Lunedi' 24 Settembre 2018

Fiori di Bach per Gatti

  • Pubblicato il:  07/01/2018
Foto Fiori di Bach per Gatti

I fiori di Bach rappresentano una forma di cura per i gatti particolarmente delicata, simile all'omeopatia. Molti problemi comportamentali dei gatti, tra cui l'aggressività, la paura e lo stress, possono essere trattati con la cosiddetta floriterapia felina di Bach.

Collegamenti sponsorizzati

Cosa sono i fiori di Bach?

Il nome "fiori di Bach" derivano dal fondatore di questa medicina naturale alternativa... il medico, batteriologo e immunologo Edward Bach, che visse in Inghilterra dal 1886 al 1936. I fiori di Bach non sono usati solo negli animali, ma anche negli esseri umani.

Le essenze floreali di Bach possono essere composte da diverse miscele. In tutto esistono 38 diversi fiori di Bach, che includono ad esempio Aspen, Elm, Holly o Wild Rose (Rosehip). A ciascuno di questi fiori viene attribuita una specifica modalità di azione.

Questi fiori vengono formulati singolarmente in essenze diluite e poi miscelati per l'uso nella floriterapia di Bach. A secondo dei sintomi, i fiori di Bach vengono somministrati in diverse miscele. Vengono venduti già mix pronti, ma potete anche scegliere di miscelare voi le singole essenze.

Fiori di Bach per curare il Gatto?

Sebbene l'efficacia della floriterapia di Bach non sia stata ancora dimostrata scientificamente, molti proprietari di animali domestici hanno avuto esperienze positive con questo rimedio naturale. In genere i gatti vengono trattati con i fiori di Bach soprattutto per problemi comportamentali e in alcune situazioni come i viaggi, incidenti, nervosismo e ansia.

Ecco in cosa può essere utile la floriterapia di Bach nei gatti:

  • Nuove condizioni ambientali
  • Marcatura del territorio
  • Aggressività e paura
  • Stress, nervosismo e iperattività
  • Stanchezza, debolezza e svogliatezza
  • Apatia e tristezza
Prima di usare la floriterapia di Bach, bisogna prima escludere eventuali malattie del gatto.

I rimedi di Bach possono essere utilizzati anche come trattamento coadiuvante nei trattamenti convenzionali. Le interazioni con i farmaci sono rare, ma biosgna comunque discuterne con il veterinario.

Collegamenti sponsorizzati

Nuove condizioni ambientali

I gatti non amano cambiare le loro routine e le condizioni di vita. Il trasferimento in una nuova casa, l'arrivo di un nuovo animale domestico o di un bambino, possono sconvolgere il vostro animale.

Questa sensazione di disagio può essere manifestata in diversi modi: graffiare mobili o la carta da parati, aggressione e stato confusionale.

I fiori di Bach sono ottimi per aiutare i gatti ad affrontare meglio queste situazioni e a mantenerli più rilassati e calmi.

QUALI ESSENZE USARE: se il vostro gatto ha problemi a far fronte a una nuova situazione, vengono spesso usati i fiori di Bach come l'avena selvatica, il caprifoglio o l'acqua viola. Se invece il gatto ha paura o è troppo ansioso, allora meglio usare il Rock Rose.

Territorialità e marcatura del territorio

La marcatura del territorio nei gatti può avere diverse cause. Alcuni urinano, ad esempio, per rabbia, invidia, territorialità, aggressività o di cambiamenti ambientali nell'appartamento.

Questo comportamento, non solo causa un odore sgradevole in casa, ma anche l'odore stesso del gatto.

QUALI ESSENZE USARE: a secondo dello stato emotivo che spinge il gatto a urinare in casa dovrebbe essere trattato con la floriterapia di Bach. Verbena (Vervain) o Vine (Grapevine) sono le essenze più adatte.

Aggressività e paura

L'aggressività e l'ansia possono avere diversi fattori scatenanti e influenzare il comportamento del vostro gatto. Alcune paure, ad esempio, causano la fuga o una reazione aggressiva. Gli ospiti, il rumore, i viaggi in auto e molte altre situazioni possono causare queste paure nei gatti.

Un altro esempio di ansia combinata con l'aggressività è la "sindrome del coccole e del morso". Il gatto può essere accarezzato tranquillamente, ma all'improvviso il suo umore cambia e può mordere e graffiare la mano.

QUALI ESSENZE USARE: i gatti ansiosi possono essere aiutati in questi casi con Mimulus o Aspen. Se il vostro gatto reagisce in modo aggressivo, meglio usare altre essenze come Holly, Cherry Plum, Vine, Beech o Impatiens.

Stress, nervosismo e iperattività

Lo stress può avere una varietà di trigger, ma anche effetti. Alcuni gatti evitano il contatto quando sono stressati, altri tendono ad essere nervosi o iperattivi.

Sono irrequieti e costantemente sotto tensione. Un classico esempio sono i gatti che si leccano sempre o che miagolano di notte.

QUALI ESSENZE USARE: per il comportamento nervoso e iperattivo è spesso usato Quercia o Impatiens.

Se l'animale è piuttosto irrequieto e teso, può essere utile aggiungere Agrimonia. Lo stress acuto o un nervosismo particolarmente elevato, richiede l'aggiunta di Elm. Anche la Verbena può aiutare se si ha a che fare con un gatto particolarmente dominante, teso e nervoso.

Stanchezza, debolezza e svogliatezza

I gatti possono dormire fino a 16 ore al giorno senza nessun motivo. Molti gatti amano dormire durante il giorno e poi cacciare nella notte. Tuttavia, se il vostro piccolo felino è esausto, stanco o svogliato quando è sveglio, i fiori di Bach possono essere utili, ma dopo aver escluso malattie.

QUALI ESSENZE USARE: se un gatto normalmente attivo ha un periodo di stanchezza o è svogliato, allora tra le essenze floreali di Bach si usano spesso Clematidi (clematide bianca) e Carpino bianco. In caso affaticamento, l'aggiunta di essenza d'oliva dovrebbe essere in grado di aiutare il gatto a superare questo periodo.

Apatia e tristezza

Alcuni gatti hanno poca autostima e sono spesso insicuri e sensibili, soprattutto ai cambiamenti esterni. A volte i gatti possono sembrare tristi senza una ragione apparente.

QUALI ESSENZE USARE: la tristezza nei gatti viene spesso contrastata con la Senape. I gatti insicuri con poca sicurezza di sé spesso possono usare Cerato o Gentian. Se l'animale è triste e sensibile, potete anche provare l'effetto di Centaury.

Come dare i fiori di Bach al Gatto?

Il trattamento con fiori di Bach ha lo scopo di alleviare i sintomi o eliminarli completamente. A seconda dell'applicazione, vengono scelte diverse miscele.

Con le essenze di Bach miscelate individualmente, si possono prendere in considerazione le caratteristiche speciali dell'animale. I preparati possono essere acquistate dal veterinario, in farmacia o ordinati online .

È importante che questi siano preparati e adatti ai gatti. In particolare non devono contenere alcool. In alternativa, i fiori di Bach vengono venduti con acqua di sorgente o in globuli.

Le gocce dei fiori di Bach possono essere sciolte direttamente in acqua potabile o sul cibo. In caso di emergenza, ad esempio se il gatto è in stato di shock, potete applicare le gocce direttamente sulla lingua dell'animale.

I globuli possono essere mescolati nel mangime (preferibilmente cibo umido) o aggiunti all'acqua potabile. Inoltre, c'è la possibilità di "nascondere le piccole perle" negli snack del gatto o metterli direttamente in bocca. Durano molto più a lungo rispetto alle gocce.

Dosare i fiori di Bach per i gatti

Per i trattamenti a lungo termine, di solito è sufficiente somministrare tre o quattro gocce o i globuli tre volte al giorno. A seconda della miscela, il dosaggio può variare, ma troverete sempre il dosaggio sulla confezione in base al peso del gatto.

Le gocce di emergenza dei fiori di Bach per gatti sono per le emergenze e devono essere utilizzate solo per un breve periodo. Una goccia è spesso sufficiente.

Durata ed effetti collaterali

La durata del trattamento della floriterapia di Bach dipende soprattutto dai sintomi. Le anomalie comportamentali si basano su un periodo di trattamento di circa tre mesi. Per i problemi acuti, le gocce di emergenza possono essere utilizzate come soluzione a breve termine o una tantum.

Gli effetti collaterali e anche la dipendenza da questi preparati non sono noti. Non è comunque raccomandato un trattamento a lungo termine.

Attenzione!!! I fiori di Bach non sostituiscono mai la visita del veterinario!

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   2  Persone hanno inserito un Commento

Genius200007/01/2018 | Rispondi

I gatti possono avere attacchi di panico?

Hacker9808/01/2018 | Rispondi

Gli attacchi di panico legati all'ansia non sono molto conosciuti nei gatti, ma possono diventare molto ansiosi se spaventati. Altri motivi che possono causare aumenti della frequenza cardiaca e respiratoria sono le malattie cardiache, polmonari e alcune condizioni ormonali come l'ipertiroidismo.

Articoli da non perdere