Giovedi' 14 Dicembre 2017

Lussazione dell'anca nel Cane

  • Pubblicato il:  16/05/2017

La lussazione coxofemorale è la lussazione della testa del femore del cane, cioè la parte finale arrotondata del femore che si innesta nel bacino (acetabolo). Nei cani, la dislocazione o lussazione dell'anca è in genere causata da un trauma e provoca zoppia dell'arto interessato.

Collegamenti sponsorizzati

Anche la displasia dell'anca può causare la lussazione coxofemorale (Leggi: la displasia dell'anca nel cane

La lussazione dell'anca si verifica quando la parte rotonda della testa femorale, quella struttura a forma di palla che si attacca all'interno dell'acetabolo, si rompe o fuoriesce dalla sua sede naturale.

Non ci sono razze, età o sesso che sono immuni a questo problema.

I potenziali effetti a lungo termine della lussazione dell'anca sono soprattutto la comparsa di una grave artrite dell'articolazione.

I sintomi più comuni in presenza di lussazione dell'anca nei cani possono includere:
  • incapacità di sopportare il peso sull'arto

  • eccessiva mobilità dell'arto

  • crepitio in corrispondenza dell'articolazione

  • accorciamento dell'arto

Cause della lussazione dell'anca nei Cani

lussazione anca cane
Le lussazioni dell'anca nei possono essere causate da una serie di circostanze. Le cause più comuni sono i traumi e i problemi pre-esistenti dell'anca , come la displasia dell'anca.

Portate subito il vostro cane dal veterinario dopo traumi o lesioni, soprattutto se si notano segni di zoppia o problemi di deambulazione.

L'intervento medico precoce può salvare il cane da ferite mortali e ridurre i problemi futuri, come l'artrite, nei casi di interessamento delle ossa e delle articolazioni.

LA DISPLASIA DELL'ANCA
La displasia dell'anca è un'anomalia che si verifica durante lo sviluppo e causa instabilità tra la testa del femore e l'acetabolo. Nelle forme più gravi queste malformazioni displasiche possono causare soprattutto lussazioni e artrite degenerativa.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Diagnosi di lussazione dell'anca nei Cani

Esame fisico
E' importante per garantire che il cane non sia in stato di shock a causa del trauma o per la perdita di sangue. E' anche importante accertarsi che non vi siano altre lesioni presenti.

Radiografie del torace
Le radiografie del torace sono importanti per evidenziare un trauma toracico o un pneumotorace (collasso del polmone). È importante identificare queste lesioni se il cane è dovrà sottoporsi ad anestesia.

Esame ortopedico completo
Un esame ortopedico completo mira a cercare la causa della zoppia e a determinare se ci sono altre lesioni presenti. Le fratture, in particolare quelle del bacino e del femore, sono le più comuni dopo un trauma che provoca lussazioni coxofemorali.

L'esame prevede la palpazione di tutte le ossa e delle articolazioni, in modo da escludere segni di dolore o movimenti anomali di un osso o di una articolazione. La palpazione dell'articolazione dell'anca può essere già indicativa nel caso di lussazione coxofemorale.

Le radiografie del bacino
Radiografie e due proiezioni del bacino sono utili per confermare la diagnosi di lussazione dell'anca e per confermare eventuali fratture pelviche.

Trattamento della lussazione dell'anca nel Cane

fasciatura anca cane
Inizialmente il cane può essere soccorso per problemi concomitanti. Il veterinario, infatti, potrebbe iniziare con una somministrazione di fluidi per via endovenosa per mantenere la pressione sanguigna e migliorare l'apporto di ossigeno nel corpo.

Il trattamento delle ferite, se sono presenti lacerazioni, richiede una pulizia accurata di detriti per minimizzare le infezioni.

Se ci sono altee fratture concomitanti il veterinario potrebbe stabilizzarle con stecche. Non è da escludere la somministrazione di farmaci per il dolore per mantenere più calmo il cane fino a quando la frattura non è stata trattata in modo corretto.

Trattamento non chirurgico della lussazione

L'esito di questa procedura è migliore quando viene eseguita subito dopo il trauma. E' necessaria l'anestesia generale per rimettere in sede la testa del femore nella sua posizione naturale.

Dopo la procedura, l'arto viene immobilizzato per impedire l'uso della gamba per alcune settimane.

Trattamento chirurgico

Questa tecnica viene utilizzata quando la riduzione non chirurgica fallisce, in caso di frattura o avulsione, o se ci sono problemi ortopedici che precludono l'uso di un immobilizzatore. Anche questa tecnica richiede l'anestesia generale.

Il chirurgo può utilizzare uno dei seguenti metodi per ripristinare il problema e impedire una recidiva:

  • ricostruzione della capsula articolare

  • protesi della capsula articolare con l'utilizzo di materiale di fissaggio tra la cavità acetabolare e il femore per evitare che la testa del femore fuoriesca nuovamente

  • traslocazione del trocantere per aumentare la tensione della testa del femore verso l'acetabolo

  • posizionamento di una barra metallica attraverso il bordo dell'acetabolo per evitare che la testa del femore fuoriesca. Il perno deve essere rimosso dopo alcune settimane attraverso una piccola incisione fatta dietro la coscia dell'animale.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere