Domenica 22 Aprile 2018

Omeopatia per gatti

  • Pubblicato il:  17/01/2018

Cercate un rimedio omeopatico per il vostro gatto? Sapevate che l'omeopatia può curare anche gli animali? La medicina alternativa è rivolta principalmente agli esseri umani, ma negli ultimi anni l'omeopatia sta diventando sempre più popolare anche per i gatti, rendendo possibile il trattamento di molte malattie con rimedi naturali.

Collegamenti sponsorizzati

L'omeopatia ha come obiettivo primario quello di risvegliare i poteri di auto-guarigione negli esseri umani e negli animali attraverso la somministrazione di farmaci altamente diluiti.

Capire in anticipo se il gatto è malato

Se amate e vi prendete cura del vostro gatto, di solito siete i primi a notare una principio di malattia. Apatia, miagolii, diarrea, stitichezza, perdita di appetito e lacrimazione richiedono una visita veterinaria. Se il gatto è gravemente malato, il trattamento tradizionale con farmaci è inevitabile. Invece, se si tratta di problemi lievi e innocui, è possibile curare il gatto con l'omeopatia.

Certo, non tutti i veterinari conoscono la medicina omeopatica o magari sono contrar. Un medico olistico, invece, dopo aver osservato da vicino il comportamento dell'animale ne regola la terapia di conseguenza.

omeopatia per gatti
Trattamento omeopatico nei gatti basato sul principio della somiglianza
I rimedi omeopatici si basano sul cosiddetto del principio di similarità. Si pensa, infatti, che in caso di malattia, è possibile utilizzare gli stessi ingredienti attivi che attivano i sintomi presenti in una persona sana. In forma diluita questi preparati aiutano a controllare le malattie dei nostri gatti.

Tra i trattamenti omeopatici per i nostri felini, ecco quelli più comuni:
  • Osteoartrite
  • Allergie
  • Infezioni
  • Raffreddore
Tutte le terapie omeopatiche per i gatti sono prive di effetti collaterali. Di norma, la terapia viene somministrata sotto forma di piccoli granuli o gocce, mescolati al cibo del gatto o sciolti in acqua.

È importante ricordare che il metallo riduce l'effetto dei farmaci omeopatici. Invece di una ciotola di latta, utilizzatene una in plastica, mentre per le lesioni esterne usate una tintura omeopatica, diluendo il principio attivo in acqua e tamponando la soluzione sulla zona da trattare.

Clicca per ingrandire le foto
Collegamenti sponsorizzati

Medicine omeopatiche per il gatto

Per curare precocemente una malattia del nostro gatto, vi consigliamo di tenere a casa una piccola riserva di farmaci omeopatici, tra cui:
  • Sodio solforico
  • Apis mellifica
  • Arnica montana
  • Calendula
  • Ipecacuana
  • Achillea millefolium
È importante consultare il veterinario se si vuole usare l'omeopatia per il proprio gatto.

Se il gatto ha problemi respiratori, stitichezza o diarrea, potete usare il Natrum Sulfuricum, o sodio solforico. La preparazione omeopatica è considerata "detox" e porta notevoli benefici su molti processi metabolici dell'animale. Contribuisce alla rapida eliminazione degli inquinanti e aiuta ad aumentare le difese immunitarie del gatto in pochi giorni.

Nell'omeopatia per gatti è spesso usata l'Apis mellifica. E' prodotta dal veleno delle api, e agisce contro i morsi di insetti. Sciogliete la preparazione in acqua e tamponate il sito dove è stato punto l'animale.

Arnica per trattare dolore e infiammazione nel gatto

L'Arnica montana è una pianta che cresce nelle regioni alpine ed è molto resistenza. Nel campo dell'omeopatia felina, è uno dei rimedi più usati.

L'arnica ha un effetto antidolorifico su tutte le lesioni, soprattutto per aiutare il recupero in caso di traumi, lividi, lesioni da impatto e dopo gli interventi chirurgici. È importante far visitare sempre il gatto da un veterinario per escludere fratture o altri problemi gravi.

omeopatica felina

Calendula per gatti

La Calendula è considerata una pianta ornamentale, ma è molto usata nella medicina omeopatica per i gatti. Contiene alcuni olii essenziali che hanno un effetto calmante e sono anche adatti per trattare ferite e abrasioni della pelle. L'applicazione avviene sotto forma di tintura, diluendo il principio attivo e lavando le ferite.

La calendula ha un effetto disinfettante e previene molte infezioni cutanee del gatto. Per questo motivo, è considerato un rimedio molto usato per gli esseri umani e per i gatti.

Belladonna: rimedio omeopatico per il Gatto

La Belladonna è una pianta velenosa che viene utilizzata in forma altamente diluita contro vari disturbi. Nei gatti, l'uso della Belladonna è raccomandato per trattare l'infiammazione della vescica.

La preparazione allevia il dolore e aiuta l'animale a ritrovare il suo benessere fisico.

Ipecacuana

E' una pianta originaria del Brasile e appartiene alla famiglia dei Rubiaceen. L'ipecacuana è usata come rimedio omeopatico principalmente per trattare nausea e vomito. I sintomi della nausea si notano quando il gatto inizia ad avere una forte salivazione, accompagnata da contati di vomito.

La radice di ipecacuana funziona soprattutto nei casi di nausea. I sintomi come nausea e vomito possono avere molte cause, e se continuano per diversi giorni è essenziale far visitare il gatto da un veterinario o un omeopata!

Millefoglie (Achillea millefolium) per Gatti

L'Achillea è una pianta erbacea che fiorisce tutto l'anno, alta 50-70 cm, e cresce nei prati e negli spazi aperti in tutta Europa e in Asia.

L'achillea può essere usata come rimedio omeopatico al posto all'arnica. Può essere prescritta in seguito a ferite, traumi e lesioni. Grazie ai suoi effetti emostatico, l'achillea viene spesso utilizzata per le ferite che sanguinano, ma anche per trattare le emorragie delle mucose o degli organi interni.

Camomilla romana (Anthemis nobilis) per Gatti

La camomilla romana "Anthemis nobilis" non c'entra niente con la camomilla comune. Vengono utilizzati i fiori di Anthemis nobilis, essiccati e lavorati.

Questo rimedio omeopatico, se usato a gocce o granuli ha un effetto benefico per lo stomaco, mentre se applicato per via topica ha un effetto disinfettante.

La camomilla romana è molto utile anche per trattare alcuni disturbi comportamentali del gatto. Nervosismo, ipersensibilità e paura sono alcuni problemi comportamentali che possono essere trattati con Anthemis nobilis.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere