Sabato 5 Dicembre 2020

Piante tossiche per il coniglio nano

  • Pubblicato il:  08/01/2020

I conigli nani sono tra gli animali domestici più adottati dagli italiani. Anche se questi simpatici animaletti sono adorabili e richiedono poca cura, è comunque necessario essere molto vigili, perché sono molto attratti dalle piante. Molte piante da interno ed esterno sono velenose.


Alcune causano solo irritazione digestiva e diarrea, altre invece possono essere fatali e causare la morte del vostro piccolo compagno in poche ore. Scoprite quali piante sono tossiche per i conigli e cosa fare se le hanno ingerite.

Piante pericolose per il coniglio nano

Quali sono le piante sono tossiche per i conigli? Se avete adottato un coniglio, fate attenzione, perché a questi animali piace mangiare le piante. Purtroppo, alcune piante da interno e da giardino possono essere molto pericolose per la loro salute. Assicuratevi quindi di proteggere i piccoli pelosi tenendo lontane queste piante dai vostri piccoli compagni!!

Alcune piante possono causare forti irritazioni digestive che provocano gonfiore o diarrea, altre sono fatali!


  • Aloe: questa pianta attira i nostri conigli. Purtroppo, il succo contenuto nelle sue foglie è molto tossico e purgante. L'animale che lo consuma potrebbe soffrire di forte diarrea sanguinolenta e abbondante urina.

  • Anemone: questa pianta da esterno, che a volte può crescere spontanea, è molto tossica, irritante, e provoca vomito e diarrea. L'animale che lo consuma deve essere visitato urgentemente dal veterinario, poiché potrebbe andare incontro a paralisi respiratoria e a danni renali irreversibili.

  • Bosso: questo arbusto selvatico presenta un pericolo nelle sue foglie e semi. Provoca vomito, convulsioni, ipotermia e paralisi. Generalmente, l'animale che lo ingerisce finisce in coma.

  • Caprifoglio: le bacche e le foglie di questo arbusto, se ingerite, sono letali. Il coniglio potrebbe soffrire di vomito, grave diarrea e tachicardia prima di andare in coma e morire.

  • Felce: l'intera pianta è velenosa e se ingerita provoca diarrea e convulsioni .

  • Alloro di ciliegia, alloro e oleandro: gli allori sono molto pericolosi per i conigli nani. Inizialmente, dopo l'ingestione, l'animale mostra segni di problemi digestivi, saliva abbondante, secrezione da occhi e naso, vomito e diarrea (talvolta sanguinolenta). Successivamente, sembrerà apatico e stanco, poi avrà difficoltà a muoversi, si paralizza e infine potrebbe morire.

  • Edera: le foglie di questa pianta rampicante sono velenosi e causano irritazioni alla pelle e disturbi digestivi. L'animale presenta un comportamento eccitato prima di andare in coma e morire.

  • Mughetto: questa pianta da giardino spesso raccolta per decorare l'interno delle case a maggio è molto tossica per l'uomo, ma anche per i conigli. Causa gravi disturbi respiratori e cardiaci negli animali che lo ingeriscono.

  • Sambuco: quando non sono ancora mature le bacche di sambuco possono essere tossiche. L'animale che le ingerisce può iniziare a vomitare e soffrire di grave diarrea prima di cadere andare in coma.

  • Tulipano: i bulbi di tulipano sono velenosi e causano vomito e forte salivazione se ingeriti

Fate attenzione dentro e fuori casa, poiché molte altre piante possono risultare tossiche per i conigli. Abbiamo citato solo le più comuni. In genere, meglio lasciare fuori dalla portata del coniglio tutte le piante e fiori. Posizionateli sempre in alto, dove è impossibile accedervi.

All'esterno, non lasciare mai il coniglietto incustodito. Potrebbe essere una buona idea delimitare un piccolo spazio erboso che non contiene piante o arbusti per evitare qualsiasi rischio.

piante tossiche coniglio nano

Cosa fare se il coniglio mangia una pianta tossica?

I roditori e i lagomorfi, di cui fanno parte i conigli, sono animali che non sono in grado di vomitare a causa della loro anatomia. Quindi, se notate che il vostro piccolo peloso ha ingerito una pianta, non sperate di fargliela sputare in questo modo.

La soluzione migliore è rivolgersi immediatamente al veterinario. Infatti, a seconda del tipo di pianta consumata e della sua quantità, l'animale può soffrire di diarrea, sangue nelle feci, vomito, convulsioni e/o tremori, che sono sintomi di avvelenamento e, in alcuni casi, anche di un arresto cardiaco.

Di fronte all'urgenza della situazione, non aspettare e andate dal veterinario. Se possibile, e per accelerare la cura e il trattamento, identificate la pianta in questione o fotografatela per mostrarla al medico. A seconda della specie e della quantità ingerita, verrà deciso il trattamento. Purtroppo, la prognosi vitale del piccolo coniglio può essere impegnata.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->