Lunedi' 23 Ottobre 2017

Tipi di anemia nel Gatto

  • Pubblicato il:  27/06/2016
Foto Tipi di anemia nel Gatto

L'anemia nel gatto è una condizione che si verifica quando vi è un significativo calo dei globuli rossi nel sangue, e il sangue e non contiene quantità sufficiente di emoglobina.

Questa carenza riduce la normale quantità di ossigeno che dovrebbe passare dai polmoni in altri tessuti del corpo.
Fondamentalmente il sangue è poco ossigenato

Collegamenti sponsorizzati

Di anemia possono soffrire non solo gli esseri umani, ma può anche gli animali domestici, e soprattutto gatti.
Sebbene molto comune, è una condizione medica che deve essere diagnosticata e trattata precocemente perchè può essere causa di altre malattie, e in alcune circostanze, provocare la morte.

Se pensate che il vostro gatto possa avere l'anemia o semplicemente volete sapere di più su questa malattia, conoscere i suoi sintomi e i trattamenti, vi invitiamo a leggere questo articolo.

Tipi di anemia e perché succede

Esistono due tipi di anemia nel gatto.
- Il primo tipo, più semplice, trattabile e di breve durata è ed conosciuto come "anemia rigenerativa", in cui il gatto perde molti globuli rossi, ma riesce a rigenerarli.

- Il secondo, più complicato, è chiamato "anemia non rigenerativa", e si verifica quando il gatto perde la capacità di produrre i globuli rossi. In questo caso, sia la malattia che il trattamento, di solito durano più a lungo.

Ci sono molte cause che possono rendere anemico un gatto, uno dei più comuni sono le emorragie o l'eccessiva perdita di sangue.
Forse senza rendersene conto, il vostro gatto è caduto o è stato colpito procurandosi una ferita interna sanguinante.

Altre cause possono essere:
- Bassa produzione di globuli rossi
- Presenza di pulci (le pulci trasmettono due parassiti che causano questa condizione)
- Mancanza di ferro nel sangue
- Malattie come il cancro e la leucemia felina, la peritonite e l'insufficienza renale.

Anemie tipo più grave possono causare seri problemi ad organi vitali come il cuore e il cervello.

Collegamenti sponsorizzati

Sintomi dell'anemia nel Gatto

Nella maggior parte dei casi, l'anemia felina si sviluppa lentamente e progressivamente, quindi abbiamo più tempo per diagnosticarla e iniziare subito una trattamento.

Raramente, però, l'anemia può insorgere improvvisamente, e in questo caso, l'aspettativa di vita del gatto è minore.
Per questo motivo è vitale monitorare sempre il comportamento del vostro animale.

Nei gatti il modo più semplice per individuare una possibile anemia è odorare il suo respiro.
Se il vostro gatto presenta alito sgradevole, iniziate con il controllare la sua bocca e cercate di individuare se sono presenti gengive e lingua pallide.

Quando i gatti sono anemici tendono a respirare più velocemente per produrre più ossigeno, quindi se notate una respirazione affannosa e accelerata, è possibile che siano sintomi di anemia felina.

Altri sintomi classici dell'anemia sono affaticamento, debolezza, febbre, ittero (pelle gialla) e la mancanza di appetito.

Cure per l'anemia del gatto

Per diagnosticare l'anemia felina, il veterinario ha bisogno di effettuare esami del sangue che analizzano il volume dei globuli rossi presenti nel sangue.

Se viene rilevata l'anemia, il veterinario inizia a preparare un piano di trattamento in base al tipo e alla gravità dell'anemia.
I trattamenti per l'anemia sono in genere:

- Per l'anemia di tipo uno, causata da sanguinamento o perdita di sangue, si ricorre alla trasfusione di sangue.

- Per l'anemia causata dalla mancanza di nutrienti, come il ferro, si dovrà intervenire sulla dieta del gatto, inserendo cibi ricchi di minerali per stabilizzarne i livelli. Questo trattamento deve essere rigoroso.

- L'anemia infettiva (causata da pulci) è in genere trattata con antibiotici e con trasfusioni di sangue.

Per concludere, se sospettate che il gatto abbia sviluppato l'anemia, non lasciate passare tanto tempo e prendete appuntamento con il vostro veterinario.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere