Venerdi' 4 Dicembre 2020

Principali cause dell'anemia nel gatto

Foto Principali cause dell'anemia nel gatto

L'anemia del gatto è una malattia caratterizzata da un abbassamento dei globuli rossi nel sangue. I globuli rossi contengono emoglobina, una proteina che trasporta l'ossigeno in tutti i tessuti del corpo. Quando un gatto non ha abbastanza globuli rossi, l'ossigeno non può entrare nei tessuti.


Anemia rigenerativa e non rigenerativa

L'anemia può essere causata da una emorragia o da una distruzione dei globuli rossi, chiamata emolisi, ed è chiamata anemia rigenerativa. In questo tipo di anemia, il midollo osseo è in grado di produrre globuli rossi, ma spesso non abbastanza rapidamente da sostituire quelli che vengono perduti.

L'anemia nel gatto può essere causata anche da una produzione di globuli rossi inadeguata, ed è chiamata anche anemia non rigenerativa, una condizione in cui il midollo osseo non riesce a produrre abbastanza globuli rossi.

Le cause dell'anemia

Le cause dell'anemia rigenerativa sono causate da emorragie a seguito di un incidente o emorragie interne, parassiti, anemia emolitica immuno-mediata, che si verifica quando il corpo del gatto attacca i propri globuli rossi nel sangue. Altre cause includono farmaci, alimenti, o tossine come il paracetamolo o il glicole di propilenico, rame e zinco.
Una causa molto rara dell'anemia felina è l'isoeritrolisi neonatale, una condizione immuno-mediata, in cui gattini con sangue di tipo A bevono il colostro dalla madre con sangue di tipo B.

Le cause dell'anemia non rigenerativa comprendono il virus della leucemia felina (FeLV) o virus dell'immunodeficienza felina (FIV) , alcuni tipi di tumori, malnutrizione e alcune malattia infiammatorie croniche.

Anemia causata da una malattia renale cronica

Una delle cause più comuni dell'anemia non rigenerativa nei gatti, soprattutto nei gattini di mezza età o in quelli più anziani, è la malattia renale cronica .

Come abbiamo già detto, la produzione dei globuli rossi avviene nel midollo osseo. Affinché il midollo osseo funzioni bene , ha bisogno di un adeguato apporto di eritropoietina o EPO. L'EPO è un ormone glicoproteico prodotto dai reni, e nei gatti con una malattia renale cronica, spesso non sono grado di produrne abbastanza per alimentare il midollo osseo.
Se il midollo osseo riesce a procurarsi abbastanza EPO, il risultato è l'anemia. Inoltre, la durata della vita dei globuli rossi nei gatti con malattia renale è dimezzata rispetto a quelli dei gatti sani, e questo è un altro motivo per cui i gattini con problemi renali spesso sviluppano anemia secondaria.

I sintomi dell'anemia nel gatto

Un gatto con anemia non riesce a fornire abbastanza ossigeno alle cellule del suo corpo, e i sintomi possono essere spesso vaghi. Possono includere colorazione pallida delle membrane della bocca, letargia e spossatezza.

Potrebbe anche presentare feci nere (se vi è un'emorragia interna o nel tratto gastro-intestinale) perdita di peso, debolezza generale, respirazione affannosa, e un soffio al cuore.

Diagnosi dell'anemia nel gatto

Un test molto importante per diagnosticare una eventuale anemia del gatto è sicuramente un esame emocromocitometrico completo. Un numero elevato di globuli rossi immaturi chiamati reticolociti di solito indica un'anemia rigenerativa, che è tipicamente causata dalla perdita di sangue o dalla distruzione dei globuli rossi.

Un prelievo di sangue è utile per verificare la presenza di parassiti ematici e anomalie dell'aspetto fisico dei globuli rossi. Un profilo biochimico aiuta a valutare, infine, la salute generale del gatto e determinare il coinvolgimento di organi.

L'esame delle feci è utilizzato per verificare la presenza di emorragia dal tratto gastrointestinale. I raggi X ed esami ecografici possono aiutare il veterinario a visualizzare le dimensioni degli organi interni e la potenziale presenza di corpi estranei o tumori del gatto.

Nei gatti con anemia non rigenerativa, viene effettuato il test di Coombs per cercare gli anticorpi che danneggiano i globuli rossi (anemia emolitica immuno-mediata). In scenari peggiori, la biopsia del midollo osseo potrà essere eseguita per confermare alcuni tipi di tumori.

Opzioni di trattamento

Trovare la causa dell'anemia del gatto è di fondamentale importanza, dal momento che questa malattia è in realtà un sintomo di un problema nel gatto. Il trattamento dipenderà poi dalla causa e dalla gravità della situazione.

Nel caso di lieve anemia rigenerativa, nessun trattamento è consigliabile in quanto il corpo ha ancora la capacità di produrre globuli rossi. L'attività di rigenerazione sarà monitorata fino a quando la conta dei globuli rossi tornano alla normalità, e in seguito per assicurarsi periodicamente che l'anemia non si ripresenti.

I veterinari olistici spesso forniscono vitamine del gruppo B e integratori di clorofilla per aiutare i gatti lievemente anemici a recuperare più velocemente.

Nei casi di anemia non rigenerativa causata da malattia renale cronica, a seconda della gravità, il veterinario potrebbe raccomandare l'uso di agenti stimolanti l'eritropoiesi (ESA), come Epogen, per aumentare la produzione di sangue dal midollo osseo. Come tutti i farmaci, tuttavia, anche questi hanno alcuni effetti collaterali.

Altri trattamenti tradizionali dipendono dalla causa dell'anemia.
Ottenere una diagnosi di ciò che sta causando l'anemia è veramente importante. Nei casi di gatti con anemie acute potrebbero essere necessarie trasfusioni di sangue.

Se non trattata l'anemia felina può essere fatale. È importante diagnosticare quindi sia l'anemia sia la causa il più presto possibile.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   3  Persone hanno inserito un Commento

BuLDoG12305/12/2019 | Rispondi

Ho una femmina di Maine Coon di 5 anni e all'età di 3 mesi ha sofferto della sindrome epatopancreatica. Diciamo che l'ho presa già malata. È stata trattata a lungo con terapia antibiotica e siamo riusciti a venirne fuori, ma non del tutto. In pratica soffre di una carenza persistente di vitamina B12 e per questo abbiamo dovuto farle delle punture di questa vitamina per molti mesi. È molto magra e sempre più debole. C'è qualche preparazione che posso darle oltre alle iniezioni?

Mondopets14/12/2019 | Rispondi

Buongiorno, quando si tratta di integratori in caso di carenze alimentari, sul mercato esistono diversi preparati che possono essere inclusi nell'alimentazione. Una cosa importante in caso di carenza permanente di qualsiasi sostanza o vitamina è una dieta adeguata.

Suggerirei di consultare un veterinario/dietologo esperto che aiuterà ad eliminare le sostanze inutili e carenti con carenze di vitamina B e ad utilizzare pasti bilanciati per aumentare l'apporto nella dieta. Naturalmente, la valutazione di un veterinario è importante e, comunque, solo dopo un esame del sangue è possibile determinare il livello di carenza e concordare quale forma di integrazione è la più appropriata.

Saluti!

Maria22/02/2019 | Rispondi

Grazie Viviana. La mia gatta persiana di 14 anni è in pericolo di vita a causa di anemia. Non ne capiscono la ragione. Ha già subito due trasfusioni e iniziato la terapia cortisonica. Ipotizzano un'autommunità. La mia domanda è: visto che fino a qualche settimana fa era stata definita immunodepressa, è possibile che sopraggiunga una anemia autoimmune? grazie mille. Maria

Ultimi Articoli

-->