Sabato 18 Novembre 2017

Stress felino: cos'e' e perche' si verifica

  • Pubblicato il:  08/05/2017

Lo stress è uno dei grandi mali della nostra epoca, e anche i gatti non ne sono estranei, anzi, si tratta di uno dei problemi più comuni ed importanti che si nota nei nostri felini.

Collegamenti sponsorizzati

Il gatto è un animale estremamente emotivo che vive in modo particolare i cambiamenti ambientali e di routine, e la maggior parte dei proprietari che vivevano con loro non se ne rendono conto della fino a quando le manifestazioni diventano un serio problema anche per loro.

Un team di veterinari dell'Ohio State University ha condotto uno studio su come lo stress agisce sui gatti, confermando come lo stress felino sia la causa di molti problemi di salute e comportamentali dei nostri compagni pelosi.

Sapere cos'è, come riconoscerlo, e come prevenirlo, può aiutarci a migliorare la qualità della vita dei nostri gatti.

Che cosa è lo stress felino?

Lo stress felino è una reazione fisiologica del corpo che entra in gioco con vari meccanismi di difesa per far fronte ad una situazione percepita come minacciosa o ad uno stimolo ambientale sconosciuto.

gatto e stress
Lo scopo di questa reazione è quello di adattare il proprio corpo ad una nuova situazione attraverso una risposta, la quale si articola in tre fasi distinte:

  • Allarme: l'animale percepisce una fattore di allarme che può essere stressante per lui e lancia alcuni segnali, sia organici che comportamentali. Appare pauroso, si nasconde, è solitario...

  • Adattamento: il corpo del gatto, inizia ad adattarsi alla nuova situazione e a reagire in diversi modi per risolvere il problema.

  • Esaurimento: il corpo è in grado di adattarsi normalmente. Se il fattore di stress però persiste troppo a lungo, la risposta si ripresenterà nuovamente.

Ma allora lo stress può essere dannoso o no per il gatto?
Lo stress del gatto non va mai sottovalutato, perchè il suo corpo è costantemente obbligato a rispondere ad una prolungata esposizione di pericolo e di emergenza ambientale, causando problemi sia nell'equilibrio che nelle risposte naturali dell'animale, e provocando uno stato di debolezza fisica ed emotiva.

Lo stress felino è stato accostato con l'aumento di alcune malattie. Animali e persone che soffrono di stress cronico mostrano spesso un abbassamento delle difese immunitarie mentre il corpo fatica ad adattarsi alla minaccia costante a cui viene sottoposto.

Stanchezza fisica e mentale, debolezza e problemi delle difese derivano anche dall'incapacità del gatto di risolvere il problema emotivo.

Sempre più studi, inoltre, collegano lo stress con numerose malattie "opportunistiche", cioè che approfittano del momentaneo stato emotivo del gatto per svilupparsi.

Lo stress gioca un ruolo importante nella fase di apprendimento, nella memoria e nel processo decisionale. Quindi non crea solo problemi fisici al gatto, ma può influenzarne anche la personalità.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Quali sono le cause di stress nel gatto?

Un gatto che vive felicemente in un ambiente stabile, dove tutto è al suo posto, senza evidenti alterazioni nella sua routine, non presenta sintomi di stress.

Se invece l'animale è sottoposto a sostanziali cambiamenti ambientali, come la nascita di un bimbo, ecc ... e soprattutto se avvengono bruscamente, è molto probabile che il gatto a breve cominci a manifestare sintomi di stress. Un gatto ha bisogno di controllare il suo ambiente per sentirsi al sicuro.

gatto stressato
Situazioni che producono stress nei gatti:

  • Pessimo rapporto con gli abitanti della casa: una delle cause più frequenti di stress felino si presenta quando il gatto viene costantemente molestato da un altro membro della famiglia (un altro gatto, cani, bambini ...).

    Questa situazione, soprattutto nei gatti timidi, li costringe a rimanere in un costante stato di allerta.

  • I cambiamenti ambientali: il gatto è un animale territoriale e molto abitudinario. Dedica molto del suo tempo a marcare il suo territorio con i feromoni e a controllare che tutto sia in ordine.

    Per lui il controllo del tempo e dello spazio è di vitale importanza. La scomparsa del suo proprietario, magari per un lungo un viaggio, la solitudine, l'introduzione di qualcosa di nuovo, che non ha odore, o che genera nuovi rumori, odori strani, possono far aumentare i livelli di stress.

  • Trauma e abbandono: i gatti che sono stati abbandonati dopo aver vissuto nel calore di una casa, o quelli che sono stati fisicamente abusati in passato ... sono animali che hanno il bisogno di rimanere in costante allerta.

    Hanno imparato dalle loro esperienze che la vita è imprevedibile. In molte occasioni, pur avendo risolto i problemi di base possono mostrare segni di stress post traumatico.

  • Scarsa socializzazione: parliamo di animali con una socializzazione scarsa, che sono costretti contro la loro volontà a vivere in ambienti non consoni con il loro carattere. In questi casi, bisogna porci la domanda di quale sia la soluzione migliore per risolvere il problema. Allevare per esempio un gatto randagio, spesso, non è una buona idea.

  • Noia: il gatto non ama rimanere chiuso in casa, soprattutto se non trova cose da fare e si annoia. Infatti, molti problemi di stress possono essere risolti con un adeguato arricchimento ambientale adatto ai felini.


Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere