Giovedi' 19 Ottobre 2017

Pancreatite nel gatto: sintomi e cure

  • Pubblicato il:  21/02/2016
Foto Pancreatite nel gatto: sintomi e cure

La pancreatite felina è l'infiammazione del pancreas del gatto che potrebbe compromettere le sue normali funzioni e causare altre patologia. Un pancreas infiammato è un problema serio per il gatto, perché l'organo espleta due funzioni vitali nel corpo.

Collegamenti sponsorizzati

- Produce ormoni, insulina e glucagone, mantenendo i livelli di glucosio (zucchero) nel sangue in equilibrio.

- Produce anche alcuni enzimi digestivi, quali amilasi, lipasi e proteasi, che permettono al corpo di utilizzare i carboidrati, i grassi e le proteine ​​per essere trasformati in energia.

Uno dei misteri della pancreatite nel gatto è che la gravità dell'infiammazione può variare da livelli molto lievi a quelli mortali. Si stima che tra il 40 e il 70 per cento dei gatti mostrano segni clinici di pancreatite durante l'autopsia. Non tutti questi gatti sono morti per un problema al pancreas, ma sicuramente conferma come il pancreas del gatto sia predisposto a lesioni e possa arrecare danni secondari ed altre patologie.

I sintomi della pancreatite nei Gatti

Un altro mistero della pancreatite felina è che spesso ci sono pochi sintomi evidenti. A differenza dei cani con la stessa patologia, che in genere mostrano vomito e dolore addominale, i sintomi nei gatti sono a volte così miti che nemmeno si notano.

I segni più comuni nei gattini sono letargia e mancanza di appetito. Dato che i gatti naturalmente dormono molto e molti sono schizzinosi, questi sintomi per il cibo, questi segni sono spesso scambiati per un comportamento normale del gatto.

Alcuni gatti mostrano segni di vomito e febbre, ma ma sono veramente rari questi casi. Ecco perché è buona regola prendere un appuntamento con il veterinario se si notano variazioni di peso, dell'appetito, della sete, o il comportamento del gatto è strano.
Qualsiasi cambiamento è un segno qualcosa sta succedendo all'interno del corpo e richiede indagini accurate.

Collegamenti sponsorizzati

Le cause della Pancreatite Felina

Un altro rompicapo che circonda la pancreatite felina è ciò che la provoca. La maggior parte dei veterinari credono che non ci sia alcuna causa identificabile nel 90 per cento dei casi.

In una piccola percentuale di gatti, la patologia nasce in seguito a traumi al pancreas, una infezione virale o parassitaria, o l'esposizione ad una tossina come gli organofosfati che sono tipicamente presenti nei pesticidi.

Alcuni farmaci, anche noti, che possono scatenare attacchi di pancreatite sono: il fenobarbital, il prednisone e altri glucocorticoidi, e alcuni diuretici.

Tuttavia la maggior parte dei gatti che sviluppano una pancreatite cronica soffrono anche di infiammazione nel tratto gastrointestinale in forma di enterite, gastrite, colite, o malattia infiammatoria intestinale (IBD). Le cause di fondo di questa infiammazione del tratto gastrointestinale nei gatti sono le allergie alimentari, e la maggior parte degli alimenti commerciali per gatti contengono ingredienti allergenici.

Dal momento che una delle funzioni del pancreas è di secernere enzimi per aiutare la digestione, quando il tratto GI del vostro gatto si infiamma e inizia a malfunzionare, il pancreas lavora maggiormente cercando di produrre una quantità sufficiente di enzimi digestivi per l'utilizzo da parte dell'intestino.

Un altro problema alimentare nel gatto è la mancanza enzimi naturali. Se la dieta del gatto è troppo elaborata, nel corso del tempo il pancreas può infiammarsi a causa del lavoro supplementare richiesto per produrre enzimi digestivi.

Il pancreas produce anche insulina per bilanciare lo zucchero nel sangue. L'alto contenuto di carboidrati contenuti nella maggior parte degli alimenti commerciali per gatti richiede alti livelli di insulina, e quindi metterà sotto pressione il pancreas a un super lavoro.

Quando il pancreas del vostro gatto è oberato di lavoro e non riesce ad espletare le sue funzioni il risultato sarà la pancreatite.

Diagnosi di pancreatite nei Gatti

Dal momento che molti gattini non mostrano sintomi evidenti di pancreatite, e molti dei sintomi sono associati ad altre malattie feline, sono in genere necessari una serie di test diagnostici per arrivare alla conferma della diagnosi.
Questi possono includere un esame fisico, esame emocromocitometrico completo, analisi delle urine, radiografie, ecografia e la biopsia. Le biopsie del pancreas non sono raccomandate perché tendono a aumentare l'infiammazione e può far peggiorare la situazione.

Il test più accurato per diagnosticare la pancreatite nei gatti è la lipasi pancreatica immunoreattività (fPLI). Questa è anche usata per verificare la corretta guarigione dalla pancreatite dopo il trattamento.

Trattamento

Se il vostro gatto è anoressico, deve essere ricoverato per una terapia di fluidi IV (il trattamento migliore per la pancreatite) e farmaci di sostegno fino a quando viene stabilizzato.
Una volta che la pancreatite del vostro gattino è rientrata, una delle migliori cose che potete fare per evitare una recidiva è quello di integrare la sua dieta con enzimi digestivi.

Purtroppo, la pancreatite è una patologia del gatto frequente. Come visto è una malattia grave che può portare a complicazioni come il diabete, lipidosi epatica (fegato grasso), sanguinamento e disturbi della coagulazione, e perfino danni cerebrali.

Collaborare con un buon veterinario per dare al vostro gatto il migliore trattamento del caso.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere