Sabato 18 Novembre 2017

Cane e leptospirosi | Sintomi e contagio della Leptospirosi canina

  • Pubblicato il:  04/05/2017

Collegamenti sponsorizzati
In questo articolo parleremo dei sintomi e come si trasmette la leptospirosi canina, una malattia che rivesta grande importanza dal momento che si tratta di una zoonosi, cioè una malattia che può essere trasmessa dagli animali all'uomo (Vedi: Tutte le zoonosi cane-uomo.

Cos'è la leptospirosi canina

La leptospirosi canina è una malattia infettiva che nota anche come "tifo del cane", ed è causata da un genere di batteri chiamati Leptospira.

Questi batteri possono infestare la maggior parte dei mammiferi domestici e selvatici, ma anche gli animali a sangue freddo e gli esseri umani.

La prevalenza di questa malattia aumenta nei mesi di caldi ed è più comune tra i cani maschi perchè tendono maggiormente a leccare urina.

Come si trasmette

La trasmissione della leptospirosi canina si verifica quando il batterio entra a contatto con l'animale attraverso la mucosa nasale, orale, congiuntivale o attraverso una ferita nella pelle.

cane leptospirosi
I batteri attraversano le mucose e raggiungono il flusso sanguigno, e da li attaccano vari organi e tessuti, causando una reazione immunitaria.

Questa reazione provoca la morte del patogeno ma causa anche il rilascio di tossine, e nel caso in cui il batterio è in grado di eludere la risposta immunitaria, si deposita nel fegato e reni, causando potenzialmente gravi danni.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Mezzo di trasmissione della leptospirosi

La principale via di trasmissione della leptospirosi tra i cani è l'acqua o il cibo contaminati da urine di altri animali infetti.

La diffusione della leptospirosi tra gli animali e gli esseri umani si verifica quando le persone entrano a contatto con l'acqua, il cibo o le urine contaminate, ma può anche essere trasmessa attraverso una superficie infetta e si ha l'abitudine di camminare a piedi nudi.

Dal momento che la principale via di trasmissione è attraverso l'ingestione di acqua o di cibo contaminato, bisogna prestare particolare attenzione con i bambini che vivono con gli animali.

I sintomi della leptospirosi canina

Spesso questa malattia ha una progressione subclinica, cioè non mostra sintomi, in altri casi si può osservare un corso patologico acuto o cronico, ma in entrambi i casi la prognosi è riservata, perché è una malattia con un tasso di mortalità elevato, che varia tra il 70% e il 90% dei casi.

I sintomi della leptospirosi canina sono:

  • Febbre
  • Perdita di appetito
  • Vomito e diarrea (talvolta contenere sangue)
  • Urine scure
  • Minzione dolorosa
  • Ulcerazioni della mucosa buccale
  • Deterioramento della salute generale dell'animale

Diagnosi della malattia

Per diagnosticare la leptospirosi canina bisogna andare dal veterinario, il quale eseguirà alcuni test specifici, tra cui gli esami delle urine, che in caso di infezione mostrano tracce di proteine e di emoglobina.

La diagnosi definitiva però viene fatta attraverso un esame del sangue che misura i parametri sierologici degli anticorpi o con una osservazione al microscopio dell'urina dove può essere rilevata la presenza di batteri Leptospira.

Trattamento della leptospirosi canina

Il trattamento della leptospirosi canina richiede sia misure farmacologiche che alimentari.

Può essere utile la combinazione di antibiotici a largo spettro (penicillina e streptomicina) per combattere l'infezione batterica, e altri farmaci per trattare i dei danni epatici e renali.

cane malato
Infine, è importante fornire una dieta altamente nutriente ma a basso contenuto proteico.

Ricordate che il veterinario è l'unica persona in grado di curare il vostro cane.

Prevenzione della leptospirosi

Per evitare che il vostro cani sia infettato dalla leptospirosi canina è raccomandato il vaccino però, anche se ad oggi quelli disponibili sono limiti solo su alcuni sierotipi, vale a dire, non coprono tutti i batteri del genere Leptospira.

Comunque sia, la vaccinazione è una pratica sempre raccomandata, anche se il vaccino ha una copertura di 6 mesi, a volte un anno. Per prevenire questa malattia è importante anche la l'igiene regolare degli animali e del loro ambiente.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere