Domenica 31 Maggio 2020

Curare il Gatto con l'argilla

Cos'è la terapia con argilla? Quali sono i benefici dell'argilla per i gatti? Come curare il gatto con l'argilla? Ustioni, malattie, ferite e lesioni di ogni tipo... il campo di applicazione dell'argilla è vasto. Molto economico, facilmente accessibile, può trovare il suo posto in un kit di pronto soccorso per gatti ma è ancora usato poco in medicina veterinaria.


Cos'è la terapia con argilla?

L'argilloterapia significa usare l'argilla come rimedio per alcuni disturbi. Questa tecnica viene utilizzata dall'uomo da tantissimo tempo, ma è un po' meno conosciuta per gli animali, nonostante l'immenso potenziale curativo.

L'argilla è un materiale roccioso malleabile e idrofilo (che assorbe l'acqua) formato dalla decomposizione delle rocce sotto l'azione del vento e dell'acqua, e quindi molto ricco di sali minerali e oligoelementi.

Molto economico, in combinazione con altre terapie naturali (per es. aromaterapia) può fornire un supporto curativo per molti disturbi. Esistono diversi tipi di argille di diversi colori, a seconda dei minerali che le compongono:

  • l'argilla verde è ricca di magnesia (carbonato di magnesio) e silicati;
  • l'argilla bianca (caolinite) contiene una grande quantità di silice e allumina, ma non di ferro (da cui il suo colore bianco);
  • l'argilla blu ha un alto contenuto di silice;
  • l'argilla rossa è molto ricca di ossido di ferro;
  • l'argilla rosa ha un alto contenuto di silice e ossido di ferro;
  • l'argilla gialla contiene molto magnesio e ferro.

Nella terapia naturale animale, per motivi di abbondanza, costo ed efficacia, le più usate sono l'argilla verde e l'argilla bianca. La prima viene preferita per i suoi effetti esterni mentre la seconda per i disturbi interni, ma in pratica non esiste una delimitazione rigorosa. L'argilla verde è anche conosciuta per la sua azione molto più potente rispetto a quella bianca.

Benefici dell'argilla per il gatto

L'argilla è un meraviglioso rimedio naturale, prezioso e con molteplici usi, relativamente poco conosciuto e poco utilizzato oggi, ma le nostre nonne lo usavano spesso.

Sebbene ogni tipo abbia le sue specificità, le argille hanno nel complesso virtù simili, qualunque sia il loro colore. E sono:

  • antisettiche: uccidono molti patogeni (batteri, virus, funghi, ecc.) senza danneggiare le cellule dell'animale, a differenza dei disinfettanti tradizionali;

  • disintossicante: grazie alla loro struttura, le argille hanno la proprietà di agire come un assorbente e di assorbire tutto ciò che può danneggiare l'organismo, come tossine, cattivi odori, grasso e persino elementi radioattivi. È un assorbimento selettivo, vale a dire che a dosi normali, viene esercitato solo su sostanze tossiche e non su sostanze organiche e nutritive come oligoelementi, minerali, aminoacidi e vitamine essenziali per i gatti;

  • curative: le argille ricche di allumina favoriscono l'idratazione della pelle, la rigenerazione delle cellule, la guarigione delle ferite del gatto e l'assorbimento di lividi e edemi;

  • energizzante: consentono di combattere la stanchezza generale o temporanea, lo stress e di ridurre i tempi di convalescenza;

  • lenitivo: riducono il dolore locale causato dall'infiammazione (mal di schiena, artrite artrite del gatto , ecc.).

I benefici per i gatti sono in linea di massima le stesse degli umani. Le proprietà specifiche di ciascuna argilla dipendono quindi dalla quantità, dalla varietà e dalla qualità dei minerali che la compongono, ma anche dalla loro durata di esposizione al sole, all'aria e all'acqua piovana.

Ad esempio, più un'argilla è stata esposta al sole durante la sua formazione, più è attiva, ma un'argilla non esposta ha altre straordinarie proprietà. Pertanto, due argille dello stesso tipo possono avere un'efficacia ed un uso diverso.

L'argilla ha anche il vantaggio di essere molto ben supportata dal corpo. Se il dosaggio è corretto e il materiale è di buona qualità, il rischio di effetti collaterali, come una reazione allergica del gatto , è particolarmente basso.

argilla cura gatto

Come usare l'argilla sui gatti

L'argilla può essere somministrata per via esterna (pasta di argilla per impacchi, bagni di fango, ecc.), ma anche oralmente (diluito in acqua, in compresse o capsule).

La modalità di applicazione dipende soprattutto dalla condizione che si desidera trattare. Pertanto, le malattie digestive del gatti sono trattate per via orale, mentre per le malattie dermatologiche feline con impacchi o altri prodotti topici.

L'argilloterapia è efficace nei seguenti casi:

  • malattie della pelle del gatto, come piodermite, dermatite atopica, tigna, eczema o prurito;

  • malattie articolari, come l'artrite felina. L'argilla viene spesso utilizzata insieme alla fitoterapia per gatti;

  • malattie dell'apparato circolatorio del gatto;

  • disturbi digestivi: l'argilla riduce la gastralgia (mal di stomaco), dolore addominale e infiammazione del colon (colite, colon, diarrea di cane e gatto, enterite, ecc.). Il trattamento viene effettuato con argilla verde o bianca somministrata per via orale per circa tre settimane;

  • dopo un intervento chirurgico o come supporto per un gatto indebolito (ad esempio un gatto affetto da leucosi felina ), per stimolare il suo sistema immunitario, ridurre l'affaticamento del corpo e accelerare la convalescenza. Il trattamento con argilla viene effettuato sotto forma di cure orali;

  • in caso di ematomi, traumi, ustioni, ascessi o piccole ferite: un'applicazione di argilla verde in pasta consente di disinfettare la lesione e alleviare gonfiori e dolori;

  • in caso di esposizione a elementi radioattivi: l'argilla ha la capacità di assorbire le radiazioni sull'organismo. Pertanto, durante il trattamento dei tumori felini trattati con radioterapia, l'applicazione dell'argilla tra due sessioni consente di sopportare meglio il trattamento, oltre ad aiutare la guarigione delle ustioni sulla pelle del gatto.

I campi di applicazione dell'argilla nella medicina veterinaria per i gatti (e persino nella medicina ordinaria) sono quindi numerosi.

Come preparare l'argilla le cure del gatto

L'argilla può essere acquistata sotto forma di polvere o pasta pronta per l'uso per applicazioni esterne, e capsule, compresse o soluzioni da ingerire per trattamenti orali: tutto dipende dalla condizione che si desidera trattare. Per essere sicuri di fare la scelta giusta, è meglio chiedere sempre consiglio al veterinario.

APPLICAZIONE ORALE
Per la somministrazione orale, l'argilla dovrebbe essere assunta dal gatto al mattino a stomaco vuoto. Il trattamento dura generalmente tre settimane. L'unico effetto collaterale possibile è una leggera costipazione se i dosaggi non sono progressivi. Una confezione contenente 250 compresse di argilla costa circa 15 euro. Il dosaggio da rispettare dipende in parte dalle dimensioni e dal peso dell'animale: è meglio rivolgersi a un veterinario per non commettere errori.

APPLICAZIONE TOPICA
Per applicazioni esterne, l'argilla è disponibile pronta all'uso, e venduta in genere a circa 10 euro per 400 grammi di pasta. La pasta di argilla deve essere applicata sul gatto e successivamente deve essere coperta con una benda o una garza sterile per almeno due ore.

Se il trattamento deve essere fatto a tutto il corpo, è possibile immergere il gatto in un bagno di fango (non tutti ne saranno contenti). Provate a versare da 200 a 300 grammi di polvere di argilla nell'acqua del bagno, lasciate l'animale lì per circa 15 minuti, quindi risciacquate e asciugate.

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->