cosa, vi dico che ho 31 anni e sono alla sesta settimana di gravidanza. Ho avuto gatti da quando ero piccola, quindi so che c'è una buona possibilità che sia già stata esposta a toxo.

Adesso io e mio marito abbiamo due gatti, e vivono rigorosamente in casa. So che non sono a rischio di infezione da loro in quanto non sono mai stati fuori e hanno sempre mangiato cibo per gatti commerciale. Tuttavia, mio ​​marito sta diventando un maniaco di igiene.

Ma ecco il mio vero problema: prima di scoprire la mia gravidanza, ci eravamo impegnati ad adottare un piccolo gattino da un rifugio del paese in cui vivo. Questo gattino è stato trovato in strada e aveva all'incirca 8-10 settimane di età. Era molto magro ed è rimasto al rifugio per circa un mese.

Ecco la mia preoccupazione: è possibile contrarre la toxoplasmosi da questo gattino? Ho letto in altri siti che la toxo può essere trasmessa solo nelle due settimane successive a quando il gatto è stato infettato, e il gattino è rimasto al rifugio per un mese, ma non sono sicuro di quanto sia vera questa informazione.

Mio marito continuerà a cambiare la lettiera, e puliamo e disinfettiamo tutto ogni giorno. Qualcuno può darmi qualche consiglio?

Dario Messina25/02/2018 | Rispondi

Il rischio di essere infettati da toxoplasmosi attraverso la carne poco cotta è di gran lunga maggiore rispetto a chi ha un gatto in casa. Ti consiglio di farti prescrivere gli esami del sangue per precauzione.

Alfredo Catangelo25/02/2018 | Rispondi

Prima di tutto, probabilmente sei già stata esposta a Toxoplasmosi e potresti avere gli anticorpi. L'unica cosa che non mi torna è perchè il tuo medico non ti ha fatto fare subito le analisi? Se hai già gli anticorpi, sei protetta e il tuo rischio è zero. Anche il gattino può essere testato. Anzi, se il micio avesse contratto la malattia da sua madre, avrebbe mostrato i sintomi e con ogni probabilità sarebbe morto.

Il tuo rischio è pari a zero fintanto che tuo marito cura l'igiene e la pulizia del gatto. I gatti infetti rilasciano il microrganismo solo per 2 settimane.

Sei molto più a rischio di Toxo se ti dedichi al giardinaggio, maneggiando carne cruda o mangiando verdura o frutta non lavata! Le buone pratiche igieniche sono, ovviamente, della massima importanza durante la gravidanza!

Giuseppe Tagliano23/02/2018 | Rispondi

Non sono esperto, ma onestamente non ho mai letto che un gatto infetto è pericoloso solo per due settimane. Secondo me, se il tuo maritino lava scrupolosamente la lettiera, dovrebbe essere ok. Comunque, chiedi al veterinario e soprattutto al tuo medico curante se sei a rischio di contrarre la toxo.

Elisabetta Loci01/08/2017 | Rispondi

Ho due figli e tre gatti in casa. Durante le mie gravidanze tutti mi dicevano di portare i gatti da mia madre, ho parlato anche con il mio veterinario e mi ha detto la stessa cosa. Ovviamente non l'ho fatto e non ho mai avuto problemi di toxoplasmosi. Stavo attenta a lavare bene frutta e verdura e l'igiene dei miei gattini.

Ultimi Articoli

-->