Sabato 4 Aprile 2020

Perché il gatto gioca con la sua preda senza mangiarla?

Questo comportamento può sembrare assurdo, eppure è completamente naturale per il gatto e deriva da un antichissimo istinto di caccia presente nei nostri felini domestici. In effetti, per ragioni che per noi sono difficili da comprendere, la caccia e il gioco si fondono, poiché anche quest'ultimo è uno strumento di apprendimento. Quindi, è davvero crudeltà come tendiamo spesso a pensare?

Il gatto, un animale predatore allo stato brado

Ovviamente la risposta è no: il gatto non gioca con la sua preda semplicemente per un suo "piacere" sadico. Anticamente, era un animale da caccia e contrariamente alla credenza popolare, il gatto domestico non perde questo istinto anche se è nutrito comodamente a casa.

In natura, è la fame che motiva la caccia, ma questo non è il caso dei nostri gatti domestici che hanno semplicemente bisogno di stimolare il loro istinto naturale. La predazione è un'attività normale per il gatto ed è in grado di praticarla per gran parte della giornata, anche dopo i pasti! Il comportamento di caccia in senso stretto deve quindi essere distinto dal comportamento alimentare in cui consumerebbe la sua preda.

gatto gioca con la sua preda

Ma allora questo "gioco" non serve a niente?

Da un punto di vista tecnico, ciò che prendiamo per un gioco è in realtà un modo per disorientare la preda e stancarla assicurandosi che non sia pericolosa. Quindi, anche se il gatto sembra giocare con la sua preda per divertimento, e anche se non ha fame, questa fase ha un ruolo reale nel meccanismo di caccia. Infatti, il gatto normalmente finisce la sua preda mordendo la colonna vertebrale; mentre si destreggia con essa, la stordisce e allo stesso tempo cerca il momento opportuno per infliggergli il morso fatale.

Tuttavia, alcuni roditori, come i topi, possono anche ribellarsi con un morso e il gatto potrebbe addirittura perdere un occhio! Infine, interrompendo il gioco, magari fingendo di non essere interessato alla sua vittima, il gatto verifica che la sua preda sia abbastanza esausta; se cerca di scappare, il gioco riprenderà da capo.

Il gioco deriva dal comportamento di caccia

Dopo aver catturato la sua preda (topo, lucertola, uccello ...) il gatto inizierà a giocarci e il povero sfortunato lo stimolerà ancora di più con i suoi movimenti e le sue prove di liberazione. Questo strano rituale sarebbe un modo per liberare lo stress e la tensione accumulati durante la fase di predazione. Inoltre, si riferisce a ciò che la madre gli ha insegnato durante l'addestramento, che è stato poi visto dai gattini come un gioco.

Quindi, è soprattutto un forte bisogno di giocare che spinge il gatto domestico a cacciare, e non è in grado di capire che lì sta facendo qualcosa di sbagliato. Allo stesso modo, un gatto che porta a casa la sua preda pensa abbia fatto una cosa giusta e non ha senso punirlo o respingerlo, perché è scritto nel suo istinto riportare il cibo nel "nido" come faceva sua madre.

gatto porta a casa la sua preda

Perché il mio gatto porta la sua preda?

Quando il gatto porta la preda al suo padrone, pensa di portargli del cibo e così imita il comportamento di sua madre quando era piccolo. Anche un gatto domestico che non si è mai nutrito di prede avrà questo istinto, proprio come quello del gioco che è legato alla caccia, e questo non è possibile cambiarlo.

Per quanto paradossale possa sembrare, in qualche modo vi considera il suo piccolo e vi offre una preda morta per nutrirvi e una preda vivente per insegnarvi come cacciare! Quindi non è necessario arrabbiarsi con lui o togliergli bruscamente la sua preda: in ogni caso, questo non gli impedirà di rifarlo. Meglio simulare una finta soddisfazione e poi liberarsene discretamente...

Immaginate la vostra reazione se foste rimasti ore e ore a preparare un pasto e i vostri figli vi avessero detto apertamente che era disgustoso! Se la preda è ancora viva, potete tranquillamente liberarla all'esterno per far capire al gatto che il terreno di caccia si ferma fuori casa, e sperando che il malcapitato riesca a scappare...

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Non ci sono ancora Commenti

Lascia Tu il primo Commento

Ultimi Articoli

-->