Domenica 19 Novembre 2017

Vaccini per cani obbligatori

  • Pubblicato il:  13/11/2017
Foto Vaccini per cani obbligatori

La vaccinazione del cane contro le principali malattie infettive è la migliore prevenzione per mantenerlo in buona salute. I vaccini per i cani possono essere classificati come obbligatori e facoltativi, anche se è soggetta a variazioni a seconda della posizione geografica.

Collegamenti sponsorizzati

È importante un buon stato di salute del cane e un sistema immunitario forte.

Informazioni sui vaccini del cane

I cuccioli di solito vengono vaccinati dopo 12 settimane o addirittura prima. Normalmente, quando si acquista un cucciolo, viene consegnato con il libretto sanitario e con almeno la prima dose di vaccino fatta.

Un cucciolo non vaccinato non dovrebbe avere alcun contatto con altri cani, per evitare la diffusione delle infezioni. A secondo della razza, dell'area geografica in cui viviamo, del contesto ambientale del cane (da guardia, appartamento, concorsi di bellezza, ecc.), i tipi di vaccino possono variare.

I cani sono ancora vaccinati con vaccini polivalenti e in genere non si verificano gravi effetti collaterali, ma devono essere somministrati in animali completamente sani e seguendo rigorosamente le raccomandazioni sanitarie.

Collegamenti sponsorizzati

Calendario delle vaccinazioni nei cani

Le vaccinazioni obbligatorie nei cani proteggono dal virus del cimurro canino, del parvovirus e della rabbia.

I vaccini facoltativi proteggono contro la leptospirosi, la parainfluenza, la tosse dei canili causata da Bordetella, la malattia di Lyme e il coronavirus.

Anche la vaccinazione contro la leishmaniosi è facoltativa. (Per ulteriori informazioni sulla leishmaniosi canina cliccate su questo link: Tipi di leishmaniosi nei Cani: sintomi e trattamento)

Un vaccino opzionale in un paese può essere obbligatorio mentre in un altro facoltativo. Tutto dipende dalla diffusione della malattia.
In genere il programma di vaccinazione è il seguente:

  • A 6 settimane: prima vaccinazione.
  • A 8 settimane: polivalente.
  • A 12 settimane: Richiamo del vaccino polivalente
  • A 16 settimane: vaccino contro la rabbia
  • Ogni anno: richiamo del polivalente e della rabbia

I vaccini più comuni sono il trivalente, il tetravalente o il polivalente.

Il vaccino trivalente contiene solitamente vaccini contro il cimurro, l'epatite canina infettiva e la leptospirosi.

Il vaccino tetravalente contiene lo stesso vaccino trivalente e si aggiunge il vaccino contro il parvovirus canino.

Il vaccino polivalente, oltre a incorporare quelli precedenti, contiene anche il vaccino contro la tosse dei canili e contro il coronavirus canino.

Vaccini per i cani, contro quali malattie proteggono?

I vaccini polivalenti più utilizzati sono:

  • Pentavalente che immunizza il cane contro il cimurro, l'adenovirus 1 e 2 (epatite e tosse di canili), il parvovirus e la parainfluenza.

  • Esavalente per immunizzare contro cimurro, adenovirus 1 e 2 (epatite e tosse canina), 2 ceppi che causano la leptospirosi e il parvovirus.

  • Octovalente: un vaccino immunizzante contro il cimurro, l'adenovirus 1 e 2 (epatite e tosse canina), 2 ceppi della leptospirosi, il parvovirus, la parainfluenza e il coronavirus.

Nel caso del parvovirus il problema è che nelle prime settimane l'immunità materna è ancora molto forte tanto da inattivare questi vaccini, ma allo stesso tempo non è in grado di proteggere efficacemente dall'infezione stessa il cucciolo.

Da qui la necessità di attuare altre strategie, come ad esempio l'Immunonutrizione per i cuccioli, per soddisfarele particolari esigenze alimentari.

Per quanto riguarda la rabbia, i vaccini creano nel cane una risposta immunitaria contro il virus. Il cane è protetto a partire dal 14° giorno dopo l'iniezione del vaccino.

Se è stata correttamente somministrata, la sua efficacia è del 100%. La prima somministrazione del vaccino dura 1 anno. Successivamente la durata aumenta fino a 2-3 anni. I vaccini somministrati sui cuccioli prima delle 12 settimane non sono efficaci, poiché gli anticorpi materni ne contrastano l'effetto.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Articoli da non perdere