Domenica 31 Maggio 2020

Vitamine per Gatti: bisogni, carenze ed eccessi

Quali sono le vitamine essenziali per i gatti? In quali alimenti per gatti si trovano le vitamine essenziali? Quali sono le conseguenze di una carenza vitaminica nei gatti o, al contrario, un eccesso di vitamine?


Nei gatti, come nell'uomo, le vitamine svolgono un ruolo importante: partecipano al corretto funzionamento dell'organismo e alla prevenzione di molte malattie. Pertanto, qualsiasi proprietario degno di questo nome deve impegnarsi a garantire e soddisfare la richiesta naturale di vitamine nel suo gattino: è questa la base per mantenere sano un gatto.

Che cos'è una vitamina?

Le vitamine sono sostanze organiche che sono coinvolte in molti processi essenziali nel corpo animale. Sono necessari solo in piccole quantità (solo pochi milligrammi al giorno) e, a differenza delle proteine, grassi e carboidrati, il loro consumo non apporta calorie.

Le vitamine vengono tradizionalmente classificate in due gruppi:

  • le vitamine idrosolubili, che sono solubili in acqua. In genere devono essere consumati ogni giorno per evitare carenze. L'eccesso viene eliminato attraverso le feci e l'urina. Le vitamine C e il gruppo B (B1, B2, B3 o PP, B5, B6, B8, B9 e B12) appartengono a questa categoria;

  • le vitamine liposolubili, cioè solubili nei grassi. Vengono immagazzinate nel fegato e nei grassi, quindi una carenza è più rara e impiega più tempo a manifestarsi. Non possono essere facilmente eliminati dal corpo, quindi, in caso di consumo eccessivo, esiste un rischio di intossicazione alimentare nel gatto. Le vitamine A, D, E e K sono considerate liposolubili.

I fabbisogni vitaminici ovviamente differiscono da una specie animale all'altra (quelli del gatto non sono gli stessi del fabbisogno vitaminico di cani o esseri umani), ma anche da un individuo all'altro a seconda delle sue dimensioni, età, genere e stile di vita.

vitamine per gatti

Vitamine essenziali per i gatti

Ogni vitamina svolge un ruolo nella prevenzione dei problemi di salute di un gatto:

  • La vitamina A agisce sulla vista del gatto (in particolare alla sua capacità di vedere al buio), contribuisce alla salute dei tessuti, delle cellule e delle mucose, alla formazione della cartilagine (essenziale per una buona crescita e la salute delle ossa e denti) e al suo ciclo riproduttivo.

  • Le vitamine del gruppo B contribuiscono al metabolismo cellulare e consentono di mantenere in buone condizioni la pelle e il pelo del gatto, nonché i suoi artigli.

  • La vitamina C partecipa allo sviluppo della cartilagine, delle ossa e del collagene: svolge quindi un ruolo guida durante la fase di sviluppo e di crescita del gattino. Ha anche un forte potere antiossidante che aiuta a prevenire il deterioramento e l'invecchiamento precoce di cellule e tessuti.

  • La vitamina D è coinvolta nel processo di formazione e solidificazione dello scheletro del gatto.

  • La vitamina E ha un'azione antiossidante, come la vitamina C.

  • La vitamina K è fortemente coinvolta nel meccanismo di coagulazione del sangue.

Pertanto, il fatto di una dieta equilibrata di vitamine consente, ad esempio, di proteggere il gatto dal freddo durante l'inverno rafforzando il suo sistema immunitario, mantenendo la lucentezza del suo mantello e aiutando un gattino a crescere meglio.

Fabbisogno vitaminico nei gatti

Nell'uomo come nei gatti, le vitamine essenziali possono essere fornite al corpo in due modi diversi: dal cibo o tramite integratori.

Il corpo di un gatto è in grado di produrre le vitamine C e K secondo i suoi bisogni: quindi non bisogna preoccuparsi per questo tipo di carenze.

La vitamina D viene sintetizzata sotto l'effetto del sole grazie ad alcuni sensori fotosensibili presenti nella pelle dell'animale. Ma nella misura in cui non ha abbastanza cellule recettoriali per produrre sufficiente vitamina D, la sua dieta deve consentire una maggiore assunzione al fine di evitare qualsiasi rischio di carenza.

Tutte le altre vitamine non possono essere prodotte direttamente dall'organismo del gatto e devono quindi essere fornite dal cibo nelle seguenti proporzioni giornaliere (*):
- vitamina A: 5000 UI per chilo;
- vitamina B1: 22 mcg per chilo;
- vitamina B2: 110 mcg al chilo;
- vitamina B3: 265 mcg per chilo;
- vitamina B5: 220 mcg per chilo;
- vitamina B6: 22 mcg per chilo;
- vitamina B8: 2,2 mcg per chilo;
- vitamina B9: 4,5 mcg per chilo;
- vitamina B12: 0,5 mcg per chilo;
- vitamina D: 500 UI per chilo;
- vitamina E: 30 UI per chilo.
* 1 mcg corrisponde a 0,001 mg. IU sta per International Unit e l'equivalente in massa di una UI dipende dalla sostanza in esame.

Nelle razze di gatti di grandi dimensioni, come il Maine Coon o il Norvegese, l'assunzione di vitamine deve quindi essere maggiore rispetto a gatti più piccoli come il Munchkin o Singapura.

Questi valori sono, tuttavia, solo ordini di grandezza, poiché i bisogni di vitamine di un gatto dipendono anche dalla sua età, sesso, stile di vita e stato di salute. Ad esempio, l'assunzione di vitamina A e D dovrebbe essere aumentata nel caso di un gattino in crescita o di un gatto che allatta. Inoltre, un gatto che soffre di disturbi della parete intestinale può avere più difficoltà ad assorbire le vitamine dal cibo: possono quindi essere necessari maggiori informazioni che potrà darvi solo il veterinario.

carenza vitamine nel gatto

Alimenti ricchi di vitamine per gatti

Le vitamine si trovano generalmente in un gran numero di alimenti di origine vegetale o animale.

La vitamina A è presente in grandi quantità nel fegato di pesci e pollame e in quantità minore nel latte e nel tuorlo d'uovo. Poichè il sistema digestivo di un felino è diverso da quello del cane e di quello umano, i gatti non possono convertire i precursori della vitamina A (come il beta-carotene) presente in alcune piante. Bisogna quindi garantire che le vitamine vengano fornite sulla base della "vera" vitamina A effettivamente utilizzabile dal loro corpo.

La maggior parte delle vitamine del gruppo B si trova nel fegato o nei reni dei mammiferi. Alcuni si trovano anche nel lievito, cereali e alcune verdure verdi.

La vitamina D può essere sintetizzata da alcune cellule presenti sulla pelle del gatto, ma solo in piccole quantità. La vitamina D si trova in quantità negli oli di fegato di pesce e in particolare nell'olio di fegato di merluzzo. Anche uova, latte e alcuni funghi ne contengono tracce.

Infine, la vitamina E si trova nei cereali, nella frutta secca, nel fegato e nei grassi di alcuni mammiferi. Alcuni pesci la contengono, ma in quantità minore.

Carenza di vitamine nel Gatto

CARENZA DI VITAMINA "A" NEL GATTO
La carenza di vitamina A può portare a malattie agli occhi (come la cecità notturna), problemi al sistema riproduttivo, nonché a danni ai tessuti e alle mucose in generale (specialmente nella pelle). In un gattino in crescita, può causare disturbi nel sistema nervoso e nello scheletro.

Tale carenza può verificarsi nel caso di una dieta povera di prodotti animali, poiché il corpo di un gatto non può convertire il beta-carotene delle piante in vitamina A. Può verificarsi soprattutto nel caso di un gatto nutrito con una dieta vegetariana.
CARENZA DI VITAMINA "B" NEL GATTO
Poiché le vitamine del gruppo B svolgono diversi ruoli nel corpo, una carenza può avere varie ripercussioni:

  • Un deficit di vitamina B1 provoca nel gatto una perdita di appetito, uno stato di debolezza generale, paralisi e infine la morte dell'animale. Si presenta soprattutto in una dieta ricca di pesce crudo, perché contiene un enzima che distrugge la vitamina B1 nel corpo. La cottura consente di neutralizzare l'enzima in questione, in modo che il consumo di pesce cotto non sia problematico.

  • La carenza di vitamina B2 causa malattie agli occhi del gatto, problemi motori e insufficienza cardiaca. Una carenza giovanile può interferire anche con la crescita del gattino e causare varie malformazioni;

  • La carenza di vitamina B3 è comunemente chiamata "lingua nera": provoca infiammazione delle gengive e delle mucose orali e diarrea sanguinolenta. A causa di questi sintomi, il gatto non riesce più a mangiare: perde rapidamente peso e alla fine muore. Una tale carenza è purtroppo comune nel caso di una dieta vegetariana;

  • Una carenza di vitamina B5 porta ad alopecia più o meno marcata e disturbi digestivi, come la diarrea;

  • La carenza di vitamina B6 provoca anemia, problemi di crescita, problemi dentali, malattie della pelle e calcoli renali;

  • La carenza di vitamina B8 provoca problemi agli occhi, alla pelle e al pelo, disturbi digestivi e, in casi avanzati, paralisi degli arti. E' rara, ma a volte si verifica nel caso di una dieta ricca di uova crude, perché l'albume contiene un enzima che distrugge la vitamina B8;

  • La carenza di vitamina B9 o vitamina B12 può causare grave anemia, una diminuzione del numero di globuli bianchi nel sangue e disturbi nervosi.

CARENZA DI VITAMINA "C" NEL GATTO
A differenza di quello dell'uomo e delle scimmie, il fegato dei gatti è in grado di sintetizzare la vitamina C in quantità sufficiente: pertanto una carenza è estremamente rara. A volte si verifica durante l'insufficienza epatica o nel caso di un gatto molto stressato, perché lo stress tende a ridurre la quantità di vitamina C nel corpo.

La carenza di vitamina C è responsabile dello scorbuto, una malattia che provoca sanguinamento dalle gengive e dalla mucosa orale, un sistema immunitario indebolito e affaticamento. Nei casi più gravi, può persino alterare il sistema nervoso e causare la morte.
CARENZA DI VITAMINA "D" NEL GATTO
Se si verifica durante il periodo di crescita del gattino, la carenza di vitamina D può causare demineralizzazione dello scheletro e un aumento del rischio di fratture ossee. Questo si chiama rachitismo.

In un gatto adulto, una carenza di vitamina D può causare malattie cardiache e insufficienza renale.
CARENZA DI VITAMINA "E" NEL GATTO
Nei felini, una carenza di vitamina E è responsabile della pansteatite (detta anche "malattia del grasso giallo"), che provoca febbre alta, perdita di appetito, letargia , problemi di pelle e formazione di grasso corporeo appena sotto la pelle.

Questa carenza è frequente nei gatti nutriti esclusivamente di pesce (che contengono poca vitamina E) o che seguono una dieta molto ricca di acidi grassi insaturi, perché portano a una diminuzione della vitamina E nel corpo.
CARENZA DI VITAMINA "K" NEI GATTI
La flora intestinale presente nel sistema digestivo del gatto produce una quantità sufficiente di vitamina K: per questo motivo, una carenza di questa vitamina è molto rara. A volte si verifica durante la terapia antibiotica perché gli antibiotici per i gatti distruggono i batteri buoni presenti nell'intestino. Anche un avvelenamento da pesticidi può portare a un'improvvisa carenza, poiché questo tipo di veleno distrugge la vitamina K presente nel corpo.

I sintomi di una carenza di vitamina K sono sanguinamento ed emorragia, perché questa vitamina è importante nella coagulazione del sangue.

integratori vitamine gatto

Trattare una carenza di vitamine nel Gatto

Se si sospetta una carenza di cibo nel gatto, è importante consultare immediatamente un veterinario. In effetti, è facile da trattare, ma le sue ripercussioni sulla salute dell'animale possono essere serie se non vengono trattate rapidamente.

Inoltre, una carenza può anche essere un sintomo di una malattia molto più grave (ad esempio insufficienza epatica o alcuni tumori del gatto), che è essenziale diagnosticare il prima possibile.

Il veterinario inizierà l'esame facendo alcune domande al proprietario sulle abitudini alimentari del suo compagno, quindi esegue un esame clinico approfondito. Se sospetta una carenza, può:

  • prescrivere integratori alimentari per gatti e verificare se i sintomi migliorano. Tale trattamento può essere preso in considerazione solo se il veterinario ha un'idea già chiara della carenza in questione (ad esempio quando si trova di fronte a un gatto vegetariano o si nutre esclusivamente di pesce). Allo stesso tempo, deve garantire che qualsiasi eccesso di vitamine non sia dannoso, nel caso in cui la diagnosi sia sbagliata;

  • prelevare un campione di sangue per gli esami di laboratorio. Questo metodo è molto più affidabile, ma è anche più lungo e più costoso: deve essere valutato solo nel caso in cui non sia possibile confermare la prima soluzione.

Una volta che la diagnosi è stata confermata, il trattamento consiste nel riequilibrare la dieta. Se la carenza è stata causata da un fattore diverso dall'alimentazione inadatta (malattia digestiva, avvelenamento del gatto da pesticidi , ecc.), la priorità rimane quella di trattare la causa in questione.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->