Venerdi' 24 Novembre 2017

Sintomi di vecchiaia nel Gatto

  • Pubblicato il:  31/12/2016

Spesso il proprietario di un gatto si chiede quanto vive un gatto e quali sono i segni che il gatto sta invecchiando.

Ebbene, l'età media di un gatto è di solito 10 / 15 anni, ma ci sono gatti che possono vivere fino a 25 anni.

Collegamenti sponsorizzati

Molti sono i fattori che influenzano la longevità dei gatti, ed in particolare i gatti che vivono in casa e sono alimentati correttamente tendono a vivere più a lungo.

I gatti che vivono in strada hanno una vita media di 3 / 6 anni, poiché, a parte i pericoli che devono affrontare tutti i giorni (automobili, avvelenamenti, cani), sono esposti a molte malattie come la leucemia e l'immunodeficienza felina.

Un gatto è considerato adulto a partire da anno e un mezzo (18 mesi), ma di solito da 5-6 mesi di vita è già completamente sviluppato e in grado di riprodursi.

Quando il gatto raggiunge i 10 anni di vita potrebbe iniziare a manifestare alcuni sintomi di vecchiaia.

Sintomi che il gatto sta invecchiando

Ci sono gatti che non sembra abbiano 10 anni o più, ma di solito cominciano a mostrare i seguenti sintomi:

  • Attività fisica ridotta
    Il gatto preferisce riposare, e c'è un notevole calo di attività fisica, dedicando più ore a riposare e a dormire.
    È ancora possibile giocare con lui, ma questi momenti sono meno frequenti e meno intensi.

  • gatto anziano
  • Problemi quando mangia
    Soprattutto i gatti la cui dieta si basa su cibi morbidi o su cibi fatto in casa, tendono ad accumulare sui loro denti più tartaro.

    Quando sono più grandi, potrebbero sviluppare problemi come la gengivite (infiammazione delle gengive) e la stomatite (infiammazione generalizzata delle gengive e dei tessuti di sostegno del dente), provocando dolore quando mangiano.

    L'ideale sarebbe guardare di tanto in tanto la bocca del nostro gatto per controllare che non ci siano segni di gengive infiammate o altre anomalie.

  • Problemi con la lettiera
    Molti gatti invecchiando sviluppano dolori articolari e muscolari, soprattutto nelle gambe posteriori e dell'anca.

    Questo fa sì che il gatto non riesce più a saltare sulle sedie, tavoli, e anche nella sua lettiera.

    Molti gatti potrebbero così iniziare a fare i loro bisogni in casa, ma in genere accanto alla lettiera.

    Se in casa non avete modificato nulla e avete il sospetto che il gatto ha dolore, può essere che la lettiera è poco accessibile o la sabbia utilizzata è molto spessa.

  • Diminuzione dei sensi
    Il gatto anziano, come le persone, sono soggetti alla perdita della sensibilità olfattiva, dell'udito o della vista.
    Questo può causare una mancanza di attenzione o di imbarazzo nei suoi movimenti che sono ben osservabili.

  • Sbalzi di umore
    Il gatto più anziano ama la tranquillità e può irritarsi se viene disturbato, soprattutto se in casa ci sono animali più giovani che cercano di giocare con lui, o se siamo troppo stressanti perchè vogliamo giocare con lui.

    Dobbiamo rispettare la sua tranquillità.

  • Scarsa igiene personale
    La scarsa igiene è un sintomo di malattia o di dolore in quanto il gatto dedica meno tempo a lavarsi.

    La causa più probabile è il dolore fisico che impedisce, ad esempio, di lavare la parte posteriore (caudale), o alcuni problemi alla bocca.

    Il mantello dei gatti anziani è di solito meno lucido e liscio rispetto a quello di un gatto giovane.

  • vecchiaia del gatto
  • Problemi renali
    Una delle maggiori cause di morte dei gatti anziani è l'insufficienza renale.

    Questo problema di solito inizia quando il gatto inizia ad urinare fuori della sua vaschetta in superfici orizzontali e normalmente morbide (letti, divani, abbigliamento).

    In questi casi si consiglia di portare il gatto dal veterinario per far eseguire degli esami alle urine e per controllare se tutto nella norma.

  • Aumento di peso
    A causa della mancanza di attività fisica, gatti anziani tendono a mettere su peso.

    In questo caso dovreste rivedere la dieta del vostro amico peloso e dare del cibo adeguato.
    Il veterinario può aiutarvi a scegliere l'alimento ideale.

  • Diabete
    E' molto comune, soprattutto nei gatti più anziani e obesi, quindi dobbiamo provvedere a garantire una dieta equilibrata al nostro gatto.

    I gatti obesi sono molto predisposti a contrarre altre malattie.
    Il gatto diabetico beve tanta acqua e mangia di più.

  • Potenziali tumori
    I gatti anziani, soprattutto non sterilizzati, sono più inclini a sviluppare tumori, soprattutto le femmine alle mammelle e i maschi alla prostata.

    Le femmine non sterilizzate inoltre hanno più probabilità di sviluppare la piometra, un'infezione dell'utero.

    I gatti sterilizzati hanno un rischio più basso di morire di cancro.

  • Altri sintomi
    Ci sono molti altri sintomi che possono indicare che il vostro gatto inizia a diventare vecchio.
    Questo è il motivo per cui se notate eventuali sintomi o cambiamenti nel comportamento del gatto è importante consultare il veterinario.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Raccomandazioni per un gatto anziano sano e felice

A partire dall'ottavo anno di vita del gatto si consiglia una visita annuale dal veterinario per controllare la sua salute generale.

Una corretta alimentazione è importantissima per la sua salute e la sua longevità.

E' importante giocare con il nostro gatto ogni giorno per mantenerlo sempre in forma, sia mentalmente che fisicamente, proponendo giochi che coinvolgono la caccia di un oggetto o di un cibo, e mai le nostre mani.

Evitare stressare il gatto e rispettate il loro momento di tranquillità e di sonno.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere