Giovedi' 5 Agosto 2021

7 malattie che possiamo contrarre dai gatti

  • Pubblicato il:  15/12/2020

Foto 7 malattie che possiamo contrarre dai gatti

I gatti malati possono contagiarci? E quali malattie possono trasmetterci e quali sono i sintomi? Si stima che nel mondo vivano circa 600 milioni di gatti, il che li rende tra gli animali domestici più popolari sul nostro pianeta. Chi possiede un gatto hanno meno probabilità di soffrire di depressione, ed hanno un minor rischio di infarto e ictus. Ma purtroppo, i nostri gatti possono trasmettere malattie anche gravi.

Malattia da graffio del gatto

È una malattia zoonotica batterica causata da batteri gram-negativi: Bartonella henselae e Bartonella clarridgeiae. È più comune tra i bambini fino a 15 anni di età, che si infettano quando vengono graffiati da un animale ospite, principalmente i gattini. Il primo sintomo della malattia da graffio di gatto è un nodulo o una pustola nella zona del graffio.

Dopo circa due settimane, il paziente sviluppa un ingrossamento dei linfonodi, solitamente all'inguine, al collo o alle ascelle. Sono dolorosi al tatto e scivolano facilmente sotto la pelle.

In alcuni casi, il nodulo interessato può diventare suppurato o sviluppare una fistola. Altri sintomi includono febbre, mal di testa, mal di schiena, dolore addominale, affaticamento, nausea e vomito.

Nella stragrande maggioranza dei casi, la malattia da graffio del gatto è auto-limitante e può risolversi senza trattamento entro un massimo di 6 mesi, più velocemente dopo l'uso di antibiotici. La prevenzione consiste nell'evitare graffi o morsi da parte di gatti e gattini, e di curare l'igiene dell'animale.

Echinococcosi

È una malattia parassitaria estremamente pericolosa causata dalla forma larvale della tenia Echinococcus granulossus o, meno spesso, E. multilocularis. Il serbatoio del parassita e la fonte dell'infezione sono gli animali domestici (cani e gatti) e animali selvatici che versano nell'ambiente le uova del parassita con le feci.

Negli esseri umani, l'infezione si verifica attraverso l'ingestione di uova di tenia presenti sul pelo del gatto o attraverso cibo contaminato. Nel tratto digerente umano, le uova ingerite si schiudono in larve, e si depositano negli organi interni, principalmente nel fegato e nei polmoni, dove formano vesciche piene di liquido.

La maggior parte dei casi di echinococcosi è asintomatica e la malattia richiede del tempo per svilupparsi. Fortunatamente, l'echinococcosi è una malattia rara nel nostro paese.

Toxocariasis

Si tratta di un'altra malattia parassitaria causata dalle larve del nematode del gatto (Toxocara cati). I parassiti maturi vivono nel tratto digerente degli animali infetti, principalmente gattini, e le uova vengono espulse con le feci. Dopo circa tre settimane diventano invasive.

È importante sottolineare che le uova possono sopravvivere nell'ambiente e rimanere invasive per diversi anni! Le fonti dell'infezione da toxocarosi sono principalmente: suolo contaminato, cibo contaminato ingerito, contatti con animali infetti e le loro feci.

A seconda della posizione delle larve del parassita nel corpo umano, possono sviluppare toxocarosi viscerale, cerebrale e oculare. Sul cosiddetto La "sindrome delle larve viscerali migratorie" colpisce più spesso i bambini piccoli che dimenticano di lavarsi le mani dopo essere tornati a casa.

I sintomi della toxocarosi sono: febbre, dolore addominale, mal di testa, tosse, dolori muscolari e articolari. La diagnosi di toxocariasi è difficile e l'unica prova di infezione è la presenza di anticorpi specifici nel sangue. Farmaci antiparassitari sono usati nei pazienti sintomatici con infezione confermata.

Toxoplasmosi

È una comune malattia parassitaria causata dal protozoo Toxoplasma gondii, il cui ospite finale sono i gatti. I parassiti si moltiplicano nell'epitelio intestinale degli animali e poi vengono escreti nelle feci sotto forma di cosiddetti oocisti. Dopo alcuni giorni nell'ambiente esterno, le oocisti diventano invasive e mantengono la capacità di infettare per oltre un anno.

L'infezione umana più comune si verifica attraverso l'ingestione di: consumo di acqua contaminata, carne cruda o poco cotta, nonché frutta e verdura non lavate. Esistono due forme di base della malattia: acquisita e congenita, correlata ai bambini infettati nell'utero.

La prima forma della malattia è solitamente asintomaticanelle persone con un sistema immunitario efficiente, mentre un suo decorso grave si osserva nei pazienti immunocompromessi.

In caso di toxoplasmosi congenita, il risultato dell'infezione del feto può creare disturbi neurologici, disturbi mentali e oftalmici (strabismo, nistagmo, cecità) nel neonato. Possono manifestarsi anche dopo anni, anche in quei bambini che non hanno mostrato sintomi nel periodo neonatale o nell'infanzia.

La prevenzione delle malattie include, prima di tutto, evitare di mangiare frutta e verdura crude e non lavate, nonché lavarsi le mani dopo il contatto con i gatti o le loro lettiere.

Rabbia

Non sono solo i cani che possono contrarre la rabbia, ma anche il nostro gatto può essere una minaccia se non è stato vaccinato e ha avuto contatti con il virus. La rabbia è attualmente la malattia zoonotica più grave causata da molti diversi ceppi di Lyssavirus.

L'infezione umana si verifica a seguito del morso di un gatto malato, meno spesso attraverso la saliva dell'animale, che penetra nelle mucose o nella pelle lesionata.

I primi sintomi della rabbia sono generalmente agitazione, mal di testa, febbre, malessere e disturbi sensoriali nel sito di ingresso del virus. Successivamente compaiono sintomi di encefalite, cioè disturbi della coscienza, come allucinazioni, iperattività, disturbi del ritmo del sonno. Possono anche verificarsi convulsioni, mancanza di respiro e paralisi degli arti.

Ricorda che la rabbia rimane una malattia quasi sempre fatale: sopravvivono le persone che sono state vaccinate prima della comparsa dei sintomi o sono stati infettati da ceppi meno virulenti del virus. Tuttavia, la rabbia può essere prevenuta con l'immunizzazione e l'immunoglobulina specifica.

Micosi

La tigna nei gatti è una delle malattie della pelle più comuni nei nostri gatti. Purtroppo è altamente contagiosa, sia nei confronti di altri animali che di persone, e il suo trattamento può essere abbastanza oneroso.

La malattia è causata da dermatofiti, funghi microscopici parassiti che si nutrono di sostanze contenute nelle cellule della pelle dell'animale. Il fungo più importante di questo gruppo è Microsporum canis, che è la causa di oltre il 90% tutte le dermatofitosi nei gatti.

I gatti giovani, anziani e a pelo lungo sono i più esposti alla malattia. L'uomo viene infettato attraverso il contatto diretto o indiretto con l'animale. Ciò significa che ci si può infettare non solo accarezzando un gatto malato, ma anche trovarsi in un ambiente infetto.

Esistono due tipi di micosi: superficiale (il più delle volte colpisce i bambini senza infiammazione) e profonda (più spesso colpisce gli adulti con infiammazione). Il sintomo principale della malattia sono le lesioni a chiazze accompagnate da una perdita di capelli. Le lesioni si espandono e quindi formano ampie aree senza peli presenti.

Nella tipologia profonda, compaiono cambiamenti eritematosi, accompagnati da desquamazione della pelle e perdita di capelli molto elevata. Il tipo più comune di trattamento è il trattamento topico: al paziente vengono prescritti unguenti contenenti ciclopirox.

Chlamydiosis

È una malattia batterica causata dal batterio Chlamydophila felis. Molto spesso, a causa del sistema immunitario immaturo, colpisce i giovani gatti di età inferiore a un anno. Si manifesta con starnuti, infiammazione purulenta della congiuntiva e delle vie respiratorie.

La principale via di infezione per l'uomo è il contatto con la secrezione dal sacco congiuntivale di un gattino malato. Per quanto riguarda i sintomi della malattia, i maschi possono manifestare perdite uretrali anormali, spesso con muco purulento o mucoso, che causa una leggera sensazione di bruciore nell'uretra.

Nelle donne si osservano perdite vaginali, sensazione di bruciore durante la minzione, dolore addominale basso ventre, mestruazioni prolungate e sanguinamento intermestruale. La clamidiosi se non trattata può essere pericolosa e portare alla sterilità, soprattutto nelle donne. Il vaccino annuale serve a prevenire questa malattia nel gatto.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli