Domenica 17 Dicembre 2017

Linfonodi gonfi nel Cane

  • Pubblicato il:  03/11/2016

I linfonodi gonfi nel cane possono essere causati da una malattia del tessuto o da una infezione.
I linfonodi sono piccole ghiandole che si trovano in determinate parti del corpo, come quelli sul collo o nella spalla.

Queste ghiandole hanno il compito di filtrare il sangue e di preservare i globuli bianchi o linfociti.

Collegamenti sponsorizzati

Cause dei linfonodi gonfi nel Cane

Poiché i linfonodi hanno una funzione di filtraggio, possono essere esposti ad agenti infettivi.

La linfadenite nel cane è solitamente il risultato della penetrazione di un agente infettivo in un linfonodo e lo sviluppo di una risposta immunitaria per combatterla attraverso la produzione di globuli bianchi.

Questi agenti infettivi possono essere funghi e micobatteri, agenti patogeni che a volte possono causare malattie anche gravi nel cane.

Non vi è una base genetica per la linfoadenite, ad eccezione di rari casi di immunodeficienza, ad esempio, la suscettibilità dei cani Basset Hound verso certi micobatteri, presenti in particolare in ambienti acquatici.

Tuttavia, anche i cuccioli appena nati possono presentare un rigonfiamento dei linfonodi, perché il loro sistema immunitario non si è ancora sviluppato sel tutto, e li rende più suscettibili alle infezioni.

I linfonodi del cane possono anche aumentare di volume se vi è una lesione nella zona vicina o quando vi è una crescita anomali di tessuto che preme contro.

Altre cause che possono causare il rigonfiamento dei linfonodi nel cane sono:
- presenza di parassiti interni
- una reazione allergica
- malattie autoimmuni
- leucemia
- cancro in altre zone del corpo che sta diffondendosi in altri organi
- infezione spinale
- asma
- stress e ansia

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Dove si trovano i linfonodi del Cane?

I linfonodi possono essere palpati e possono apparire gonfi.

È possibile controllare i linfonodi del vostro cane:
- nel collo e sotto la mandibola
- sulle spalle
- nella parte posteriore della gamba (popliteo)
- vicino alle articolazioni delle gambe (nodi ascellari)
- nella zona inguinale

Sintomi

La linfadenite raramente causa il gonfiore dei linfonodi nel cane, che è una condizione abbastanza grave per chi non conosce la medicina veterinaria.

Il veterinario sarà comunque in grado di individuare i linfonodi attraverso la palpazione, che spesso possono essere dolorosi per l'animale.

Il cane può presentare febbre, perdita di appetito (anoressia), o mostrare altri segni di infezione sistemica.

Le infezioni batteriche in particolare, possono sviluppare ascessi nei noduli, che possono aprirsi verso l'esterno e e drenare pus.

Altri sintomi includono:
- problemi durante la deglutizione se i linfonodi gonfi sono quelli nel collo del cane
- difficoltà di movimento, se si tratta dei linfonodi ascellari
- costipazione nel caso dei linfonodi inguinali
- letargia
- nausea e vomito
- difficoltà di respirazione

Altre complicazioni dipendono dalla posizione dell'infezione e se sta interessando gli organi circostanti.

Diagnosi del gonfiore di un linfonodo nel Cane

Un esame fisico del cane insieme ad alcuni esami del sangue possono dare al veterinario una più chiara immagine di quello che potrebbe essere la causa.

foto linfonodi cane
Un ago aspirato può aiutare a definire la diagnosi, così come una biopsia, una radiografia o una ecografia possono essere necessari se si sospetta un tumore nel cane.

Come si tratta un linfonodo gonfio nel Cane?

Il trattamento dipenderà esclusivamente dalla diagnosi:

- Trattamento con antibiotici nel caso di infezioni

- Anti-fungini per le infezioni causate da funghi

- Antistaminici e steroidi nel caso di allergie

- Antiparassitari nel caso di una infestazione da parassiti

- Corticosteroidi se il cane è affetto da una malattia autoimmune

- Chirurgia, radioterapia e chemioterapia per il cancro

E' anche importante sapere se il vostro cane ha un'infezione zoonotica (trasmissibile all'uomo), perchè è necessario proteggere voi stessi e la vostra famiglia.
Consultare sempre il veterinario prima di somministrare un farmaco o antibiotico.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere