Venerdi' 20 Ottobre 2017

Gatti che vivono fuori: i nostri consigli

  • Pubblicato il:  16/03/2017

Il vostro gatto passa molto tempo fuori? Indipendentemente dalle ragioni per cui il vostro gatto, invece di stare al sicuro in casa, vaga fuori, spesso ci si preoccupa per il suo benessere, la sua salute e la sua sicurezza.

In questo articolo imparerete alcune cose da tenere a mente quando si lascia un gatto fuori.

Collegamenti sponsorizzati

Alimentazione ad orari regolari

Date data mangiare al gatto ad orari prefissati.

Questo consente di controllare il gatto quando torna a casa, gestire la sua sicurezza, prevedere le sue abitudini, interagire con il gatto in maniera regolare, e tirare un fiato di sollievo.

Inoltre, osservando le abitudini alimentari del gatto avrete la possibilità di verificare eventuali problemi già da subito (per esempio, perdita di appetito o un aumento della fame.

Ovviamente questi sono segni molto difficili da notare se il vostro gatto mangia quando vuole e la sua ciotola è sempre piena.

Oltre a questi vantaggi, l'alimentazione programmata ha anche altri aspetti positivi.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Di notte fare dormire il gatto al coperto

Anche se i gatti vedono bene al buio, hanno comunque meno acutezza nell'identificare un pericolo mentre si avvicina rispetto al giorno.

Il vostro gatto potrebbe essere abbagliato dai fari e rimanere fermo pericolosamente in mezzo alla strada.
Poi ci sono gli altri animali (per esempio cani, volpi e gatti randagi) che possono ingaggiare lotte e addirittura uccidere il vostro gatto.

Prendete l'abitudine di nutrire il gatto a tarda sera, e di non lasciarlo dormire fuori.

Potete utilizzare la stessa strategia per le ore di intenso traffico o in altri momenti in cui il vostro gatto potrebbe essere esposto a maggiori rischi fuori.

Utilizzare un metodo di identificazione

Mettete un collare con un tag dove scriverete il numero di telefono nel caso in cui si dovesse perdere e qualcuno lo trova.

Il collare deve adattarsi perfettamente e deve essere dotato di una funzione di sicurezza a rilascio, in modo da impedire che il gatto rimanga bloccato e strangolarsi.

Inoltre potete inserire un microchip, che sarà molto utile nel caso il gatto si perda e finisca in qualche rifugio o viene portato da un veterinario.
Grazie al microchip migliaia di gatti e di cani hanno potuto far ritorno a casa dai loro proprietari.

Castrare e sterilizzare il vostro gatto

La maggior parte dei gatti che vivono all'esterno, se non castrati, vanno alla ricerca di partner per accoppiarsi, in particolare i gatti di sesso maschile.

Pertanto, i gatti sterilizzati hanno meno probabilità di finire nei guai per amore.
Ci sono ovviamente tanti altri vantaggi nel castrare un gatto.

Vaccinare il gatto

I gatti che vivono all'esterno, ma anche quelli d'appartamento, devono essere regolarmente sverminati e vaccinati, perchè hanno un maggior rischio di contrarre malattie o di essere infestati da parassiti.

Sia il contatto con altri gatti o altri animali che la caccia di prede, come i topi, aumentano la probabilità di contrarre malattie.

Quindi, ricordatevi di vaccinare regolarmente il vostro gatto contro le malattie di base, e seguite trattamenti specifici per tenere lontani i parassiti.

Visite regolari dal veterinario

I gatti sono bravi a mascherare le malattie, quindi vi consigliamo di portare regolarmente il vostro gatto a visita dal veterinario almeno una volta all'anno .

Solo un medico riesce a diagnosticare problemi e malattie nelle prime fasi e iniziare subito il miglior trattamento.
Un gatto sano ha più probabilità di sopravvivere all'aperto.

Non vi è dubbio che l'ambiente interno è più sicuro per un gatto, anche se, essendo il mondo esterno è in grado di fornire una serie di vantaggi, soprattutto se si vive in una zona lontana dal traffico urbano.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere