Giovedi' 19 Ottobre 2017

Infiammazione della cornea (cheratite eosinofila) nel Gatto

  • Pubblicato il:  16/02/2016
Foto Infiammazione della cornea (cheratite eosinofila) nel Gatto

Collegamenti sponsorizzati

Cheratite Eosinofila nel Gatto

La Cheratite Eosinofila nel Gatto consiste in una infiammazione immuno-mediata della cornea, il rivestimento esterno dell'occhio. Questa condizione medica è comunemente chiamata come "cheratite proliferativa", dove cheratite è il termine clinico per indicare l'infiammazione della cornea, e proliferativa si riferisce al decorso rapido.
I gatti in cui si verifica questa infiammazione in genere non provano dolore, anche se ci può essere qualche disagio. L'infiammazione può verificarsi in uno o entrambi gli occhi.

Sintomi

- Unilaterale o bilaterale (in uno o entrambi gli occhi)
- Di solito non provoca nessun dolore agli occhi, nonostante l'infiammazione
- Scarico di muco acquoso dall'occhio
- Ispessimento e iperemia della palpebra (gonfio di sangue).

Collegamenti sponsorizzati

Le cause

Le cause esatte sono sconosciute, ma si pensa che l'herpesvirus felino (FHV-1) può essere associato a questa patologia.

Diagnosi

Il veterinario dovrà escludere altre condizioni mediche prima di diagnosticare la cheratite eosinofila:
- Ulcera corneale cronica con vascolarizzazione corneale secondaria (tessuto di granulazione);
- Herpesvirus-1 felino, che può apparire simile alla Cheratite Eosinofila ma provoca più dolore all'interno dell'occhio;
- Neoplasia alla cornea (crescita di tessuto sulla cornea);
- Linfoma congiuntivale o uveale (al centro dell'occhio);
- Carcinoma a cellule squamose ma che coinvolge raramente la cornea del gatto;
- Chlamydia psittaci: una malattia congiuntivale ma il coinvolgimento corneale è raro
- Felis Mycoplasma: una malattia congiuntivalema anche qui il coinvolgimento corneale è raro

Trattamento

Il trattamento per questa malattia infiammatoria di solito è eseguito su base ambulatoriale. Ci sono una varietà di farmaci topici che il veterinario può prescrivere e che sono in grado di alleviare i sintomi.
La maggior parte dei gatti risponde rapidamente al trattamento, anche se può richiedere da alcuni giorni a diversi mesi per recuperare completamente.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere