Domenica 17 Dicembre 2017

Malassezia nel gatto: sintomi, diagnosi e trattamento

  • Pubblicato il:  02/09/2017
Foto Malassezia nel gatto: sintomi, diagnosi e trattamento

La malassezia è un lievito che in genere è presente sulla pelle e sulle orecchie dei gatti e in genere non causa alcun problema e nessun sintomo. Tuttavia, se presente in maniera eccessiva, può provocare dermatiti o infiammazioni della pelle dell'animale.

Collegamenti sponsorizzati

Le cause esatte di questa malattia non sono ancora note, ma sono spesso legate all'allergia, alla seborrea e, alcune volte, a fattori congeniti e ormonali.

La dermatite da Malassezia pachydermatis è meno comune nei gatti rispetto ai gatti, ma può comunque svilupparsi in qualsiasi razza.

Sintomi della Malassezia nel gatto

La malassezia può presentarsi nelle zone del collo, sacche anali, dita, vagina o nel canale uditivo del gatto. I sintomi principali sono:

  • Irritazione della pelle
  • Perdita di pelo (alopecia)
  • Untuosità della pelle
  • Pelle squamosa
  • Arrossamento delle zone colpite
  • Alcune zone della pelle possono diventare più scure (iperpigmentazione) e ispessite (mei casi cronici)

Se notate anche alcuni di questi sintomi e sospettate possa trattarsi di un'infezione da malassezia, portate il vostro gatto dal veterinario per iniziare subito un trattamento.

I sintomi di un'infezione da Malassezia nel gatto sono simili a molte altre infezioni causate da altri tipi di lievito. Per diagnosticare correttamente e curare la malattia, il veterinario dovrà eseguire una serie di esami e test per confermare la diagnosi.

Collegamenti sponsorizzati

Cause

Gatti che hanno sviluppato una forma di dermatite da malassezia sia da giovani che da adulta, possono essere soggetti ad allergie alimentari e / o alle pulci.

Nei gatti rex, le caratteristiche genetiche come la predisposizione ad una alterazione delle cellule mastiche e il tipo di pelo e della pelle possono essere un fattore predisponente nell'insorgenza della malattia.

Nei gatti maturi, invece, è spesso associata a tumori e carcinomi del pancreas e del fegato. Altri fattori che possono essere un fattore predisponente alla dermatite da malessezia sono le infezioni ricorrenti e elevata umidità e temperatura dell'ambiente in cui vivono.

Diagnosi della malassezia nel gatto

Dopo aver valutato la cartella clinica e la storia medica completa del vostro gatto, incluso l'insorgenza e la natura dei sintomi, il veterinario potrebbe eseguire un esame fisico completo e le analisi del sangue e delle urinarie.

Per arrivare ad una diagnosi precisa il medico potrebbe prelevare un campione di tessuto cutaneo per un test citologico della pelle del vostro gatto in laboratorio.

A secondo della colorazione del vetrino al microscopio è possibile identificare l'organismo che causa la dermatite.

Trattamento della malassezia nel gatto

Ci sono due tipi di trattamento per curare l'infezione di Malassezia nei gatti.

Il primo è un insieme di trattamenti medicati di shampoo appositamente studiati per rimuovere il lievito. Questi prodotti in genere si basano su clorexidina e vengono utilizzati per i casi più lievi.

Se l'infezione del gatto è più grave o se non risponde bene ad un trattamento topico, ci sono alcuni tipi di antibiotici e altri farmaci orali che possono essere prescritti dal veterinario.

Sono anche efficaci se il vostro gatto soffre di un'infezione che si è diffusa in più parti del corpo. Per ulteriori informazioni sul trattamento dell'infezione da Malassezia del gatto consultate il veterinario.

Conclusioni

Dovrete far visitare regolarmente il gatto dal veterinario per valutare la progressione della malattia e l'efficacia del trattamento. Ad ogni visita il veterinario visiterà il gatto ed eseguirà un test citologico della pelle per vedere se il numero di organismi presenti diminuisce.

L'irritazione cutanea e il cattivo odore si risolvono solitamente entro una settimana dal trattamento; tuttavia, la recidiva della malattia è molto comune.

Seguite rigorosamente le linee guida e applicate i farmaci topici come prescritto dal vostro veterinario. Non utilizzare alcun shampoo o farmaco non presente nel piano terapeutico e non sospendete il trattamento senza aver prima consultato il veterinario.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere