Lunedi' 17 Maggio 2021

Disturbi da stress post-traumatico nel cane

  • Pubblicato il:  18/02/2016

Foto Disturbi da stress post-traumatico nel cane

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) nel cane non è una patologia attualmente riconosciuta nell'ambito veterinario, ma molti studiosi e veterinari del comportamento affermano che esiste ed è anche molto frequente.


In una recente intervista, un luminare veterinario americano, il Dr. Nicholas Dodman, ha dimostrato l'esistenza della PTSD negli animali con alcuni suoi casi:

Cane colpito dalla polizia

Si trattava di un cane che ha seguito un agente di polizia mentre inseguiva un sospetto. Purtroppo, l'ufficiale ha sparato al cane, pensando che lo stesse attaccando.

Il cane è caduto a terra, sanguinante per le ferite, ed è stato vicino alla morte. Il suo proprietario lo prese in braccio e lo ha portato al vicino ospedale per animali, dove il personale veterinario è stato in grado di salvarlo.

Il cane lentamente ha recuperato fisicamente dalle sue ferite, ma il suo comportamento è stato modificato dall'accaduto. Il cane è diventato molto ansioso e iper-vigilante. Non ha mai tolto gli occhi dal suo proprietario e voleva essere vicino a lui continuamente.

Il cane ha anche sviluppato una paura estrema per le auto della polizia, le luci lampeggianti, e persone di colore (l'ufficiale di polizia che gli ha sparato era afro-americano). Aveva quello che sembravano essere incubi e sviluppato ansia notturna da separazione in modo marcato.

Anche se non c'era alcun modo per determinare esattamente la causa, il suo comportamento aderisce ai criteri principali della PTSD umana, tra cui l'ansia di durata superiore a tre mesi, iper-vigilanza, evitare gli stimoli associati al trauma, disturbi del sonno , e incubi.

Cani abbandonati a Fukushima

Uno studio pubblicato di recente documenta la condizione dei cani involontariamente abbandonati dopo il terremoto del marzo 2011 e il grave incidente nucleare a Fukushima.

Molti dei cani si trovavano per le strade o erano incatenati e lasciati soli per lunghi periodi. Altri avevano vissuto uno stato semi-selvaggio nella zona di esclusione, nei pressi del reattore nucleare. Questi animali hanno assistito non solo ad un completo cambiamento delle loro condizioni di vita, ma anche alla separazione dalle loro famiglie.

Gli autori dello studio hanno concluso dai loro risultati che "... c'è la possibilità che lo stress può indurre nei cani eccessivi impatti psicosomatici con manifestazioni comportamentali implicite, come i deficit di attacco e la capacità di apprendimento... ".

Esperienza negativa

Secondo il Dr. Dodman, l'apprendimento post-traumatico che deriva da un'esperienza negativa dipende in una certa misura dall'emissione di catecolamine nel cervello in risposta all'evento. Le catecolamine sono ormoni, tra cui la dopamina, norepinefrina, epinefrina, prodotti dalle ghiandole surrenali e rilasciate nel sangue durante lo stress fisico o emotivo.

Alcuni ricordi post-traumatici sono utili in quanto permettono al cane, e gli animali in generale, di ricordare una circostanza pericolosa in modo che possa essere evitata in futuro. Ma quando questo "ricordo negativo" si trasforma da funzionale a disfunzionale potrebbe diventare debilitante.

Come negli esseri umani, alcuni cani sviluppano PTSD, mentre altri nelle stesse circostanze non lo fanno. La ragione di queste differenze è sconosciuta, ma gli scienziati teorizzano che la genetica ha un ruolo fondamentale. Alcuni animali possono essere plasmati dalla natura ad essere più sensibili agli effetti del trauma psicologico rispetto ad altri.

Esperienze di terapia intensiva

Fuochi d'artificio, terremoti e le zone di guerra possono creare reazioni PTSD nei cani. Il Dr. Dodman ritiene che come le persone, anche i cani possono essere traumatizzati da eventi come incidenti automobilistici ed esperienze di terapia intensiva.

Questi pazienti animali devono essere maneggiati con molta cura e devono essere aiutati con farmaci adeguati per limitare la quantità di trauma psicologico che subiscono mentre sono sottoposti a procedure veterinarie.

Se avete un cane che potrebbe essere affetto da sintomi di PTSD vi consigliamo di consultare sia con un comportamentista animale con esperienza nel trattamento di animali domestici con PTSD, sia un veterinario olistico che potrebbe suggerire terapie naturali per lavorare in collaborazione con la terapia comportamentale.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli