Sabato 17 Aprile 2021

Abituare un gatto randagio a casa

  • Pubblicato il:  07/12/2020

Stai pensando di adottare un gatto randagio? Magari si sarà avvicinato sul posto di lavoro e te ne sei innamorato, o ne hai visto uno aggirarsi vicino casa tua. Non è raro trovarli, ma ricorda che portare in casa un gatto randagio non è la stessa cosa che adottare un gattino.


Per rendere il più agevole possibile la transizione tra la vita di strada e la vita domestica, dovrai prestare attenzione a come lo fai. Un gatto randagio è meno abituato alle persone, il che renderà l'inserimento in famiglia un processo più lento del normale.

Differenza tra gatti randagi e gatti abbandonati

Prima di tutto devi conoscere la differenza tra un gatto che è già selvatico e un gatto domestico che è stato abbandonato.

  • ADOTTARE UN GATTO RANDAGIO
    I gatti randagi tendo a scappare quando vedono gli esseri umani. Sono animali totalmente indipendenti e potrebbero aver subito abusi in passato, quindi eviteranno di avvicinarsi. Se sono più fiduciosi, accetteranno il cibo e lo mangeranno vicino a noi, potrebbero anche lasciarsi accarezzare, ma devi lasciarli liberi e non trattarli come se fossero domestici.

    I gatti randagi cacciano, si nutrono da soli e non hanno bisogno di una casa per sopravvivere . Anche se è vero che la loro aspettativa di vita è più breve, se sono già abituati a vivere per strada, il cambiamento ad una vita chiusa in casa può deprimerli e farli sentire oppressi.

    Pensa attentamente se hai intenzione di adottare un gatto randagio. Se è ferito o vedi che non è in grado di sopravvivere per strada, portalo dal veterinario e chiedigli se puoi adottarlo.

    Il miglior aiuto che si può dare ai gatti randagi è sterilizzarli in modo da mantenere sotto controllo le colonie di gatti che vivono per strada e sono continuamente in pericolo.

  • ADOTTARE UN GATTO ABBANDONATO
    Un gatto domestico abbandonato accetterà il contatto con ke persone, e cercherà persino la loro compagnia e, a differenza dei gatti randagi, ha meno possibilità di sopravvivere per strada da solo. Sono gatti che hanno vissuto con gli umani e poi sono stati abbandonati.

    In questi casi è giusto preoccuparci per lui. Bisognerà osservare se ha una casa che gli fornisce cibo e un posto per dormire o se al contrario è solo.

Un trasportino per prenderlo

Sia che tu abbia deciso di catturare un gatto randagio per portarlo dal veterinario o se vuoi proprio adottarlo, il miglior sistema per prenderlo è il trasportino.

È importante che il gatto associ il trasportino a qualcosa di positivo. Non forzarlo, lo vedrà come una cosa negativa e diventerà aggressivo ogni volta che proverai a metterlo dentro. Usa un tono di voce dolce e metti vicino del cibo o degli spuntini. Devi avere molta pazienza.

Essendo un gatto che vive per strada avrà una certa riluttanza a entrare nel trasportino. Prova a metterci anche un giocattolo e un dolcetto. Una volta dentro puoi portarlo dal veterinario o a casa tua senza problemi.

Il veterinario

In genere, quando adotti un gatto randagio, bisogna portalo dal veterinario immediatamente. Un gatto che ha vissuto per strada può aver subito danni fisici a causa di combattimenti, maltrattamenti, abusi... o può aver contratto una malattia o avere le pulci. Andare dal veterinario è fondamentale per escludere qualsiasi tipo di malattia.

Inoltre, ti parlerà delle vaccinazioni obbligatorie di cui avrà bisogno il tuo nuovo compagno peloso. Puoi scegliere anche di mettere il microchip per identificarlo nel caso scappi (cosa che proverà se ha problemi ad adattarsi alla casa). Considera anche l'idea di sterilizzarlo durante quelle prime visite.

Arrivo a casa

Un gatto adottato vorrà esplorare l'intera casa, ma è probabile che all'inizio si nasconda sotto i mobili. Devi accettare questo suo comportamento e dargli il tempo di abituarsi. Non forzarlo mai a venire fuori.

Puoi preparare una stanza e lasciarla completamente per lui o lasciarlo esplorare e decidere quale sarà il suo nascondiglio (è importante che possa aver accesso alla casa). In entrambi i casi, dovrai farti vedere di tanto in tanto e condividere con lui momenti della giornata in modo che possa conoscerti. A poco a poco acquisirà fiducia e arriverà un punto in cui si lascerà accarezzare.

Prima del suo arrivo dovresti avere tutto pronto:

  • Un letto: lo farà sentire molto a tuo agio nella tua nuova casa.

  • Tiragraffi: i gatti randagi usano spesso le unghie per strada. In una casa questo cambia, quindi avrà bisogno di un raschietto per affilarli.

  • Cibo: la ciotola dovrebbe essere messa vicino al suo letto. Approfitta della visita dal veterinario per farti consigliare qual è il miglior cibo per il tuo gatto in particolare. Il cibo umido è molto gustoso per loro, e li aiuterà se è molto spaventato e non vuole mangiare.

  • Scatola e lettiera: posizionala dove puoi vederla ma mai troppo vicina al suo letto e al cibo.

  • Giocattoli: lo aiuteranno a superare la paura e a stabilire un legame con te quando giocate insieme.
Dopo qualche giorno dal suo arrivo potrai spostare il suo cibo e la sua lettiera nel posto da te prescelto. In questo modo incoraggerai il gattino ad uscire e vedere la sua nuova casa.

Sii paziente

Non è affatto raro che dopo pochi giorni il gatto si rifiuti di uscire. Probabilmente vuole aspetterà i momenti più tranquilli della giornata per esplorare la casa.

Inoltre, sarà abituato alla sua routine , quindi avrà bisogno di un po' di tempo per adattarsi alla nuova situazione in cui si trova. È essenziale non forzarlo e trattarlo delicatamente. Aspetta che si avvicini lui per accarezzarlo e usa cibo e giocattoli in modo che ti accetti nella sua vita.

Se devi rimproverarlo perché ha fatto qualcosa di sbagliato, fallo con molta attenzione. Potrebbe aver avuto brutte esperienze per strada e rimarrà sulla difensiva.

Prove di fuga

Il gatto randagio, soprattutto all'inizio, tenderà a scappare. Dovrai assicurarti che le porte e le finestre siano chiuse ma non devi impedirgli di vedere l'esterno. Fallo riposare vicino ad una finestra che si affaccia sulla strada. Se necessario, posiziona una mensola per gatti su cui possa sdraiarsi e passare il tempo a guardare fuori.

Se hai un giardino adattalo in modo che possa uscire senza che scappi. Lo apprezzerà molto. Per quei gatti a cui manca molto la strada ma non hanno il giardino dove uscire, ci sono dei guinzagli speciali per portarli a spasso. All'interno della casa puoi mettere delle piante da annusare e un tiragraffi su cui arrampicarsi.

Se c'è un altro gatto in casa

Adottare un gatto randagio quando ne hai già un altro a casa richiede maggiore cautela. La prima cosa da fare è portare il nuovo felino dal veterinario. È possibile che per strada abbia preso una malattia e l'abbia trasmessa al resto dei gatti. In tal caso, prestare particolare attenzione a lasciali separati fino a quando non ci sarà più alcun pericolo di contagio.

Quando si conoscono, puoi metterti in contatto attraverso una rete. Usandola li farai annusare e conoscersi senza contatto fisico. Se vedi che si tollerano, puoi lasciarli andare, ma veglia sempre su di loro finché non sono completamente a loro agio.

Attenzione !! Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli