Lunedi' 27 Febbraio 2017

Incontinenza urinaria

  • Pubblicato il:  29/01/2017

L'incontinenza urinaria è la perdita involontaria di urina.
La persona interessata ha un forte e improvviso bisogno di urinare, ma non è in grado di trattenere l'urina.

Le perdite possono verificarsi quando si starnutisce, mentre si ride, o si fa qualsiasi sforzo o esercizio fisico.

Collegamenti sponsorizzati

L'incontinenza urinaria rappresenta quindi un problema igienico, sociale e psicologico, che colpisce l'attività quotidiana del paziente e riduce la sua qualità di vita.

L'incontinenza non è una malattia in sé, ma la conseguenza di una anomalia della fase di riempimento vescicale che si verifica in molte malattie.

E' più comune tra le donne, i bambini (enuresi) e gli anziani, che colpisce oltre il 15 per cento degli over 65.

Le cause

L'incontinenza urinaria si verifica quando la pressione all'interno della vescica supera la pressione nell'uretra .

Questo disturbo può essere causato da un muscolo detrusore iperattivo.
e cause principali sono:

  • Problemi o danni neurologici

  • Alterazione dello sfintere esterno o dei muscoli del pavimento pelvico

  • Fallimento dello sfintere interno che tende a rilassarsi in modo inadeguato

Sintomi

Il sintomo principale dell'incontinenza urinaria è la perdita di urina mentre si tossisce o starnutisce, o durante l'attività fisica o sessuale.

donne incontinenza urinaria

Prevenzione

Ci sono alcune misure che possono aiutare a ritardare l'insorgenza dell'incontinenza urinaria e prevenirla.

Alcuni dei suggerimenti da prendere in considerazione sono:

  • Seguite una dieta equilibrata, come quella mediterranea ed evitate il sovrappeso e l'obesità, riducendo così l'intra-pressione addominale

  • Ridurre il consumo di bevande come caffè, bibite e bevande gassate, alcol e agrumi

  • Evitare cibi piccanti

  • Aumentare il consumo di fibra per prevenire la stipsi

  • Ridurre il consumo di prodotti e farmaci diuretici

  • Evitare di bere da quattro a due ore prima di coricarsi

  • Non forzate la minzione in modo da evitare danni ai muscoli del pavimento pelvico

  • Non ingerire bevande prima dell'esercizio fisico

Esercizi di Kegel
Gli esercizi di Kegel aiutano a rafforzare i muscoli intorno all'uretra e del pavimento pelvico.
Quando questi muscoli sono deboli ci sono maggiori probabilità che si sviluppi l'incontinenza urinaria.

Questi esercizi consistono nella realizzazione di una serie di contrazioni e rilassamenti che si ripetono costantemente per tutta la giornata.

incontinenza urinaria

Tipi di incontinenza urinaria

I principali tipi di incontinenza sono:
INCONTINENZA URINARIA
La perdita di urina si verifica durante l'esecuzione di qualsiasi movimento o attività fisica.

Ridere, starnutire, lo sport, il sollevamento di carichi pesanti o semplicemente stare in piedi o accovacciarsi possono causare perdite di urina che vanno da qualche goccia a un flusso abbondante.

L'origine di questa incontinenza, che colpisce più di un milione di donne, si trova nell'uretra.

Lo sforzo fisico, anche minimo, provoca un aumento della pressione addominale e della vescica che innesca l'incontinenza.

L'età o la gravidanza possono causare una perdita di elasticità nel pavimento pelvico, quindi la anche delle funzionalità della vescica e dell'uretra.

Questo tipo di incontinenza non è associato ad una necessità di urinare.
INCONTINENZA DA URGENZA
È la perdita involontaria di urina associata con un forte ed improvviso bisogno di urinare.

Pertanto, in questo caso vi è una consapevolezza preventiva.

L'origine di questa incontinenza è nel detrusore.
Possiamo distinguere due tipi di incontinenza urinaria da urgenza:

  • Incontinenza sensitiva: è causata da un aumento degli impulsi sensoriali delle pareti della vescica.
    Una sensazione di pienezza precoce e l'urgenza di urinare, e a volte può essere associata a malattie.

  • Incontinenza motoria: la perdita di urina è causata da un detrusore iperattivo, cioè, un errore nella inibizione motoria della minzione riflessa. E' causata principalmente da meccanismi psicologici, sforzi o ostruzioni.

Clicca per ingrandire le foto

Incontinenza urinaria mista

La perdita di urina si verifica per un disturbo del detrusore iperattivo e dei meccanismi dello sfintere.

In questo caso, l'insufficienza del collo vescicale consente l'ingresso di urina nell'uretra prossimale.

Di conseguenza, il detrusore capisce che la minzione è iniziata e rilascia il riflesso della contrazione.

Incontinenza per mancato svuotamento

La perdita di urina si verifica anche nei casi in cui nella vescica vi sono ostruzioni, impedendo il completo svuotamento di urina.

Si distinguono due cause di incontinenza da mancato svuotamento:

  • Causa organica: in questo caso la vescica è ostruita da qualcosa che impedisce il passaggio dell'urina ed è incapace di svuotarla.

    Quando la vescica torna a rilassarsi si verifica subito un altro stimolo a svuotare.

    Il cancro della prostata e l'ipertrofia prostatica benigna sono le principali malattie che causano questo tipo di incontinenza negli uomini.

  • Cause neurologiche: un danno neurologico o del midollo parasimpatico del nervo pelvico provoca una mancanza di forza del detrusore.

    Esso è solitamente causato da lesioni del midollo spinale, sclerosi multipla o interventi chirurgici che interessano il nervo pelvico.

Incontinenza per causa psicogena

E' un tipo di incontinenza urinaria associata a stimoli esterni che influenzano i sensi (come l'acqua fredda), una forte e improvvisa emozione (paura, ansia...) o fobie e manie.

Incontinenza urinaria per causa neurologica

Comprende le alterazioni della funzionalità del tratto urinario inferiore che hanno origine nel sistema nervoso.

Tra queste ci sono l'ictus, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson e le lesioni del midollo spinale.

Diagnosi

Il primo passo è quello di confermare che si tratta di una perdita del tutto involontaria di urina oggettivamente dimostrabile.

Per stabilire una diagnosi corretta si devono distinguere fattori esterni e disturbi delle vie urinarie che causano l'incontinenza, quindi in genere verrà richiesto un esame fisico completo che include un esame della sensibilità perianale e altri studi analitici, radiologici e urodinamici.

Il medico deve tener conto della storia clinica e delle malattie concomitanti dell'individuo, come ad esempio la presenza di malattie neurologiche, malattie sistemiche con un impatto sul sistema nervoso centrale e precedenti interventi che hanno interessato il tratto urinario (come la resezione transuretrale della prostata , ecc ), addome, pelvi e della colonna vertebrale.

Bisogna anche controllare tutti i farmaci che prende il soggetto, in quanto alcune sostanze possono scatenare o aggravare l'incontinenza.

Oltre agli esami del sangue possono essere eseguiti altri test complementari:

  • Radiografia addominale: consente la diagnosi di calcoli biliari che possono provocare l'incontinenza da urgenza urinaria, specialmente nei pazienti con ipertrofia prostatica benigna

  • Urografia endovenosa: viene utilizzata per valutare la morfologia e il corretto funzionamento del tratto urinario superiore

  • Ecografia: in genere per diagnosticare tumori e urolitiasi (calcoli vescicali) della vescica e della prostata

  • Studi urodinamici: per valutare l'attività funzionale del tratto urinario inferiore nella fase di riempimento e di svuotamento della vescica

Come viene trattata l'incontinenza urinaria

MISURE DI IGIENE DIETETICO
Le persone colpite dovrebbero controllare i fluidi ingeriti per evitare l'eccessiva formazione di urina.

E' anche importante il modo in cui vengono mangiate zuppe, stufati e cibi cotti, perchè possono apportare più liquidi rispetto ai cibi cotti al forno e fritti.

Tra i liquidi che favoriscono la formazione di urina ci sono l'acqua, latte, alcool e infusi.

Si dovrebbe bere maggiormente al mattino, diminuendole gradualmente nel corso della giornata.

Nel caso di bambini con enuresi , si consiglia di anticipare la cena.
FARMACOTERAPIA
Lo scopo del trattamento farmacologico mira a migliorare le fasi di contrazione e rilassamento della vescica.

I farmaci più comunemente usati sono gli anticolinergici, che riducono la contrattilità del detrusore, dando una maggiore tolleranza di riempimento vescicale e di continenza.

Tra gli anticolinergici più comuni ci sono l'ossibutinina, flavossato, propantheline, metanteline e il cloruro di trospio.
CHIRURGIA
Ci sono diverse soluzioni chirurgiche, a seconda del tipo di incontinenza e delle caratteristiche della vescica e dell'uretra.
ESERCIZI PER LA VESCICA
I pazienti devono riprendere il controllo della vescica, imparando a resistere alla tentazione di far fuoriuscire l'urina e contribuendo così ad aumentare la capacità della vescica.

Questo risultato è ottenuto attraverso esercizi che sviluppano i muscoli del pavimento pelvico.
STIMOLAZIONE ELETTRICA INTRAVAGINALE
L'obiettivo è quello di ottenere delle contrazioni pelviche stimolando il nervo con un elettrodo intravaginale.

incontinenza

Incontinenza urinaria nel bambino (enuresi)

Anche se questo termine si riferisce alla perdita involontaria di urina in generale, attualmente viene utilizzato per definire la enuresi durante il sonno.

È particolarmente evidente nei bambini, ed è più frequente nelle femmine.

Si pensa che sia influenzata dai seguenti fattori:
- ereditarietà
- ansia
- disturbi psicologici
- immaturità cerebrale
- profondità del sonno
- problemi funzionali e patologici

Ci sono molte teorie circa l'origine di questa incontinenza urinaria, anche se nessuno è del tutto esaustiva.

Per il trattamento di questo disturbo bisogna effettuare un'analisi delle caratteristiche sociali e biologiche del bambino, così come l'atteggiamento e la volontà dei genitori.

Quasi tutti i casi di enuresi si risolvono con il tempo e le persone colpite non subiscono alcuna alterazione della personalità.

La capacità intellettuale è la stessa di altri bambini.

Incontinenza negli anziani

Si tratta di uno dei più comuni disturbi invalidanti negli anziani.

Esso colpisce oltre il 15 per cento degli over 65.

Maggiore è la disabilità fisica o mentale, maggiore è il disturbo.

Per combattere questo problema può essere somministrati farmaci, interventi chirurgici o applicare mezzi palliativi che permettono a queste persone di continuare con le loro attività quotidiane e migliorare la loro qualità di vita.

Collegamenti sponsorizzati
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.
Condividi questo Articolo su:

Articoli da non perdere

Accedi
Accedi con il tuo Social Network

Oppure usa i tuoi dati di accesso

Error message here!

Hide Password non vadlida!

Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la Password? Inserisci la mail di accesso e ti invieremo una nuova password.

Mail non valida !

Torna al Login

Chiudi