Mercoledi' 17 Gennaio 2018

Perchè gli egiziani adoravano i Gatti?

  • Pubblicato il:  06/07/2017
Foto Perchè gli egiziani adoravano i Gatti?

Gli egiziani adoravano i gatti. Una cultura così ricca e avanzata non poteva fare a meno di abbandonarsi al fascino seducente dei gatti. Non c'è da stupirsi che il fascino di questi felini, la loro bellezza, l'eleganza e la personalità siano così uniche che nessuna cultura o essere umano non possa nemmeno avere una piccola curiosità sui gatti.

Collegamenti sponsorizzati

Questi animali sono davvero attraenti, sono così distanti eppure così vicini che possono mostrarti amore senza essere dolci, sembrano indipendenti e hanno quell'aspetto di controllo totale sulla situazione, sono esseri davvero unici e gli egiziani lo sapevano.

L'evoluzione dei gatti.

Cominciamo dall'inizio, e cerchiamo di conoscere le origini dei nostri amici gatti. Questi magnifici carnivori provengono dai loro antenati, probabilmente i Miacis, piccoli carnivori che vivevano nelle foreste già quasi 60 milioni di anni fa, ed erano estremamente veloci.

Anche se gli antenati dei nostri felini vivevano in zone tropicali, alcuni resti sono stati trovati in europa.

Collegamenti sponsorizzati

Il culto degli egiziani per i gatti

L'affascinante storia dei gatti con gli egizi può essere fatta risalire tra il 7500 e il 7000 aC. Gli Egizi li venerarono, nel Medioevo venivano bruciati e oggi li amiamo.

Il motivo per cui gli egiziani adoravano i gatti ci porta a vedere il loro modo di vivere. Gli antichi egizi non solo addomesticarono i gatti, ma li divinizzarono e li videro come dei.

Molti autori classici dell'antica grecia come Diodoro Sículo, storico del I secolo AC, racconta come la folla di Alessandria si scagliò contro un soldato romano che uccise un gatto per sbaglio.

Un altro storico greco Eródoto, racconta che quando c'era un incendio le persone si mettevano come sentinelle e costruivano catene umane, in modo che i gatti non incrociassero il fuoco, e se qualcuno dei gatti moriva, si radevano le sopracciglia in segno di lutto.

Se un gatto domestico moriva per cause naturali, venivano portati in una zona di culto, dove venivano imbalsamati e essere seppelliti nella città di Bubastis. Ctesia ci narra come gli egiziani persero la battaglia di Pelusio perchè i Persiani hanno utilizzato immagini di gatti sugli scudi, e caddero perché non riuscivano ad attaccarli perché erano animali sacri.

Perché gli egiziani adoravano i gatti come Dei

Per gli egiziani la Dea Bastet è raffigurata come una donna con la testa a forma di gatto.

Per gli egiziani il gatto è considerato l'incarnazione del dio del sole e la manifestazione vivente della dea Bastet.

Gli egiziani iniziarono ad addomesticare i gatti durante il 3 ° millennio aC, quando sono diventati animali da compagnia molto apprezzati per la loro dolcezza, il fascino e il modo misterioso dell'essere, e chiaramente per essere un simbolo protettore della casa.

La loro importanza all'interno della società egiziana cresceva al punto che furono spesso addestrati alla caccia degli uccelli.

Nel 1890 alcuni archeologi trovarono nell'antico Bubastis conosciuto oggi come Tell Basta, un vecchio cimitero dove furono rinvenute più di trecento mummie e gatti imbalsamati posti in piccoli sarcofagi.

Il gatto divenne l'animale preferito per eccellenza di re e nobili, e per questo possiamo anche narrare la storia del principe Tutmosis, figlio di Amenophis III, che aveva un micetto chiamato Myt. Fu messo in un sarcofago di pietra e sepolto a Menphis, ed oggi è conservato nel Museo del Cairo.

Il gatto oggi

Al momento attuale è possibile vedere nelle strade del Cairo colonie di gatti, ma nonostante tanti secoli questi animali sono ancora importanti per gli egiziani.

Oggi i gatti sono diventati animali quasi perfetti, indipendenti, amorevoli... i gatti conoscono e sentono l'amore in noi, possiamo dire che la loro divinità deriva più dal loro modo di essere, da come siano così lontani dal nostro modo di pensare.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere