Lunedi' 24 Settembre 2018

Sverminare il Gatto: alcuni consigli

  • Pubblicato il:  07/01/2018
Foto Sverminare il Gatto: alcuni consigli

Collegamenti sponsorizzati
La maggior parte dei proprietari sono disgustati dalle infezioni da vermi nei loro gatti. Proprio così, i parassiti che vivono nell'intestino del gatto non sono una cosa bella da vedere, anche perché c'è il rischio di trasmissione agli esseri umani! In questo articolo conoscerete tutte le risposte alle domande più frequenti sul trattamento dei vermi nei gatti.

Purtroppo, ogni gatto può essere attaccato nel corso della sua vita dai vermi, anche i gatti che vivono in casa. Mentre una lieve infestazione da vermi non è problematica, una massiccia infestazione può causare seri problemi di salute ai nostri gatti.

Solo con una cura di sverminazione per gatti è possibile limitare le infezioni da vermi. Tuttavia, questo protocollo medico non è privo di controversie e ci sono anche alcune alternative per eliminare questi fastidiosi parassiti dal vostro gatto.

A cosa servono i vermifughi nei gatti?

Le cure per i vermi nel gatto sono usate sia per trattare un problema acuto, sia come precauzione contro l'infestazione da questi parassiti.

Pertanto, l'infestazione da vermi non è affatto rara nei gatti: questi parassiti, tra cui l'anchilostoma e i nematodi, vengono trasmessi in modi diversi, ad esempio tramite le pulci. Con un trattamento adeguato, è possibile distruggere qualsiasi infestazione parassitaria nel gatto ancor prima che causino danni e per impedirne la diffusione.

Tuttavia, molte cure funzionano solo se un gatto ha già i vermi. Un effetto a lungo termine per evitare la re-infezione di questi parassiti intestinali non è ancora disponibile. L'efficacia di un agente vermifugo di solito dura circa 24 ore.

Problemi dei vermi nei Gatti?

Al contrario di pulci e zecche, i vermi sono endoparassiti che vivono all'interno dell'animale e si nutrono del suo sangue. Di conseguenza, l'infestazione può portare principalmente a problemi di anemia e altri danni alla salute.

Di norma, il danno si verifica solo quando l'infestazione da vermi è massiccia o dura a lungo. I vermi, come abbiamo detto, si nutrono del sangue del gatto, e questo può avere gravi conseguenze soprattutto per i piccoli gattini. Allo stesso tempo, possono anche danneggiare gravemente il sistema immunitario e gli organi degli animali colpiti.

Le conseguenze sulla salute includono, ad esempio, danni allo stomaco e al tratto intestinale, che si manifestano principalmente con vomito e/o diarrea.

Durante un'infezione da vermi, le analisi del sangue rivelano spesso l'innalzamento dei globuli bianchi e degli enzimi del fegato. Soprattutto nei gattini appena nati, si possono registrare casi gravi che possono portare anche alla morte.

Collegamenti sponsorizzati

I vermi del gatto possono essere trasmessi agli esseri umani?

Alcuni vermi sono fanno parte dei cosiddetti "agenti zoonotici". Ciò significa che non attaccano solo nell'animale, ma possono essere trasferiti anche all'uomo.

Se trasmessi all'uomo, possono causare infezioni e malattie di diverso tipo. Ad esempio, è possibile che le larve migrino in alcuni organi e nei tessuti, causando seri problemi.

Quindi, è importante prestare attenzione all'igiene durante la pulizia dei gatti e dei loro utensili. Se avete scoperto un'infezione da vermi, bisogna prestare particolare attenzione e usare guanti monouso per pulire la lettiera del gatto.

I bambini sono particolarmente a rischio, perché di solito non sono ancora in grado di rispettare adeguatamente le misure igieniche. Vi consigliamo anche di chiamare il medico di famiglia per farvi consigliare qualche misura preventiva per voi e la vostra famiglia.

Come fanno i gatti a contrarre i vermi?

I gatti possono essere infettati dai vermi in vari modi. L'infezione da anchilostomi e nematodi, ad esempio, è possibile attraverso il latte materno, ma in genere un'infezione da vermi avviene attraverso il contatto con le uova presenti nelle feci di animali già infestati.

Le tenie, invece, possono attaccare il gatto attraverso la contaminazione con animali da preda infetti, come topi e uccelli.

Una volta maturi, i vermi sono molto resistenti e trovano molti modi per annidarsi su un animale o un essere umano. Le uova infettate, ad esempio, possono essere anche portare in casa attraverso la suola delle scarpe.

Alcune specie di vermi, tra cui gli anchilostomi, possono entrare nel corpo del gatto attraverso la pelle delle zampe.

I gatti domestici possono soffrire di vermi?

Si, anche i gatti da appartamento possono essere colpiti dalle infestazioni da vermi, anche se in misura minore.

Come abbiamo detto, le uova di questi parassiti possono attaccarsi su scarpe o altri oggetti e infettare il tuo gatto.

Quali sono i sintomi dei vermi nel Gatto?

Durante un'infestazione da vermi nei gatti si possono notare alcuni sintomi e segni tipici, tra cui:

  • Debolezza generale
  • Tosse
  • Pelle squamosa
  • Pelo opaco e ispido
  • Perdita di peso nonostante il gatto mangia regolarmente
  • Il gatto prova spesso a strisciare il sedere sul pavimento
  • Vomito
  • Diarrea
  • Perdita di pelo sulla schiena
  • Addome gonfio (spesso visto nei gattini)
  • Disturbi della crescita negli animali giovani
  • Lenta guarigione delle ferite
  • Presenza di vermi o sangue nelle feci
  • Dermatite (spesso sulle zampe)

I sintomi possono quindi essere molto diversi e variare in base alla gravità, allo stato di salute, all'età del gatto e al tipo di vermi.

Se sospettate un'infestazione da vermi, vi consigliamo di contattare immediatamente un veterinario. Solo un medico può confermare se effettivamente si tratta di un'infezione da vermi e somministrare al gatto il vermifugo adeguato.

Con che frequenza bisogna sverminare i gatti?

Dipende da diversi fattori. In genere, i gatti che vivono in campagna devono essere sverminati una volta al mese o non oltre tre mesi, mentre nel caso dei gatti domestici basterebbe una sverminazione una o due volte all'anno.

Bisogna sempre individuare il rischio individuale dell'animale per creare un piano di sverminazione corretto. Il rischio viene valutato basandosi sui seguenti parametri:

  • Età dell'animale
  • Ambiente in cui vive il gatto (appartamento, giardino, campagna...
  • Contatto con altri gatti
  • Gatti che mangiano feci o che vivono in condizioni igieniche precarie
  • Gatti da caccia (topi e altri animali da preda)
  • Tipo di allattamento

Qual'è il periodi per sverminare il Gatto?

La somministrazione del vermifugo è particolarmente utile quando si sospetta un'infestazione da vermi. Se la cura invece viene fatta solo come profilassi, allora il periodo può sempre essere scelto liberamente.

Tuttavia, vi consigliamo di eseguire un trattamento contro i vermi una o due settimane prima della vaccinazione. In questo modo, è possibile ottenere una migliore protezione del vaccino perché un'infestazione parassitaria in atto potrebbe influire sulla sua efficacia.

Dal momento che anche i gattini possono contrarre i vermi dalla madre, è consigliabile sverminarli presto, intorno alla terza settimana di vita.

Un altro momento utile per la sverminazione è durante un'infestazione da pulci. Come sappiamo, questi piccoli animaletti possono anche trasmettere vermi.

Esistono alternative al vermifugo per gatti?

Ci sono diverse opinioni sul fatto che l'uso di un vermifugo regolare abbia un senso e se la loro efficacia sia totale. Come abbiamo detto, esistono diversi tipi di vermi intestinali, e non tutti possono essere rimossi dall'intestino del gatto con un solo prodotto.

Le cure per i vermi nei gatti sono formulate in diverse preparazioni e dosaggi. Non tutti i preparati funzionano allo stesso modo contro tutti i tipi di vermi, e le dosi del vermifugo si basano soprattutto sul peso del gatto.

In linea di principio, non è possibile costruire una protezione completa contro i parassiti, i vermi o le pulci e le zecche, attraverso misure preventive.

Oltre all'igiene, ci sono alcune alternative naturali che possono essere usati preventivamente contro l'infestazione da vermi, ma che non forniscono una protezione completa.

Il cocco, per esempio, è uno di questi rimedi naturali per prevenire i vermi nei gatti. L'olio di cocco e le scaglie di cocco possono generare effetto benefico sulla flora intestinale degli animali e nel trattamento profilattico contro i vermi.

La somministrazione di olio di cocco deve essere fatta con il cibo. A seconda del peso, i gatti potrebbero assumere ogni giorno da ¼ a ½ cucchiaino di olio di cocco.

I vermifughi per gatti hanno effetti collaterali?

Di norma, l'uso di agenti vermifughi per i gatti non causa gravi effetti collaterali.

I più comuni sono diarrea, disturbi gastrici e intestinali, o prurito in alcuni casi. Se il vostro animale ha una reazione dopo aver assunto dei vermifughi, dovreste contattare il veterinario. Di norma, in questi casi è possibile ricorrere a un altro farmaco che sia meglio tollerato.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

   5  Persone hanno inserito un Commento

SuperBall6611/01/2018 | Rispondi

Ho trovato diversi vermetti bianchi di circa mezzo centimetro sul sedere del mio gatto, cosa sono?

Conchita7011/01/2018 | Rispondi

Salve, volevo sapere che aspetto hanno i nematodi e le tenie del gatto.

Discolo6811/01/2018 | Rispondi

I nematodi sono di forma cilindrica (come un pezzo di corda) mentre le tenie sono piatte, come un pezzo di nastro. I nematodi possono crescere fino a 15 cm e le tenie fino a 60 cm

Pollon5010/01/2018 | Rispondi

Salve, stamattina ho visto dei vermi neri nei cuscini dove dorme il mio gatto, cosa sono?

Lucia10/01/2018 | Rispondi

Gli unici vermi neri che si possono notare in un gatto possono essere le larve delle pulci. Sono molto piccoli e di solito si notano solo quando il gatto si poggia su una superficie chiara, per esempio un lenzuolo. Non non penso che i vermi che hai notato sul pavimento siano del gatto.

Spesso, gli animali domestici possono portare diversi tipi di vermi e insetti in casa quindi non me ne preoccuperei. Ti consiglio comunque di andare dal veterinario per sicurezza.

Articoli da non perdere